10° WeWorld Festival – L’emancipazione femminile nel mondo dello sport

Il 23 e 24 novembre, al Teatro Litta di Milano la decima edizione della rassegna che attraverso film, spettacoli, talk e mostre parla di empowerment femminile e diritti delle donne. Quest'anno il tema centrale è dedicato allo sport.

10° WeWorld Festival – L’emancipazione femminile nel mondo dello sport

Milano, 21 Novembre 2019 – Torna il 23 e 24 novembre a Milano, al Teatro Litta di Corso Magenta, il WeWorld Festival, l’evento annuale, quest’anno alla decima edizione, di WeWorld Onlus, la Fondazione impegnata da oltre vent’anni nella difesa di donne e bambini in Italia e nel mondo. Molteplici le tematiche al centro di questa edizione, che saranno declinate nei due giorni attraverso dibattiti, film, reading, performance teatrali e mostre, tutte ad accesso libero e gratuito. Nuovi e vecchi stereotipi legati alla figura della donna, strade alternative per conquistare l’emancipazione femminile e approfondimenti sul tema delle migrazioni e della violenza di genere, con testimonianze dai fronti internazionali in cui opera WeWorld.

Al centro dell’edizione di quest’anno sarà un tema di grande attualità: l’emancipazione femminile nel mondo dello sport. Storie, pregiudizi, stereotipi e sfide legate alla presenza delle donne nel mondo dello sport verranno raccontati in diversi incontri durante la due giorni, con protagoniste di primo piano dello sport italiano e internazionale.

Si parte sabato 23 novembre con il talk “Dritte alla meta. La lunga corsa verso l’emancipazione femminile nello sport”, in cui si parlerà dello sport come veicolo di emancipazione e nuova frontiera per sfatare stereotipi di lunga data sulla figura femminile, con la star della pallavolo Francesca Piccinini insieme ad Adele Bernocchi, in arte Queen Maya, protagonista in uno sport a lungo considerato solo appannaggio maschile: il wrestling. Con loro, a raccontare le imprese delle tante donne straordinarie che hanno fatto la storia dello sport, Serenella Quarello e Fabiana Bocchi, autrice e illustratrice di “Non puoi correre con i pantaloncini corti” (Rizzoli). Modera Giacomo Iacomino, giornalista de La Gazzetta dello Sport. Sala Foyer, ore 15

Domenica 24 Novembre sarà invece protagonista l’associazione Cavallo Rosa, nata per denunciare casi di abusi nel mondo dello sport, con il dibattito “Start to Talk. Il ruolo del coach e l’abuso di potere. Storie di manipolazioni e silenzi nel mondo dello sport. Le proposte per una svolta”. Tema dai molteplici risvolti e sfumature, che verranno trattate da protagonisti di primo piano del mondo dello sport ma anche della magistratura e del giornalismo, moderati dalla Presidente di Cavallo Rosa, la giornalista Daniela Simonetti: Franco Arturi, Presidente della Fondazione Candido Cannavò, il Presidente Lega Serie B Mauro Balata, il direttore de La Stampa Maurizio Molinari, il Responsabile settore giovanile dell’Inter Roberto Samaden, il Presidente della Lega Femminile Volley Mauro Fabris. Sala Foyer, ore 10.30

Il Cavallo Rosa punta a creare un cartello per uno Sport capace di tutelare le donne, i ragazzi, le ragazze, i bambini e le bambine. Bisogna adeguare i regolamenti di giustizia delle Federazioni Sportive Italiane in favore dei minori e del movimento femminile che si impone ogni giorno di più all’attenzione del mondo. Ma dobbiamo fare in modo che si parli di donne e bambini non solo quando si vincono titoli e medaglie ma anche quando giovani atleti sono vittime di un sistema che deve ancora imparare a saper ascoltare le loro voci”, Daniela Simonetti, presidente del Cavallo Rosa.

Ed è ancora sport al centro per la campagna “UN ROSSO ALLA VIOLENZA”: realizzata insieme a Lega Serie A e alla sua terza edizione, nasce per dare un simbolico cartellino rosso alla violenza sulle donne. Concretamente i calciatori e gli arbitri scenderanno sul terreno di gioco con un segno rosso sul viso nella 13° giornata di Campionato serie a Tim; anche i social si coloreranno di rosso con le foto dei protagonisti che dichiareranno il proprio impegno pubblicando una foto con il simbolo della campagna, esortando i propri followers a fare lo stesso con l’hashtag #unrossoallaviolenza. Protagonisti dell’appello nello spot: gli sportivi Marco Materazzi, Corradi Bernardi, Alessandro del Piero, Elisa Di Francisca, Marta Pagnini e Rossella Brescia. Oltre ai protagonisti del mondo del calcio e dello sport, hanno aderito attrici, aziende e istituzioni. Tra questi: Benedetta Porcaroli, Camilla Filippi, Francesca Senette, Francesco Mandelli, Federico Russo e Giulia Elettra Gorietti.

Per informazioni: WeWorld Onlus

Abbonati qui a Express VPN, ottieni il 30% di sconto

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.