Le aspettative erano alte alla Coppa del Mondo IFSC di Villars, in Svizzera, dove le finali di Speed ​​maschile e femminile si sono rapidamente trasformate in una lotta a due tra il team Indonesia e il team Russia, che alla fine hanno finito per dividersi il premio e la gloria.

L’indonesiano Veddriq Leonardo – l’attuale detentore del record mondiale maschile – ha prevalso sul rivale russo Dmitrii Timofeev, la cui scivolata iniziale nella finale ha permesso a Leonardo di conquistare la sua seconda vittoria consecutiva nella Speed, con il tempo di 5″329

Un’anticipazione dello scontro tra le due superpotenze della Speed ​​è avvenuta nella finale per il terzo posto, dove l’amico e compagno di squadra di Leonardo, Kiromal Katibin, ha prevalso sul connazionale di Timofeev, Vladislav Deulin, portando a casa il bronzo con il tempo di 5″306. Nonostante abbia stabilito il suo record personale – 5″380 secondi – Deulin ha concluso al quarto posto.

Nella gara conclusiva della notte, la campionessa europea di velocità femminile in carica Ekaterina Barashchuk dalla Russia ha sorpreso la scalatrice più veloce del mondo – Iuliia Kaplina, anche lei rappresentante della Federazione Russa – centrando il traguardo a 7″306 e vincendo il suo primo oro in Coppa del Mondo.

Nella corsa per il bronzo, la polacca Patrycja Chudziak ha battuto l’indonesiana Desak Made Rita Kusuma Dewi, chiudendo con 7″736 secondi, salendo infine sul podio della Coppa del Mondo, sette anni dopo essersi piazzata terza a Mokpo, in Corea del Sud, nell’ottobre 2014.

Domani la Coppa del Mondo IFSC Lead: le semifinali inizieranno alle 10:00, mentre le finali inizieranno alle 20:00.

Entrambi le prove saranno trasmesse in diretta sul canale YouTube dell’IFSC.

Sport24h.it nasce dall’idea che ogni disciplina sportiva è portatrice di un sistema di valori, emozioni e linguaggio unici. Contrariamente alla narrazione imperante: non esistono i fatti separati dalle opinioni (in questo ci sentiamo un po’ eretici). La realtà è sempre, inevitabilmente, interpretata dalla sensibilità di chi la racconta.

Commenta