2^ giornata Sei Nazioni 2016: Irlanda out, risorge la Francia

La seconda giornata del 6 Nazioni 2016 ha emesso i primi verdetti: l'Irlanda esce di scena per la vittoria finale, mentre è chiaro che Italia e Scozia sono ancora le squadre cuscinetto.

2^ giornata Sei Nazioni 2016: Irlanda out, risorge la Francia

Francia e Inghilterra a punteggio pieno, Galles che insegue ad un punto, Irlanda fuori dai giochi per la vittoria finale e Italia e Scozia che sabato 27 si giocheranno il cucchiaio di legno. Fortunatamente per noi, in casa, ma con la Scozia vista in queste due partite sarà dura.

La seconda giornata del 6 Nazioni 2016 ha emesso i primi verdetti. Quello sicuramente più importante riguarda l’Irlanda, campionessa uscente e ormai di fatto esclusa dalla corsa per la vittoria. La sconfitta di misura allo Stade de France contro una Francia improvvisamente ritrovatasi, se non altro nell’orgoglio, lascia ad un punto i giocatori del trifoglio che per vincere il torneo dovrebbe vincere le prossime tre partite (di cui una in casa degli Inglesi) e sperare nei passi falsi delle tre che la sopravanzano. Veramente improbabile. La partita che ha aperto il secondo turno del 6 Nazioni non è stata spettacolare, ma tesa e combattuta. Un primo tempo segnato dai calci, consegnava un esiguo, ma consistente vantaggio all’Irlanda (3-9) frutto di un gioco meno falloso e di un Sexton come sempre preciso al piede.

Il secondo tempo ha messo in luce una Francia arrembante, capace di ritrovare l’orgoglio perso qualche mese fa contro la Nuova Zelanda in occasione di una delle sconfitte più dure patite dai galletti. Al 69 arriva la meta dell’estremo Medard, che concretizza una pressione crescente dei bleu nei 25 avversari. Apprezzabile, per la capacità di leggere la gara in ogni singolo momento, la determinazione con cui l’estremo ha schiacciato la palla in mezzo ai pali, non accontentandosi della meta, consapevole che anche i punti di trasformazione erano necessari per il sorpasso. Siamo al 70′ e l’avventura dell’Irlanda termina in quel preciso momento. La squadra di Joe Schmidt aveva già tempo mostrato limiti di tenuta fisica. In casa contro il Galles, nella partita di esordio, si era fatta rimontare nel secondo tempo il doppio break. In Francia ha abbandonato, nei secondi 40′, le ultime possibilità di vittoria nel 6 Nazioni. Una volta terminato il torneo la Federazione irlandese si dovrà porre il problema di ringiovanire un gruppo che sembrava, solo sei mesi fa, in grado di contrastare lo strapotere delle squadre dell’emisfero boreale e che invece la Coppa del Mondo ha consegnato spremuta e stanca.

Le brutte notizie per l’Italia, però, arrivano dal Galles, con l’aperitivo di sabato. La Scozia è viva più che mai e in fase di crescita. La Coppa del Mondo ci aveva raccontato la favola degli Highlanders costretti alla sconfitta contro l’Australia solo per una punizione (dubbia) a 40″ dalla fine. La partita di esordio contro l’Inghilterra aveva mostrato un gruppo compatto e in grado di reggere il confronto fino al termine, lasciando il dubbio se fosse forte la Scozia oppure ancora scarsa la “nuova” Inghilterra di Jones. La partita contro il Galles, a Cardiff, toglie ogni dubbio: la Scozia è ormai tornata ai livelli del 5 Nazioni (che ha vinto per l’ultima volta nel 1999) e non è decisa a fare sconti. Come accade ormai da tempo quando ci sono di mezzo i Dragoni, la partita di Cardiff è stata spettacolare ed incerta fino alla fine. Il Galles l’ha risolta nei minuti finali, ma non ha mai dato l’impressione di avere il controllo della stessa, anzi. Per buona parte del secondo tempo sembrava che gli Highlanders potessero sfondare la linea difensiva e fare il colpo che nessuno si aspettava.

Oggi è stata la volta dell’Italia, che ha provato a sorprendere l’Inghilterra e realizzare l’impresa. Contrariamente a quanto hanno scritto diversi giornali, però, non ci sembra che gli azzurri abbiano giocato bene solo per 50 minuti… (continua)

France_v_Ireland_ITA

Wales_v_Scotland_ITA

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.