Si alza il sipario sulla stagione agonistica 2017 di arrampicata sportiva con la prima tappa di Coppa Italia Boulder, che andrà in scena sabato 25 e domenica 26 febbraio ad Agrate Brianza (MB) presso la palestra Boulder & Co in Via Archimede 27. Saranno due giorni di spettacolo con 49 società sportive coinvolte e oltre 170 atleti, tra cui ben 56 donne, provenienti da tutta Italia. Dalla Lombardia partirà il percorso che porterà i climber a sfidarsi per conquistare il titolo detenuto dai vincitori in carica Riccardo Piazza e Giorgia Tesio.

La prima giornata comincerà alle ore 10.00 di sabato 25 febbraio con il primo turno di qualificazioni maschili e si concluderà alle 18.30, al termine del turno femminile. Appuntamento con le Semifinali (maschili e femminili) previsto per domenica 26 febbraio alle ore 11.00, con l’attesissima Finale che seguirà alle ore 16.30 e terminerà con la Cerimonia di premiazione delle ore 18.00.

Alla competizione, organizzata dalla Boulder&Co. Climbing Gym, faranno seguito altre tre tappe: Modena, l’11 marzo presso la palestra Rock’N Fire dei Vigili del Fuoco; L’Aquila, il 25 marzo presso la palestra Monkey’s Garage; Torino, il 22 Luglio presso la palestra Escape Climbing Garden.

La Coppa Italia Boulder di arrampicata sportiva è un circuito nazionale federale di gare che quest’anno giunge alla sua 18esima edizione. La Federazione organizza anche altri due circuiti nazionali che regaleranno nei prossimi mesi ancora tante emozioni e adrenalina sulle pareti verticali delle palestre italiane: la Coppa Italia Speed, al via l’1 aprile da Trento con 4 tappe in programma, e la Coppa Italia Lead, pronta a partire il 7 maggio da Brugherio (MB) con altri 3 appuntamenti. Dall’1 all’11 giugno, inoltre, i talenti dello sport climbing azzurro si sfideranno ad Arco (TN) durante i Campionati italiani giovanili suddivisi in due competizioni, la prima per Under 20, 18 e 16 e la seconda per Under 14, 12 e 10.

Sport24h.it nasce dall’idea che ogni disciplina sportiva è portatrice di un sistema di valori, emozioni e linguaggio unici. Contrariamente alla narrazione imperante: non esistono i fatti separati dalle opinioni (in questo ci sentiamo un po’ eretici). La realtà è sempre, inevitabilmente, interpretata dalla sensibilità di chi la racconta.