Assegnato oggi il titolo boulder maschile ai Mondiali di Arrampicata in svolgimento a Mosca. L’ha conquistato Kokoro Fujii (28 anni). Dopo aver collezionato sette medaglie IFSC Boulder World Cup in tutta la sua carriera finora, Fujii ha portato a casa la finale maschile di stasera, salendo in cima al podio per aggiudicarsi la sua prima medaglia al Campionato del Mondo.

Superando tutti e quattro i boulder – due dei quali flash – Fujii è stato l’unico ad assicurarsi la zona sul blocco numero uno e a chiuderlo. Esultando mentre superava il blocco conclusivo, Fujii ha strappato il titolo mondiale al suo compagno di squadra Tomoa Narasaki (25), che era il campione in carica dopo l’edizione 2019 dei campionati di Hachioji, in Giappone. “Non posso crederci. È un sogno!” ha detto dopo la sua vittoria.

L’olimpionico Narasaki, che ha anche detenuto il titolo di campione del mondo Boulder nel 2016, si è piazzato secondo con tre top e tre zone. Dopo essersi piazzato primo nella semifinale di questa mattina, l’atleta giapponese si è accontentato della medaglia d’argento, salendo su un podio internazionale per la 27esima volta nella sua impressionante carriera. Insieme al compagno di squadra Fujii, Narasaki è stato l’unico a chiudere il secondo blocco, un delicato problema di placca che richiede concentrazione ed equilibrio.

Il francese Manuel Cornu (27) ha portato a casa il bronzo, superando il quarto problema e portando a casa la seconda medaglia di bronzo ad un mondiale della sua carriera, la prima delle quali vinta in casa all’edizione 2016 del campionati a Parigi, Francia.

I risultati completi della finale Boulder maschile sono disponibili qui.

Sport24h.it nasce dall’idea che ogni disciplina sportiva è portatrice di un sistema di valori, emozioni e linguaggio unici. Contrariamente alla narrazione imperante: non esistono i fatti separati dalle opinioni (in questo ci sentiamo un po’ eretici). La realtà è sempre, inevitabilmente, interpretata dalla sensibilità di chi la racconta.

Commenta