A Baku parte il Grand Prix FIDE, la “lunga marcia” di Caruana

A Baku parte il Grand Prix FIDE, la “lunga marcia” di Caruana
grand Prix FIDE, Fabiano Caruana, Torneo dei Candidati

Caruana in occasione della cerimonia di apertura e del sorteggio

Inizia oggi a Baku in Azerbajan il primo torneo del Grand Prix FIDE, circuito di 4 tornei per la qualificazione al Campionato del Mondo di Scacchi 2016. In gara anche Fabiano Caruana, attuale numero 2 della graduatoria mondiale a punti, che comincia in questo modo la sua prima vera scalata ufficiale al titolo di campione del mondo. Si tratta, però, più che una scalata di una vera e propria “lunga marcia”.
Ricordiamo, infatti, che il circuito denominato ‘Grand Prix’ vede in gara 16 giocatori selezionati dalla Federazione Internazionale; ciascuno partecipa a 3 delle 4 prove (così ad ogni torneo partecipano a rotazione in 12), viene stilata una classifica a punti in base ai piazzamenti (un po’ come nella Formula 1) e alla fine i primi 2 passano al Torneo dei Candidati, torneo con 8 giocatori, il cui vincitore acquisisce il diritto a battersi per il titolo mondiale con il campione in carica.
Subito dopo Baku Caruana giocherà il secondo torneo, a Tashkent in Uzbekistan (dal 20 ottobre al 2 novembre) dove troverà gli ultimi quattro ammessi al ‘Grand Prix’, ovvero il russo Jakovenko, il francese Vachier-Lagrave, l’olandese Giri, e ‘iraniano Ghaem Maghami, e dove mancheranno Grischuk, Dominguez, Svidler e Tomashevsky.
Per la terza e ultima prova Caruana dovrà poi attendere oltre sei mesi, dato che il torneo è in programma a Mosca nel maggio 2015 (dal 13 al 27). Comunque già dopo le prime due prove (quindi ai primi di novembre) si capirà quali possano essere le reali possibilità di Fabiano di arrivare al Torneo dei Candidati e poi alla sfida iridata.
Il quarto torneo della serie ‘Grand Prix’, quello a cui Caruana non prenderà parte, sarà giocato a Teheran dal 14 al 28 febbraio 2015.
Per quanto riguarda il torneo di Baku, il sorteggio non gli è stato favorevole: ha ‘pescato’ il numero 10, il che significa che avrà 6 volte i pezzi neri e solo 5 volte i bianchi; inoltre incontrerà due degli avversari più forti – Karjakin e Nakamura – proprio con il nero (ricordiamo che a scacchi avere il bianco è un po’ come per una squadra di calcio giocare in casa o per un  tennista avere il servizio).
Oggi Caruana esordisce (con il nero) contro Karjakin (Rus), poi via via, alternando il colore, giocherà con Gelfand (Isr), Nakamura (Usa), Mamediarov (Aze), Radjabov (Aze), Svidler (Rus),  Andreikin (Rus),  poi ancora nero con Kasimdzhanov (Uzb), bianco con Grischuk (Rus),  nero con Dominguez (Cuba) e bianco con Tomashevsky (Rus) nell’ultima giornata.
Il torneo di Baku si concluderà il 14 ottobre. Giorni di riposo il 6 e l’11. Le partite iniziano alle 15 ora locale (ore 12 in Italia). Conclusione prevista entro 5 ore/ 5 ore e mezza.
Non è ammesso concordare un eventuale pareggio prima che sia stata giocata la 30a mossa.
sito ufficiale http://baku2014.fide.com/

One Response to "A Baku parte il Grand Prix FIDE, la “lunga marcia” di Caruana"

    Lascia il tuo commento

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.