Roma. A pochissimi giorni dal debutto nelle qualificazioni alla FIBA World Cup 2023, il CT Meo Sacchetti ha scelto i 12 che affronteranno la Russia a San Pietroburgo venerdì 26 novembre alle ore 17.00 italiane (le 19.00 ora locale).

Michele Vitali farà parte della spedizione in Russia ma non sarà a disposizione per il match contro i padroni di casa. Bruno Mascolo, Gabriele Procida e Mattia Udom non viaggeranno con la squadra ma si riaggregheranno al gruppo già sabato 27 novembre a Milano.

“Non vediamo l’ora di riprendere il cammino – ha detto il CT Meo Sacchetti – e il nostro desiderio è di cominciare questo lungo percorso con una vittoria contro la Russia anche perché da venerdì in poi ogni gara sarà decisiva sulla via per il Mondiale. Siamo una squadra con tanti giovani, molti dei quali però già con qualche esperienza internazionale. Come sempre daremo il massimo”.

La squadra volerà in giornata a San Pietroburgo e domani sosterrà un doppio allenamento allo Yubileyniy Sport Complex, dove venerdì 26 novembre sfiderà i padroni di casa. Subito dopo il match, il rientro in Italia per preparare la gara contro i Paesi Bassi al Mediolanum Forum di Assago lunedì 29 novembre, ore 20.30.

Gli Azzurri contro la Russia

#4 Leonardo Candi (1997, 190, P/G, UNAHOTELS Reggio Emilia)
#7 Stefano Tonut (1993, 194, G, Umana Reyer Venezia)
#12 Diego Flaccadori (1996, 193, P, Dolomiti Energia Trentino)
#16 Amedeo Vittorio Tessitori (1994, 208, C, Segafredo Virtus Bologna)
#18 Matteo Spagnolo (2003, 194, P, Vanoli Cremona)
#19 Raphael Gaspardo (1993, 207, A, Happy Casa Brindisi)
#22 Giordano Bortolani (2000, 193, G, Nutribullet Treviso)
#34 Mouhamet Rassoul Diouf (2001, 206, A, UNAHOTELS Reggio Emilia)
#44 Davide Alviti (1996, 200, A, A|X Armani Exchange Milano)
#45 Nicola Akele (1995, 203, A, Nutribullet Treviso)
#52 Alessandro Lever (1998, 208, A/C, Allianz Pallacanestro Trieste)
#54 Alessandro Pajola (1999, 194, P, Segafredo Virtus Bologna

 

Sport24h.it nasce dall’idea che ogni disciplina sportiva è portatrice di un sistema di valori, emozioni e linguaggio unici. Contrariamente alla narrazione imperante: non esistono i fatti separati dalle opinioni (in questo ci sentiamo un po’ eretici). La realtà è sempre, inevitabilmente, interpretata dalla sensibilità di chi la racconta.

Commenta