Arrampicata Sportiva: Ludovico Fossali campione del Mondo Speed

Il 22enne di Vignola conquista il titolo mondiale speed e si qualifica, insieme a Ghisolfi e Piccolruaz, per il mondiale di combinata al via da domani.

Arrampicata Sportiva: Ludovico Fossali campione del Mondo Speed

Ludovico Fossali è il nuovo campione del Mondo di Arrampicata Sportiva, specialità Speed. Il 22enne azzurro ha conquistato oggi il titolo in occasione dei mondiali in svolgimento a Hachioji. Si tratta della prima medaglia per la spedizione italiana al mondiale il Giappone e la conferma personale per questo ragazzo che dallo scorso anno fa parte del Centro Sportivo dell’Esercito di Courmayeur. Ma le buone notizie per l’Arrampicata italiana non si fermano qui. Con i piazzamenti di Fossali, Ghisolfi e Piccolruaz nella prova Speed, i tre azzurri conquistano il diritto di poter gareggiare anche per il Mondiale di Combinata, che scatta da domani e che mette in palio le prime sette carte olimpiche.

Attualmente, nel ranking generale overall, Fossali è all’ottavo posto, ma davanti a sè ha tre giapponesi, quando il massimo consentito di atleti per singolo Comitato nazionale è di due. Quindi le possibilità, qualora dovesse vincere la prova speed anche al mondiale di combinata, di volare a Tokyo diventano veramente alte. E’ ancora tutto prematuro, ma la Nazionale Azzurra, guidata da Daniele Crespi, ci sembra che abbia le carte in regola per provarci.

Ludovico Fossali si è imposto dopo una gara ricca di colpi di scena. Al termine di una buona qualifica, conclusa al 10° posto grazie ad un tempo di 5,970″, l’azzurro si migliora agli ottavi di finale scendendo a 5,908″ nello scontro diretto vinto contro il kazaco Amir Maimuratov. Un colpo di scena dietro l’altro vede protagonista l’azzurro nei due turni successivi con due false partenze prima del cinese Qixin Zhong, ai quarti di finale, poi dell’ucraino Danyil Boldyrev, in semifinale, che permettono a Fossali di conquistare la finalissima contro il ceco Jan Kriz. E’ giusto ricordare che l’elemento “fortuna”, che appare determinante in questa disciplina, invece alla prova dei fatti sembra incidere meno di quello che si pensi. Fossali infatti è uno dei più forti sprinter in circolazione e lo scorso anno proprio con una falsa partenza dovette dire addio alle sue speranze di podio ai mondiali di Innsbruck.

In finale, dopo un’ottima partenza, i due atleti finalisti commettono lo stesso identico errore poco sopra metà. Alla fine è Ludovico che riesce a fermare il crono sul tempo di 6,871″; tanto basta per avere la meglio sul ceco e conquistare il gradino più alto del podio con al collo la medaglia d’oro di specialità.

Tra le donne successo della polacca Aleksandra Miroslaw, che si impone in finale sulla cinese Di Niu. Al terzo posto la francese Anouck Jaubert.

Il mondiale speed aveva la sua importanza anche per i piazzamenti dei “combinatisti” in corsa per entrare tra i 20 che si disputeranno, da domani, i mondiali di Combinata. Per quanto riguarda le donne, l’italiana Rogora ha chiuso al 48° posto ed è rimasta esclusa.

Tra gli uomini, oltre al successo di Ludovico Fossali, gli azzurri hanno ottenuto un 18° posto con Gianluca Zodda, un 30° con Michael Piccolruaz, un 44° con Stefano Ghisolfi e un 55° con Marcello Bombardi. Questi piazzamenti, ed è la notizia più importante dal punto di vista della qualificazione olimpica, permettono a Fossali, Ghisolfi e Piccolruaz di entrare tra i 20 e potersi giocare chances di qualificazione per Tokyo 2020 già a questi mondiali.

Qui i 20 climbers impegnati al Mondiale di combinata

Qui Ondra vince il mondiale Lead

Abbonati qui a Express VPN, aiuti a finanziare Sport24h.it

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.