Europei Pentathlon Juniores, l’Italia prima del medagliere

Con l'argento nel misto di Colasanti e Tognetti l'Italia chiude al primo posto del medagliere con 2 ori, 2 argenti e 1 bronzo.

Europei Pentathlon Juniores, l’Italia prima del medagliere

Con l’argento nella staffetta mista l’Italia del Pentathlon conclude uno dei migliori campionati europei juniores degli ultimi anni, che ha visto gli azzurri conquistare 2 medaglie d’oro nell’individuale, 2 medaglie d’argento (coppia mista e a squadre) e un bronzo (nell’individuale).

In gara domenica, nella staffetta mista, c’erano 12 coppie oltre a quella azzurra forte del fresco campione juniores Alessandro Colasanti (storico il suo successo venerdì) e Aurora Tognetti. Per la Tognetti è la terza dopo il bronzo individuale e l’argento a squadre dell’altro ieri. Grazie all’argento conquistato nella prova conclusiva, l’Italia vince il medagliere del Campionato Europeo con un bottino finale di due ori, due argenti e un bronzo.

Per la cronaca, l’oro è stato vinto dalla staffetta bielorussa Palazkov-Prasiantsova con 1482 punti, il bronzo da quella polacca Lawrynowicz-Dominiak con 1442 punti. 

La gara di domenica inizia bene per la staffetta azzurra che vince la prova di nuoto in 1:59.68 (341 punti) davanti alla coppia bulgara Peshleevski-Timofeeva (2:00.21 – 340 punti) e a quella irlandese Erskine-Stallard (2:01.18 – 337 punti). Il ranking round di scherma è ancora sotto il segno azzurro, con la coppia italiana prima con 265 punti (34v-10s) che vola in testa alla classifica con 606 punti totali, davanti alla staffetta bulgara con 585 punti e a quella bielorussa Palazkov-Prasiantsova con 569 punti. Il bonus round di scherma non cambia la classifica mentre l’equitazione sposta gli equilibri. In testa dale la Bulgaria con 866 punti (281 nell’equitazione), l’Italia è seconda con un solo punto di distacco (259 nell’equitazione) e in terza posizione sale la staffetta tedesca Gebauer-Matthes con 855 punti (300 nell’equitazione). Il combined vede la grande rimonta della staffetta bielorussa che chiudendo in 11:05.53 vince la gara davanti agli azzurrini (11:26.50) e ai polacchi Lawrynowicz-Dominiak (11:05.87) autori anche loro di una bella rimonta. 

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.