2ª Prova di Coppa del Mondo Skeet, inerrastabile Rhode

Oro e record per la statunitense che si conferma sempre più regina della specialità. Quarta l'azzurra Katiuscia Spada, 13ª la Cainero, 19ª la Bacosi.

2ª Prova di Coppa del Mondo Skeet, inerrastabile Rhode

Changwon (KOR) – La regina dello Skeet femminile resta l’americana Kimberly Rhode. La Campionessa Olimpica di Londra 2012 si è portata a casa l’oro nella seconda prova di Coppa del Mondo Skeet migliorando il record del mondo, già nelle sue mani, ed alzando l’asticella fino allo score di 58/60. Con lei sul podio sono anche l’inglese Amber Hill, argento con 55/60, e la statunitense Amber English, bronzo con 44/50.

Sfortunata Katiuscia Spada. La poliziotta di Fabro (TR) è entrata in finale con lo score di 118/125 e si è trovata a dover spareggiare proprio con la English per determinare il pettorale per la corsa alle medaglie. Le due non si sono risparmiate e la sfida le ha portate a sparare 30 piattelli, 5 in più di quelli che compongono una normale serie di gara. Purtroppo a sbagliare è stata l’azzurra, sesta con +39 alle spalle della statunitense, quinta con +30. Una circostanza che ha condizionato anche il prosieguo della competizione. Le due tiratrici, infatti, si sono ritrovate in parità sul punteggio di 34/40 anche nell’eliminatoria per il quarto posto e il pettorale più alto ha favorito la English, costringendo la nostra al quarto posto.

“Katiuscia (Spada, ndr) è stata molto brava – ha commentato il Direttore Tecnico Andrea Benelli – Lo spareggio per il pettorale è stato faticoso, sia fisicamente sia psicologicamente, ma è riuscita a trovare le energie per affrontare la finale trovandosi sempre tra le prime quattro. Peccato l’errore sull’ultimo piattello che le è costato la medaglie”.

A due punti dall’accesso in finale si è fermata Chiara Cainero, Campionessa Olimpica di Skeet a Pechino 2008 e argento nel 2016 a Rio, costretta alla sedicesima piazza con il totale di 116/125. La carabiniera friulana di Cavalicco di Tavagnacco (UD), al suo ritorno alle gare internazionali dopo lo stop per la seconda gravidanza, ha trovato la perfezione solo nella terza serie di gara, chiusa con un ineccepibile 25/25.

Un po’ appannata la prestazione dell’olimpionica di Rio Diana Bacosi (Esercito) di Cetona (SI), oro ai Giochi del 2016, che non è riuscita a sfondare il muro del 23/25 e si è attestata in diciannovesima posizione con 112/125.

Al maschile, dopo le prime due serie di gara la classifica provvisoria è guidata dallo spagnolo Juan Josè Aramburu e dalla statunitense Vincent Hancock, due volte Campione Olimpico e tre volte Campione del Mondo, entrambi perfetti con 50/50. Con un solo piattello di ritardo li insegue il nostro Gabriele Rossetti. Il poliziotto di Ponte Buggianese (PT), Campione Olimpico di Rio 2016 e Campione del Mondo a Mosca lo scorso anno, ha commesso un solo errore nella prima serie ed è andato a riposo con 49 centri su 50.

Bene anche Emanuele Fuso (Esercito) di Spello (PG, in scia con 48/50, mentre in lieve ritardo si è fermato Riccardo Filippelli (Esercito) di Pistoia, Campione Europeo nel 2016 a Lonato e vincitore della Finale di Coppa del Mondo del 2017 a New Delhi, con 46/50

Alle 8.00 di domani, quando in Korea saranno le 14.00, si celebrerà l’ultimo atto di questa seconda tappa del circuito di Coppa del Mondo ISSF con la finale maschile. A decidere i sei pretendenti alle medaglie saranno le ultime tre serie di gara.

RISULTATI

Skeet Femminile: 1ª Kimberly RHODE (USA) 119/125(+4) – 58/60; 2ª Amber HILL (GBR) 119/125 (+5) – 55/60; Amber ENGLISH (USA) 118/125 (+30); 4ª Katiuscia SPADA (ITA) 118/125 (+29) – 34/40; 5ª Natalia SZAMREJ (POL) 120/125(+4) – 22/30; 6ª Vanessa HAUFF (GER) 120/125(+3) – 14/20; 13ª Chiara CAINERO (ITA) 116/125; 19ª Diana BACOSI (ITA) 112/125..

Skeet Maschile: Juan Josè ARAMBURU (ESP) 50/50; Vincent HANCCOCK (USA) 50/50; Gabriele ROSSETTI (ITA) 49/50; Emanuele FUSO (ITA) 48/50; Riccardo FILIPPELLI (ITA) 46/50.

Abbonati qui a Express VPN, aiuti a finanziare Sport24h.it

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.