Assoluti di Ginnastica Artistica ad Ancona il 25 e 26 maggio

Vanessa Ferrari

La ginnastica artistica italiana ha di che gioire. Neanche il tempo di partire e la terza serie di Vite Parallele è tornata ai vertici di ascolto che ha contraddistinto il programma negli anni passati. La “docu-serie” dedicata alle giovanissime campionesse di ginnastica ha esordito quest’anno con un 3% di share sul target di riferimento e l’1,2% assoluto, a conferma che l’idea di raccontare la vita di uno sportivo rappresenta un “format” vincente. Per questo motivo diverse produzioni hanno provato a realizzare pressoché lo stesso con altri sport, senza, però, per ora, riuscire a ripetere il successo dell’originale. La ginnastica ha permesso di mettere insieme due mondi, quello sportivo e quello televisivo, che nel caso specifico puntano allo stesso target: giovani, principalmente femminile, affezionato alle serie televisive e contemporaneamente alla ginnastica. Non è un segreto, infatti, che la ginnastica, nelle due versioni, ritmica e artistica, ha un forte appeal sulle bambine. Vite Parallele ha avuto il merito di trascinare verso l’alto la popolarità di questo sport, aiutata anche dagli exploit di Vanessa Ferrari & C. e dal dualismo sportivo con le Farfalle della ritmica. Così, in poco tempo, ogni gara internazionale o nazionale, è diventata un evento, trascinata da un pubblico attento alla comunicazione online e capace di amplificare, sui social media, i risultati.
Varrà lo stesso per i Campionati Italiani assoluti che si svolgeranno ad Ancona il prossimo fine settimana. Al tricolore, secondo appuntamento di prestigio per l’Associazione Ginnastica Giovanile Ancona dopo l’apertura del Campionato Italiano, a febbraio, sono attesi i migliori atleti, a cominciare da Matteo Morandi fino alle giovanissime new entry, che si candidano a ritagliarsi un ruolo da protagoniste nel quadriennio olimpico di Rio de Janeiro, senza dimenticare le atlete e gli atleti del reality Vite Parallele.
Si comincia nel pomeriggio di sabato con il Concorso Generale. In palio i titoli dei campioni uscenti, Enrico Pozzo e Vanessa Ferrari. Si prosegue poi domenica pomeriggio con la finali di specialità, nei dieci attrezzi. Gli assoluti di Ancona sono anche il primo appuntamento dell’iniziativa Sport Modello di Vita, ideato dall’Agenzia dei Giovani, e dedicato quest’anno a Pietro Mennea, in collaborazione con sei Federazioni Sportive Nazionali affiliate al CONI, per promuovere lo sport a tutela della salute e come inclusione sociale e rispetto del prossimo.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.