Canoa Velocità, Italia chiude con quattro medaglie i Mondiali di Racice

Argento con Carlo Tacchini nel C1 500 e con Susanna Cicali e Francesca Genzo nel K2 200, bronzo per Nicolae e Sergiu Craciun nel C2 500 (bronzo) e di Gabriel Esteban Farias, oro, nella finale del KL1 200 della paracanoa.

Canoa Velocità, Italia chiude con quattro medaglie i Mondiali di Racice
Nell’ultima giornata di gare al mondiale di canoa velocità a Racice (Repubblica Ceca), l’Italia torna due volte sul podio e lo fa con autorità, conquistando il secondo posto con Carlo Tacchini nella finale del C1 500 e con Susanna Cicali e Francesca Genzo nel K2 200. Due medaglie d’argento pesanti e importanti, che seguono a ruota quelle conquistate nei giorni scorsi da Nicolae e Sergiu Craciun nel C2 500 (bronzo) e da Gabriel Esteban Farias, oro, nella finale del KL1 200 della paracanoa.

Quattro medaglie, alle quali hanno fatto da cornice risultati altrettanto importanti, anche se a ridosso del podio, ottenuti dagli altri azzurri. La prima soddisfazione arriva dal K2 femminile di Francesca Genzo e Susanna Cicali, equipaggio che già in coppa del mondo a Szeged (Ungheria) era salita sul podio. Di fronte al pubblico ceco, la coppia formata dalla triestina e portacolori della SC Ticino Pavia Francesca Genzo e dall’atleta fiorentina delle Fiamme Azzurre Susanna Cicali parte bene, sprinta bene e chiude in seconda posizione dopo 37.058 secondi di gara. Un’apnea emozionante, seconda solo alle ungheresi Reka Hagymasi e Agnes Szabo che vincono con soli 63 millesimi di vantaggio sull’equipaggio italiano. Bronzo per le britanniche Hannah Brown e Angela Hannah, staccate dalle azzurre di mezzo secondo. Susanna Cicali che nel pomeriggio chiude in undicesima posizione la finale del K1 5000 vinta dall’ungherese Bodonyi.

Soddisfazione, e riscatto dopo il quarto posto di ieri, arriva poco dopo per Carlo Tacchini che dopo il podio sfiorato ieri nei 1000, oggi chiude con potenza e mette al collo l’argento nel C1 500. La partenza non è delle migliori e ai 250 metri il pagaiatore in forza alle Fiamme Oro passa con il terzo tempo, a sette decimi dal bielorusso Piatrou. Nella seconda parte di gara però l’atleta verbanese cambia ritmo e mette in mostra le sue grandi doti sulla distanza, recuperando pagaiata dopo pagaiata e chiudendo al traguardo in seconda posizione, a 584 millesimi dalla medaglia d’oro che va la ceco Martin Fuksa in 1.49.725. Tacchini esulta per l’argento conquistato in 1.50.309 e con un vantaggio di tre decimi sul bronzo che va al collo del bielorusso Piatrou. Tacchini che poco più tardi nella finale del C1 5000 chiude invece al quarto posto e a due secondi e mezzo dal podio. L’oro va al tedesco Sebastian Brendel davanti al cubano Torres Madrigal e al polacco Kaminski.

BRONZO DEI FRATELLI CRACIUN – Italia sul podio grazie alla furia dei fratelli Sergiu e Nicolae, autori di una performance di bronzo nel C2 500m. Si colora d’azzurro il campo di gara iridato di Racice, con i due fratelli che crescono agonisticamente giorno dopo giorno e regalano all’Italia un podio mondiale. E’ così che la canoa tricolore, dopo l’oro di ieri nella paracanoa con Esteban Farias, archivia un ulteriore risultato di prestigio dimostrando di essere sulla strada giusta. Canadese protagonista anche con Carlo Tacchini, azzurro finalista a Rio, che sfiora il bronzo nel C1 1000m. Posizioni di rilievo con il K2 200m di Bertolini – Spotti, quinti in una sfida da brivido, fuori per pochi colpi dalle nove corsie finali.

GABRIEL ESTEBAN FARIAS E’ CAMPIONE DEL MONDO NEL KL1 200m. GUARDA IL VIDEO – Non si accontenta Gabriel Esteban Farias e, ​dopo il titolo europeo conquistato a Plovdiv lo scorso 16 luglio, a Racice mette al collo la medaglia d’oro iridata nella specialità paralimpica. Il bissolatino con origini argentine pagaia veloce nel KL1 200m, chiudendo con la sula caratteristica progressione finale. Una gara carica di potenza e lucidità lo porta a registrare il crono di 47.116, precedendo l’ungherese Robert Suba, attardato di +0.322 ed il brasiliano Luis Cardoso Da Silva a +0.900; rispettivamente argento e bronzo.

 

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.