Agosto Azzurro: cinque Federazioni fanno “sistema”

Agosto Azzurro: cinque Federazioni fanno “sistema”
Il presidente del CONI Malagò in occasione della presentazione di "Agosto azzurro"

Il presidente del CONI Malagò in occasione della presentazione di “Agosto azzurro”

Ieri, presso il Salone d’Onore del CONI, si è tenuta la conferenza stampa per la presentazione di “Agosto Azzurro”. Sette Federazioni sportive che rappresentano il 43% del medagliere azzurro a Londra, hanno voluto fare squadra e presentare, in maniera congiunta, le proprie compagini, sotto il segno della mascotte “AGOST1NO”. Stiamo parlando di scherma, atletica leggera, canoa, pentathlon, ginnastica ritmica, judo e ovviamente del canottaggio. Alla presentazione sono intervenuti il Presidente del CONI Giovanni Malagò e il Presidente del CIP Luca Pancalli. In rappresentanza della Federazione Italiana Canottaggio, il Presidente Giuseppe Abbagnale, il Consigliere Dario Crozzoli e gli atleti Romano Battisti, Simone Raineri, Luca Agamennoni, Simone Venier, Elia Luini, Sara Bertolasi, Laura Milani, Elisabetta Sancassani, Lucilla Aglioti e il timoniere Giuseppe Di Capua accompagnati dal Coordinatore delle Squadre Nazionali Francesco Cattaneo e dal Coordinatore del Centro Nazionale di Piediluco Nunzio Sorrentino.
Ad aprire l’evento proprio il Presidente del CONI, Giovanni Malagò, che ha sottolineato la validità dell’iniziativa come mezzo per unire le forze, in termini di visibilità, in un momento in cui avere spazio è difficile per tutte le discipline. A seguire, l’intervento del Presidente CIP e neo Assessore allo Sport e agli Stili di Vita del Comune di Roma Luca Pancalli, che ha rimarcato che, anche se tutti gli sport sono diversi, tutti gli atleti sono uguali perché condividono gli stessi sogni: “Sarebbe bello – ha aggiunto Pancalli – se in quest’Agosto Azzurro i risultati che otterranno i nostri ragazzi, olimpici e paralimpici, fossero dedicati ad Andrea Antonelli”.
La prima Federazione a presentare il proprio evento è stata il canottaggio ed il Presidente Abbagnale ha evidenziato con quale mentalità gli equipaggi si approcceranno a questo mondiale: “La squadra è giovane, motivata e pronta ad incominciare il nuovo quadriennio col piede giusto. Oggi il morale, a seguito dei recenti risultati, è alle stelle e, sulla scia dell’entusiasmo, cercheremo di portare in finale quanti più equipaggi possibile”. Sul ritorno di Peppiniello Di Capua, Abbagnale ha affermato: “È una bella esperienza per entrambi. Peppino ha accolto senza pensarci la proposta di rimettersi in gioco e sta lavorando duramente per recuperare la forma”.

La parola è poi passata a Romano Battisti, argento a Londra 2012: “Abbiamo già archiviato i successi del passato – ha incominciato Battisti  – e ci stiamo proiettando verso il futuro con fiducia. Sono contento di aver trovato sintonia con i nuovi allenatori e compagni di squadra. Dovremo fare molta attenzione ai Neozelandesi, che hanno cambiato equipaggio e sono ancora più forti. Sarà una bella sfida”. Peppiniello Di Capua ha chiarito, invece, le motivazioni del suo rientro: “Quando mi è arrivata questa proposta, dopo 17 anni, ho accettato volentieri, soprattutto sapendo che potevo dare qualche piccolo contributo alla Federazione. L’elemento fondamentale nello sport è sempre la stima reciproca tra atleti, allenatori e dirigenti. Se c’è questo si può sperare di rendere al massimo. Personalmente ritengo che queste condizioni oggi ci siano, quindi sono felice di rimettermi in gioco”.

