Il nuoto festeggia le prime medaglie dell’Italia alle Paralimpiadi Rio 2016

L’Italia Team alle Paralimpiadi di Rio de Janeiro rompe il ghiaccio al secondo giorno di gare. Dopo l'argento di Francesco Bettella arriva anche quello di Federico Morlacchi.

Il nuoto festeggia le prime medaglie dell’Italia alle Paralimpiadi Rio 2016

L’Italia Team alle Paralimpiadi di Rio de Janeiro rompe il ghiaccio al secondo giorno di gare. E’ tripudio azzurro all’Aquatics Center, dopo l’argento di Francesco Bettella sui 100 dorso S1, arriva quello strepitoso di Federico Morlacchi, sui 400 stile S9 si ferma alle spalle dell’australiano Hall, oro con 4:12.73. Per il varesino, il secondo crono, in 4:17.91. Bronzo al britannico White, con 4:21.38. Le prime due medaglie, per gli azzurri, dunque arrivano dall’Aquatics Center, dove Francesco Bettella ha aperto le danze, meritandosi un fantastico argento nei 100 dorso S1. Il padovano ha nuotato in 2:27.06, giungendo alle spalle dell’ucraino Boiko (2:08.01) e davanti all’altro ucraino Kol (2:27.45).

“Grandi i nuotatori azzurri Bettella e Morlacchi- il commento del Presidente Pancalli – le prime due medaglie. Da oggi iniziamo e non a caso lo facciamo dal nuoto. A Londra fu lo stesso, anche se in quella circostanza partimmo con un bronzo, e alla fine ottenemmo buoni risultati. Che sia, pertanto, di buon aspicio, non solo per tutto il Team Azzurro del nuoto ma anche per l’intera Delegazione Italiana a Rio”.

Allianz sostiene le Paraolimpiadi e gli atleti paraolimpici profughi e richiedenti asilo – Sir Philip Craven, Presidente del Comitato Paralimpico Internazionale (IPC) e Jean-Marc Pailhol, Direttore Market Management and Distribution di Allianz SE, hanno firmato oggi un accordo che cementa la partnership tra l’IPC e Allianz.

“Allianz è stato un partner estremamente propositivo e leale, schierato a fianco dell’IPC da oltre 10 anni. Ritengo che la nostra partnership stia davvero facendo la differenza in questo mondo e sono molto soddisfatto per la firma di questa lettera di intenti che estenderà tale partnership di altri quattro anni”, ha dichiarato Sir Philip Craven.

 “Allianz è orgogliosa di sostenere il Movimento Paralimpico per promuoverne la visibilità presso il grande pubblico, oltre a generare maggior interesse negli sport paralimpici e sul tema dell’inclusione” afferma Jean-Marc Pailhol. “Vogliamo contribuire a costruire una società più equa in cui le persone godano di pari opportunità.”

La partnership è caratterizzata da una crescente comprensione reciproca e una sempre maggiore consapevolezza della forza che le persone con disabilità sono in grado di esprimere. Oltre alla collaborazione a livello globale, 14 società del gruppo Allianz sostengono i Comitati Paralimpici Nazionali in Australia, Argentina, Colombia, Croazia, Repubblica Ceca, Germania, Grecia e Ungheria nonché in Messico, Irlanda, Slovacchia, Sri Lanka, Svizzera e nel Regno Unito.

 

Il sostegno di Allianz alla Squadra di Atleti Paraolimpici Indipendenti, composta da profughi e richiedenti asilo

 

Allianz sosterrà inoltre la Squadra di Atleti Paralimpici Indipendenti (IPA), attraverso un’assicurazione di viaggio ai Giochi Paralimpici di Rio 2016 nonché durante il soggiorno a Rio de Janeiro.

 

Werner Zedelius, membro del Board of Management di Allianz SE, sottolinea in particolare: “Fornire l’opportunità di gareggiare a Rio agli atleti paralimpici richiedenti asilo o con lo stato di rifugiati, è un atto che rispecchia perfettamente l’impegno di Allianz ed è molto importante per noi. Personalmente trovo ispirazione nella motivazione di tutti gli atleti paralimpici a battersi per l’eccellenza. Quelli tra loro che sono attualmente senza una patria devono superare barriere ancora più alte.”

Oltre alla partnership con l’IPC, Allianz prende parte alla campagna #FillTheSeats consentendo a 3.000 bambini e persone con disabilità di assistere ai Giochi Paraolimpici di Rio 2016. La campagna è stata promossa da Greg Nugent, ex Direttore Marketing di Londra 2012 e ha lo scopo di portare negli stadi Paralimpici 20.000 bambini e individui brasiliani con disabilità. Il contributo aiuterà a diffondere il concetto di Paralimpiadi e a creare una società più inclusiva.

Oltre ad offrire sostegno finanziario al Movimento, Allianz ha posto in essere campagne di sensibilizzazione agli sport paralimpici e invitato campioni paralimpici presso la Compagnia perché tenessero sessioni motivazionali a dipendenti, dirigenti, agenti e clienti, aumentando così il numero di Ambasciatori Paralimpici nel mondo. Con questo approccio Allianz cerca di abbattere potenziali barriere e dimostrare che le persone portatrici di disabilità rappresentano una componente parimenti preziosa della società.

Il nuovo accordo quadriennale coprirà un intero ciclo di Giochi Paralimpici, incluso il sostegno di Allianz ai Comitati Paralimpici Nazionali (NPC) durante il percorso verso i Giochi Invernali di PyeongChang 2018 e i Giochi Estivi di Tokyo 2020.

Please follow and like us:

Lascia un commento

La tua email non apparirà

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.