Parma – C’è una vignetta che gira sui social che è forse impietosa, sicuramente sintetizza la situazione generale dell’Italia del rugby: un palazzo che rischia di cadere, sostenuto soltanto da tre assi di legno, ognuna delle quali si chiama Uruguay.

Dopo le due uscite contro Nuova Zelanda e Argentina, la nuova (vecchia) Italia di Kieran Crowley affronta domani l’Uruguay in quella che è l’ultima occasione per portare a casa una vittoria in questa serie autunnale di test match. Avversario morbido, già sconfitto dall’Italia A di Troncon e che quindi non appare un rischio, anche se in questi casi il favorito ha solo che da rimetterci. Perché se vinci hai fatto il tuo, se perdi è un disastro. Inoltre, anche in caso di vittoria, l’impressione negativa della partita contro l’Argentina non viene cancellata.

Calcio d’inizio alle 14 e collegamento su Sky Sport Arena, a partire dalle 13.30, e in chiaro TV8.

“E’ un incontro importantissimo. Vogliamo dimostrare il nostro vero valore – ha esordito Michele Lamaro nella conferenza stampa pre-partita – cercando di essere dominanti nel gioco. E’ fondamentale riuscire a essere confidenti nel nostro gioco puntando a centrare un risultato importante”

“La settimana scorsa l’Italia A ha giocato una ottima partita centrando un risultato importante. Non scenderà in campo la stessa squadra dell’Uruguay: dal punto di vista nostro dovremo fare le cose semplici nel miglior modo possibile”.

“Psicologicamente non cambia l’approccio alla partita: è un Test Match Internazionale e quindi la preparazione alla partita è stata di alto livello. Abbiamo analizzato in settimana l’Uruguay: è una squadra passionale che non molla mai. Se hanno spazio riescono ad essere pungenti. Sarà importante mantenere alta la pressione” ha concluso Lamaro.

Per l’ultima gara del 2021, ed a pochi giorni dalla giornata internazionale contro la violenza sulle donne, gli Azzurri hanno voluto invitare l’intero movimento a celebrare simbolicamente la giornata del 25 novembre: domani Lamaro e compagni scenderanno in campo con un nastro rosso al polso destro, per testimoniare il proprio impegno contro ogni discriminazione di genere e per invitare tutte le Società d’Italia impegnate sul campo domenica a fare altrettanto.

Italia v Uruguay

Italia: Padovani; Bruno, Brex, Morisi, Ioane; Garbisi, Braley; Steyn, Lamaro (cap), Negri; Ruzza, Fuser; Nemer, Bigi, Fischetti

a disposizione: Faiva, Traorè, Ceccarelli, Sisi, Licata, Fusco, Canna, Tavuyara

all. Crowley

Uruguay: Silva; Favaro, Perez, Freitas (cap), Mieres; Etcheverry, Inciarte; Diana, Civetta, Ardao; Leindekar, Dosantos; Arbelo, Kessler, Sanguinetti

a disposizione: Gattas, Peculo, Benitez, Magno, Lamanna, Ormaechea, Vinals, Alonso

all. Meneses

arb. Evans (Galles)

AA1 Cayre (Francia), AA2 Trainini (Francia)
TMO: Whitehouse (Galles)

Sport24h.it nasce dall’idea che ogni disciplina sportiva è portatrice di un sistema di valori, emozioni e linguaggio unici. Contrariamente alla narrazione imperante: non esistono i fatti separati dalle opinioni (in questo ci sentiamo un po’ eretici). La realtà è sempre, inevitabilmente, interpretata dalla sensibilità di chi la racconta.

Commenta