Ha chiuso la serie di interventi, proiettati verso il mondiale coreano, l’atleta para-rowing Lucilla Aglioti: “Siamo fieri ed onorati di poter remare con Peppiniello. Abbiamo avvertito subito grinta ed esperienza da parte sua. Voglio quindi ringraziare il Presidente Abbagnale e lo stesso Peppiniello Di Capua per essersi concesso per questa nuova avventura. Partiamo con grandi ambizioni per questo mondiale e ce la metteremo tutta per fare bene”. La Aglioti ha poi spiegato le motivazioni che l’hanno spinta a scegliere il canottaggio:  “Amo tutti gli sport d’acqua e quando mi è stato chiesto di entrare nel para-rowing a seguito dell’incidente, il canottaggio mi è sembrata una grande opportunità”. Per quanto riguarda la formazione della compagine azzurra, sarà completata nella prima decade di agosto poiché i tecnici sono ancora al lavoro per definire tutti gli equipaggi.

Al termine della presentazione, il Coordinatore delle Squadre Nazionali Francesco Cattaneo ha dichiarato: “E’ stato un bel punto di partenza e vedere insieme sport diversi è entusiasmante. Noi come settore tecnico del canottaggio, oltre all’aspetto comunicativo, ci aspettiamo anche una maggiore sinergia tecnica con gli altri settori. Mi piace pensare che sia stato l’inizio dell’unione delle forze per essere in grado di catalizzare non solo l’interesse dei media ma anche di marchi cui interessi legare la propria immagine a quella di sport olimpici“.

Le Farfalle della Ginnastica Ritmica, protagoniste della presentazione di Agosto Azzurro

Le Farfalle della Ginnastica Ritmica, protagoniste della presentazione di Agosto Azzurro

