Giovanni De Gennaro oro nel K1 nella Coppa del Mondo di Markkleeberg

Gara perfetta quella dell'azzurro in una gara nella quale anche l'altro italiano Zeno Ivaldi ha sfiorato il podio, chiudendo al 4° posto.

Giovanni De Gennaro oro nel K1 nella Coppa del Mondo di Markkleeberg

Giovanni De Gennaro vince la medaglia d’oro nel K1 maschile tra le acque tedesche di Markkleeberg, sede della terza prova stagionale di Coppa del Mondo di Canoa Slalom. Una gara perfetta, quella messa in acqua dal Carabiniere bresciano di Roncadelle, che dopo il decimo posto di semifinale, in finale parte per primo, piazza il tempone e fa sua la medaglia d’oro.

A poco più di un anno dall’oro conquistato, sempre in coppa del mondo, nel giugno 2016 a Ivrea, poco prima di volare poi ai giochi olimpici di Rio, Giovanni De Gennaro torna dunque nuovamente sul gradino più alto del podio. L’oro odierno arriva grazie al tempo di 92,83. A 2.95 di ritardo chiude al secondo posto il tedesco Sebastian Schubert mentre il bronzo va al giapponese Kazuya Adachi, staccato da Giovanni De Gennaro di 5.46.

Quarto posto, ad un passo dal podio e da quello che sarebbe potuto essere un bis azzurro, Zeno Ivaldi, pagaiatore del CC Verona staccato di 6.33 dalla medaglia d’oro di Giovanni De Gennaro. Pesano sulla sua gara, purtroppo, i due tocchi di palina e i conseguenti quattro secondi di penalità senza i quali anche per Zeno sarebbe arrivata la gioia della medaglia. Domani si torna in gara con Stefanie Horn nel K1 femminile e Roberto Colazingari nel C1 maschile.

“Sono contento di aver ripreso a buoni ritmi – dice Zeno – anche se dopo il quarto posto a squadre agli europei e il quarto posto di oggi, direi che con i legni spero di aver chiuso in questa stagione. In vista della prossima prova di coppa del mondo in programma a Ivrea questo risultato dà comunque positività; ora però è chiaro che ho voglia di migliorarmi ulteriormente, su un canale, quello italiano, nel quale lavoriamo spesso e che mi piace decisamente di più rispetto a questo. Qui il percorso era strano, piuttosto difficile e con molte sponde; le sensazioni insomma non erano delle migliori ma nonostante ciò sono riuscito ad interpretare bene la gara e ad arrivare ad un passo dalla soddisfazione personale e dal podio. A Giovi ovviamente ho fatto i complimenti; sono contento per lui, è una medaglia importante e bellissima e dà carica a tutta la squadra”. 

 

“Appena arrivato al traguardo ho capito di aver fatto una grande gara. Mi aspettavo un 94, sarei stato contento anche di un 95 secondi ma arrivare addirittura a 92 è stato pazzesco. I brividi; il percorso ha portato moltissimi a sbagliare, le condizioni meteo non hanno aiutato e la pressione era tanto – commenta a caldo Giovanni De Gennaro dopo la medaglia – ho pensato ad andare, a spingere e ad andare. Un anno fa a Ivrea fu bellissimo, vincere davanti alla mia gente è stato fantastico. Qui però il sapore è diverso, perchè qui c’erano tutti i migliori, non giocavamo in casa e la sfida era ancor più difficile. Vincere, è straordinario, e dà ulteriore carica per presentarci a Ivrea, dall’1 al 3 settembre per la quarta prova di coppa del mondo dopo la pausa, ancor più agguerriti e desiderosi di difendere il nostro tricolore e tenere alto l’orgoglio italiano. Quale è stato il segreto della mia vittoria di oggi? Non lo so, so solo che ho forzato quando serviva, lasciando andare e attendendo laddove forzare mi è parso inutile. Spingendo sempre, oggi, non si arrivava al traguardo. E’stato bellissimo”. 

“Non è ancora finita perchè domani ci sono altre finali ma queste medaglie, questi risultati, danno fiducia – commenta il dt azzurro Ettore Ivaldi – il percorso era difficile e senza una particolare logica ma i ragazzi sono stati bravi ad intepretarlo al meglio e a trasformare le difficoltà in opportunità. Stiamo lavorando molto ed è bello vedere che i ragazzi seguono i propri compagni a bordo fiume, correndo e incitandoli lungo tutta la gara; e vedere che i risultati arrivano, nel kayak maschile, nel kayak femminile, nella canadese. Vedere che si aiutano reciprocamente è bellissimo per noi tecnici ed è uno degli aspetti fondamentali sui quali lavorare per far crescere l’intera squadra”. 

A premiare Giovanni De Gennaro sul podio, ad un anno di distanza da quando a Ivrea condivise il podio proprio con #GioviDeGe, è stato oggi Daniele Molmenti, al suo primo oro da direttore tecnico azzurro: “E’ bello vedere che il ciclo continua, che l’Italia continua a salire sul podio – commenta Daniele – Giovanni era dall’inizio dell’anno che cercava questa prestazione e oggi è riuscito nel suo intento, per il quale abbiamo lavorato moltissimo. L’obiettivo di questa stagione è ovviamente il mondiale di Pau (Francia) tra settembre e ottobre, ma podi come questi danno grande carica. Le sensazioni provate oggi da Giovanni, ma anche la grande prova di Zeno e la semifinale conquistata da Marco Vianello sono pezzi di un grande e più ampio puzzle al quale ci stiamo dedicando con anima, cuore e passione. Abbiamo lavorato sulle virgole, sui dettagli, e continueremo a farlo. Solo così si migliora. Adesso attendiamo di vedere come andrà domani con le finali del kayak femminile e della canadese monoposto, continuando a lavorare e a rimanere concentrati. Bravi davvero, forza azzurri”. 

Risultati in diretta, live streaming e dettagli al link: https://www.canoeicf.com/canoe-slalom-world-cup/markkleeberg-2017

Lascia un commento

La tua email non apparirà

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.