Paralimpiadi Rio 2016, Morlacchi regala il primo oro all’Italia

Paralimpiadi Rio 2016, Morlacchi regala il primo oro all’Italia

NUOTO – Continua la raccolta di medaglie per gli azzurri all’Olimpic Aquatics Stadium.

Uno scatenato Federico Morlacchi vince la medaglia d’oro e l’Italia sportiva fa grande festa. I 200 misti SM9 nuotati oggi a Rio de Janeiro lo incoronano re della vasca paralimpica. A fine giornata anche la medaglia d’argento di Giulia Ghiretti , con uno straordinario record italiano nei 100 rana SB4, fa esultare di nuovo i tifosi azzurri .

Ieri giornata di grandissime soddisfazione con il tris di medaglie di Vincenzo Boni bronzo nei 50 dorso S3, di Giulia Ghiretti bronzo nei 50 delfino S5 e di Cecilia Camellini  argento nei 400 stile libero S11.

“Mi sono divertito moltissimo, è stata una fatica mostruosa, soprattutto nell’ultima frazione di stile libero – dice Morlacchi ai microfoni di Raisport – nel passaggio tra rana e stile mi son detto: dai che forse ce la faccio, sono arrivato stremato, non sarei riuscito a far 10 metri di più, ma d’altronde si vince sulla lunghezza dei 200 non dei 210!”Ride raggiante, fa lo spiritoso, ma ancora non ci crede, parla velocissimo, l’adrenalina gli fa da padrona, d’altronde come non potrebbe essere altrimenti. Il giovane di luino ha lavorato 4 anni, da Londra 2012 a Rio e finalmente è riuscito a realizzare il suo sogno, il nostro sogno. Federico allenato da Massimiliano Tosin e tesserato alla Polha Varese, alla paralimpiade britannica,  portò all’Italia 3 medaglie di bronzo rispettivamente nei 100 delfino, nei 400 stile libero e nella sua preferita: i 200 misti.

Al Mondiale canadese nel 2013, è oro nei 100 delfino, argento nei 400 stile e bronzo nei 200 misti. Nel Campionato Europeo di Eindhoven esagera e fa incetta di successi: 5 medaglie d’oro: 100 delfino, 100 rana, 100 stile libero, 200 misti e 400 stile libero.

Nel world Championships di Glasgow Morlacchi fa parlare nuovamente di sè e guadagna una medaglia d’oro nella sua preferita, i 200 misti, 3 argenti nei 50 stile, 100 farfalla e 400 stile. Doppio successo quest’anno prima con gli Europei di Funchal e ora con i Giochi Paralimpici.

Dopo l’argento di due giorni fa, oggi Federico canta forte l’inno di Mameli e si mette al collo un oro pesantissimo – “Questa medaglia non la dedico a nessuno in particolare, è tutta mia – prosegue Morlacchi – non mi sento neanche emozionato, io non mi commuovo, faccio piangere gli altri. Anche se quanto ho cantato l’inno mi son dovuto concentrare per non tirar giù qualche lacrima. Adesso che ho questa medaglia in mano la metto in tasca e penso ai 100 stile libero. Ci penserò tra 4 giorni a fine gare”.

Due su due per Giulia Ghiretti alle Paralimpiadi di Rio de Janeiro. Dopo l’inaspettato bronzo nei 50 metri farfalla S5, arriva stavolta una conferma: la nuotatrice classe ’94, tesserata Ego Nuoto e Fiamme Oro, conquista uno straordinario argento nei 100 metri rana SB4, abbassando anche in questa categoria il record italiano col tempo di 1’50″58. Prima di lei soltanto la fortissima norvegese Sarah Louise Rung, oro col crono di 1’44″94, mentre chiude il podio la nuotatrice di Singapore Theresa Goh, terza con 1’55″55.

Gara con tanta attesa e pressione per Giulia, che arrivava in Brasile da vicecampionessa europea e mondiale in carica e che è riuscita nel sempre arduo compito di confermarsi al top nella categoria. Impressionante la volata nella seconda vasca, che annulla la prima frazione chiusa in terza posizione e consegna alla nuotatrice la seconda posizione sul podio dell’ Olympic Aquatics Stadium di Rio.

Giulia Ghiretti tornerà nuovamente in vasca nei prossimi giorni per le ultime due gare: giovedì competerà per i 200 misti, mentre venerdì sarà il turno dei 50 dorso.

MEDAGLIERE AL 4^ GIORNI DI GARA PER IL NUOTO PARALIMPICO:

MEDAGLIERE AL DAY 4 (11 settembre)

ORO (1)
Federico Morlacchi 200 misti SM9 – 11 settembre

ARGENTO (4)
Francesco Bettella 100 dorso S1 – 9 settembre
Federico Morlacchi 400 stile libero S9 – 9 settembre
Giulia Ghiretti 100 rana SB4 – 11 settembre
Cecilia Camellini 400 stile libero S11   – 10 settembre

BRONZO (2)
Vincenzo Boni 50 dorso S3 – 10 settembre
Giulia Ghiretti 50 delfino S5 – 10 settembre

PARA-ROWING: Il canottaggio italiano torna dalle Paralimpiadi di Rio de Janeiro ottenendo, in assoluto, un ottavo posto nel singolo AS Maschile di Fabrizio Caselli, un nono posto nel singolo AS femminile di Eleonora De Paolis e una decima posizione nel quattro con LTAMix di Valentina Grassi, Tommaso Schettino, Luca Lunghi, Florinda Trombetta e Giuseppe “Peppiniello” Di Capua al timone. A fronte delle mancate posizioni che vanno dal primo al sesto posto, va sottolineato il buon comportamento delle tre barche azzurre in gara che hanno sempre, e in ogni fase, lottato contro equipaggi agguerriti i quali da anni gareggiano più o meno con la stessa formazione o sono sempre, nei singoli, con gli stessi atleti. La Nazionale Para-Rowing torna a casa con la consapevolezza di essere il vertice di un movimento italiano che, negli ultimi anni, è sicuramente cresciuto anche se molto dovrà ancora fare per reclutare le persone da immettere nel circuito dello sport agonistico.

Lascia un commento

La tua email non apparirà

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.