GINNASTICA – Agost1no, la mascotte di Agosto Azzurro, e le Farfalle: un feeling immediato! “Spero ci porti davvero fortuna – ha detto Andrea Stefanescu, nata a Iasi in Romania ma perugina di adozione, bronzo ai Giochi di Londra e aviere dell’Aeronautica Militare – E’ un secchiello simpatico con un bel sorriso che vorremo riempire di medaglie, anche se sarà molto dura. Naturalmente Agost1no ci raggiungerà ai Mondiali di Ritmica a Kiev (in programma dal 28 agosto al 1 settembre, ndr.) dopo essere stato alle rassegne iridate di Scherma a Budapest, di Atletica a Mosca, di Pentathlon a Kaoshiung, di Canottaggio a Chungju, di Judo a Rio de Janeiro e di Canoa a Duisburg. Un bel giro del Mondo, nel mese più caldo dell’anno. Caldo non solo meteorologicamente, ma anche per le emozioni che speriamo di vivere insieme agli altri atleti italiani”.
Tra i tanti protagonisti coinvolti le Farfalle tre volte d’oro di Emanuela Maccarani hanno, involontariamente, rubato la scena, strappando l’applauso ad una platea di colleghi.
“Faremo tesoro delle esperienze accumulate con la squadra precedente – ha dichiarato la neo Capitana, la pratese Marta Pagnini, l’altra superstite del gruppo di Londra 2012 – Spero di trasmettere alle new entry (la pescarese Chiara Ianni, la fanese Camilla Bini e l’ardennese Camilla Patriarca, ndr.) forza, coraggio e grinta. Dobbiamo dimostrare di essere all’altezza del gruppo straordinario che ha dominato nello scorso quadriennio. Un’eredità pesante che con l’appoggio di Emanuela (Maccarani), del Presidente Agabio, della DTN Marina Piazza e dello staff federale, sapremo di sicuro raccogliere”. Le ragazze per presenziare all’evento di “Agosto Azzurro” hanno lasciato il raduno di Follonica e le compagne Valeria Schiavi, Alessia Marchetto, Arianna Facchinetti, Daniela Pintus e Sara Celoria con le assistenti della Maccarani, Valentina Rovetta, Giulia Galtarossa e Klarita Kodra. Un gruppo granitico che continua a confermarsi un meccanismo vincente, malgrado con il tempo cambino gli ingranaggi. “Questa è una squadra che ha dato grandi soddisfazioni alla Ginnastica e allo Sport italiano – ha sottolineato il prof. Agabio, accompagnato dal Segretario Generale Roberto Pentrella – Vincere tre mondiali di seguito, uno dei quali in casa della Russia, nostra rivale storica, non è cosa di facile realizzazione. La sfida più grande per noi era diventato l’impegno di ripetersi sempre agli stessi livelli. E con una formazione rinnovata per il 60% dei suoi elementi diventa anche difficile fare previsioni. Questo sarà quindi un mondiale molto impegnativo per le nostre ginnaste ma sono sicuro che saranno ancora protagoniste. La garanzia è Emanuela Maccarani, la tecnica più medagliata d’Italia, che,  in collaborazione con la Direttrice Tecnica Nazionale Marina Piazza, ha dato loro un’impronta riconosciuta e riconoscibile. Siamo orgogliosi di questo team e anche delle individualiste (seguite dalle tecniche Germana Germani ed Elena Aliprandi, ndr.) che gareggeranno nell’all-around di Kiev, pronte a confermare il proprio ranking e la qualità della scuola italiana dei piccoli attrezzi”. La presentazione di Agosto Azzurro, trasmessa in diretta su Rai Sport 1, era condotta da Andrea Fusco, il giornalista che ha commentato dal vivo tutti i trionfi delle nostre meravigliose farfalle iridate. Giocando in casa Fusco non ha avuto difficoltà a coinvolgere la delegazione della Ritmica, mettendo subito tutti a proprio agio. Compresa la Maccarani che di fronte al gotha dello sport azzurro non ha avuto difficoltà a confessare speranze e preoccupazioni: “Dopo Londra il mio sguardo si è rivolto verso nuovi orizzonti – ha ribadito la tecnica di Rho – Andremo in Ucraina con la voglia di difendere la nostra tradizione e i risultati conseguiti in passato. Certo, le nostre concorrenti, anche quelle che nello scorso quadriennio ci finivano alle spalle, non staranno a guardare. Sarà una lotta serrata. Però i nostri nuovi innesti hanno qualità da vendere e saranno sostenuti dal carisma di Andreea e Marta. Abbiamo apportato tante innovazioni e continueremo a farlo nella ricerca costante di spunti artistici per nuovi esercizi. L’originalità  è il nostro cavallo di battaglia, la chiave di lettura che ci ha permesso di raggiungere obiettivi inimmaginabili. Adesso il resto del Mondo si è attrezzato, abbiamo fatto scuola e forse ci hanno preso le misure. Ora che l’effetto sorpresa è finito dovremo essere brave a stupire ulteriormente. Al di là della creatività che posso aver messo nelle nuove esecuzioni con le 10 clavette e con le 3 palle e i 2 nastri, l’esperienza, la passione delle ragazze alimenterà sempre la mia voglia di andare avanti”.Dobbiamo onorare il tricolore e la maglia azzurra –  ha concluso l’aviere Pagnini – non è facile affrontare un mondiale da campioni in carica, soprattutto per una squadra così giovane. Ci stiamo allenando duramente a Follonica, per arrivare pronte ad un appuntamento importante sulla strada di Rio de Janeiro. Da veterana dico alle mie compagne di affrontare il mondiale con gioia e non con la paura. Al di là del risultato deve essere un momento che non potrà che arricchire la loro carriera. Permettetemi però di fare un grande in bocca al lupo agli atleti delle altre discipline presenti qui oggi. Auguro loro di passarci il secchiello di Agost1no stracolmo di sogni realizzati”. Sogni di una mattinata di mezza Estate che non vedono l’ora di uscire dai rispettivi cassetti.
JUDO – Per quanto riguarda il judo il campionato del mondo è in programma a Rio de Janeiro dal 26 agosto al 1° settembre ed il DTN Raffaele Toniolo, accompagnato per l’occasione da Rosalba Forciniti ed Antonio Ciano, ha annunciato la formazione che vi prenderà parte. Cinque le donne con Valentina Moscatt (48), Odette Giuffrida (52), Edwige Gwend, Valentina Giorgis (63), Assunta Galeone (78) e sei gli uomini con Enrico Parlati, Andrea Regis (73), Massimiliano Carollo (81), Walter Facente (90), Domenico Di Guida (100) ed Alessio Mascetti (+100). Infortunatosi pochi giorni prima della partenza per i Giochi del Mediterraneo, Alessio Mascetti è stato iscritto al mondiale, ma l’effettiva partenza è condizionata dalla valutazione dell’effettivo recupero che sarà fatta in occasione dell’imminente Summer Judo Training Camp Izola (Slo) dal 3 al 9 agosto.
Nel calendario mondiale di Agosto Azzurro anche Scherma a Budapest (5-12 agosto), Atletica Leggera a Mosca (10-18), Pentathlon Moderno a Kaoshiung (21-28), Canottaggio a Chung Ju (25-31), Canoa a Duisburg (27-1 settembre), Ginnastica Ritmica a Kiev (28-1).

Lascia il tuo commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.