Arrampicata Sportiva, Jacopo Stefani campione del Mondo Speed U16

Secondo titolo italiano ai campionati del mondo giovanili di arrampicata in svolgimento a Innsbruck grazie al 15enne emiliano che in finale ha superato il russo Kulba

Arrampicata Sportiva, Jacopo Stefani campione del Mondo Speed U16

Secondo titolo mondiale conquistato dall’Italia ai Campionati del Mondo Giovani di Arrampicata Sportiva in svolgimento ad Innsbruck. Nella giornata di ieri sono stati assegnati i titoli della speed e Jacopo Stefani ha vinto nella categoria Youth B (Under 16). L’Italia si conferma, così, tra le Nazioni occidentali quella con il movimento più attrezzato a contrastare il passo delle formazioni dell’est ed in particolare della Russia, che su sei titoli in palio (e 18 medaglie) ne ha conquistati ben 3 (e 11 medaglie). Gli altri titoli sono andati a Italia, Polonia e un sorprendente Ecuador.

Jacopo Stefani ha regalato così il secondo titolo mondiale all’Italia, dopo quello conquistato da Filip Schenk nel Boulder Youth A. L’azzurro ha superato in finale il russo Anton Kulba, favorito visto che durante tutto il torneo ha coperto la distanza con tempi per certi versi stratosferici dati l’età, tra tutti 7”02 in semifinale. Jacopo è stato bravo a farsi trovare pronto durante tutto il torneo, gareggiando con tempi di rilievo, anche se non stratosferici, sfruttando le occasioni offerte dagli avversari. In finale entrambi i contendenti hanno pagato l’emozione, scivolando sulle prese e non riuscendo ad esprimere la velocità massima. Il 15enne di Reggio Emilia è stato bravo a mantenere la concentrazione anche quando la prova sembra compromessa e con un gran finale ha fermato il rilevamento cronometrico 40 centesimi di secondo prima dell’avversario: 8”06 contro 8”46”.

Jacopo Stefani ha 15 anni (è nato il 16 giugno del 2002 a Castellarano, in provincia di Reggio Emilia) e gareggia per l’Equilibrium di Modena, una delle società più attive per quanto riguarda la velocità. Era, prima del titolo mondiale di ieri, secondo nel ranking internazionale IFSC e secondo nella Coppa Europa di specialità (solo lo scorso anno veleggiava attorno alla decima posizione).

Da segnalare anche i due 5° posto di Elisabetta Dallabrida tra le U18, già campionessa del mondo speed due anni fa nella categoria inferiore, e di Giulia Randi tra le U16.

Per quanto riguarda il medagliere complessivo, il torneo della velocità ha permesso alla Russia di compiere un grande balzo in avanti e superare il Giappone. Come ricordato, il paese slavo ha conquistato al momento 3 titoli mondiali e 13 medaglie totali. I nipponici sono stati i dominatori del torneo boulder, con la conquista di 3 titoli mondiali e 9 medaglie complessive. Due i titoli mondiali conquistati al momento anche dagli Usa che ci supera nel medagliere grazie anche ad un argento e due bronzi in più (tot 5 medaglie).

Oggi comincia il torneo della Difficoltà, mentre nel fine settimana verranno assegnate le prime medaglie ufficiali nella storia di questo sport della combinata olimpica. In palio, quindi, ancora 12 titoli.

Per info: https://www.facebook.com/italiaclimbing/
Risultati completi: http://www.ifsc-climbing.org/index.php/component/ifsc/?view=event&WetId=6106

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.