11° Gran Prix Internazionale Juniores, show dell’Italia

11° Gran Prix Internazionale Juniores, show dell’Italia

L’11° Gran Prix Internazionale Juniores, seconda tappa della 6ª International Shotgun Cup, si chiude con un altro successo per il Tiro a Volo Italiano. Dopo quelli storici, fatti registrare all’Europeo di Sarlospuszta (HUN) in occasione del Campionato Europeo, gli azzurrini hanno continuato a mietere risultati esaltanti anche nel fine settimana sulle pedane friulane del Tav Porpetto.
Tra le 12 nazioni (Canada, Finlandia, Francia, Germani, Gran Bretagna, India, Malta, Polonia, Serbia, Slovacchia, Slovenia e Italia), rappresentate dagli 82 partecipanti, l’Italia è quella che ha ottenuto il bottino più consistente: 9 medaglie individuali (2 ori, 4 argenti e 3 bronzi) e 7 a squadre (5 ori, 1 argento e 1 bronzo).
Partendo dalla Fossa olimpica, nel comparto maschile Andrea Boeri di Casarza Ligure (GE) si è arreso solo al serbo Borko Vasilievic. Nello scontro diretto per l’oro, infatti, l’azzurro ha ceduto le armi con il punteggio di 12 a 10 a favore di Vasilievic, meritandosi l’argento individuale. Sul terzo gradino del podio lo slovacco Filip Marinov con 12 a 9 sul connazionale Adrian Drobny. In semifiale, anche se fuori dai giochi per le medaglie, Luca Miotto (Fiamme Oro) di Ciliverghe ed Emanuele Buccolieri di San Pancrazio (BR), che insieme a Diego Valeri di (Fiamme Oro) di Artena (RM), si sono meritati l’oro a squadre con 344/375. Sul podio a squadre anche le compagine azzurra formata da Andrea Boeri, Antonio Michael Torsello (Fiamme Oro) di Surbo (LE) e Alessio Franquillo di Trevi (PG), bronzo con 335 alle spalle degli slovacchia, argento con 337.
Podio tutto azzurro quello della Fossa Olimpica Femminile, in cui Lisa Nicole Marzo di Olbia, Alessia Iezzi (Forestale) di Manoppello (PE) e Maria Lucia Palmitessa (Fiamme Oro) di monopoi (BA) hanno conquistato, rispettivamente, oro, argento e bronzo, non lasciando margini di movimento alle avversarie. Situazione simile anche per il podio a squadre. Marzo Palmitessa e Valeria Raffaelli (Fiamme Oro) di Morgano (TV) hanno conquistato la medaglia d’oro con 201/225, mentre Iezzi, Antonia Ricciardi di Acquarola San Severino (SA) e Mara Pisanello di Gallipoli (LE) si sono meritate l’argento con 182. Terze sul podio con 174 le tiratrici indiane.
Nello Skeet Maschile, il migliore in pedana è stato Sebastian Vrignaud. Arrivato al medal match più importante, il francese ha battuto il nostro Jacopo Di Grazia (Vigili Del Fuoco) di Montecatini Terme (PT) solo allo spareggio. I due, infatti, si sono eguagliati con un identico 12/16, poi il cugino d’oltralpe ha approfittato di una incertezza del tiratore delle Fiamme Rosse, chiudendo lo shoot-off con +6 a +5. Sorte opposta per Valerio Palmucci, impegnato nel medal match per il bronzo. Il portacolori delle Fiamme Oro di Fiano Romano (RM) si è assicurato il terzo posto battendo il francese Dylan Chauray con 13 a 12. Lo scontro Italia – Francia è proseguito anche nella classifica a squadre, ma in questo caso la vetta del podio è stata degli azzurri Di Grzia e Palmucci, aiutati dal pistoiese Matteo Chiti, che hanno centrato l’oro con il totale di 340/375, un piattello in più dei gallettil, argento con 339, e dieci in più degli indiani, terzi con 330.
Nella classifica individuale femminile, i colori azzurri sono stati difesi da Francesca Grieco di Ottati (SA), terza dopo aver vinto il medal match contro l’indiana Jasmeen Kaur per 9 a 8. La Grieco, insieme a Francesca Del Prete di Cisterna di Latina (LT) e Giada Longhi di Roccaranieri (RI) si sono rifatte con l’oro a squadre con il punteggio di 172/225.
Infine, nel Double Trap, Jacopo Duprè De Foresta di Montepulciano (SI) è salito sul gradino più alto del podio battendo il connazionale e compagno di squadra Andrea Galesso di Dolo (VE) con 25/30 a 20. Sul terzo gradino del podio l’inglese Connor Gorsuch,vincitore dello scontro diretto contro il canadese Kabir Dhillon con 25 a 24. Duprè De Foresta e Galesso, aiutati da Jacopo Dal Moro di Selvazzano Dentro (PD) hanno messo al collo anche l’oro a squadre con 357/450.
“E’ una grande soddisfazione per il nostro Paese – spiega il Presidente Fitav Luciano Rossi – In un momento in cui i giovani sono spesso irretiti da false chimere, questi ragazzi hanno dimostrato, ancora una volta, che solo il lavoro serio e l’impegno premiano davvero. L’Italia del Tiro a Volo ha sempre fatto scuola nel mondo. Abbiamo accettato la sfida che ci è stata posta dagli altri paesi, cresciuti in qualità ed in quantità, ed abbiamo risposto in maniera positiva, continuando ad investire sui giovani, unica vera risorsa per il nostro futuro”.

Lascia il tuo commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.