Inizierà con un giorno di ritardo l’avventura dell’Italia al FIBA Olympic Qualifying Tournament di Belgrado. Il match d’esordio degli Azzurri, previsto per mercoledì 30 giugno, non si disputerà a causa del forfait del Senegal, costretto a rinunciare alla partecipazione per via di una serie di accertate positività al COVID-19 di alcuni membri del gruppo squadra.

Lo ha fatto sapere la FIBA attraverso una nota stampa.

Nel frattempo il Commissario Tecnico Meo Sacchetti ha scelto i 12 Azzurri che prenderanno parte al torneo, autorizzando Momo Diouf e Michele Ruzzier a lasciare il raduno di Belgrado.

L’Italia debutterà ufficialmente il primo luglio contro il Portorico alle 16.30 (dirette su Sky Sport e Rai Sport) e a seconda del risultato giocherà poi la semifinale il 3 luglio (orario da definire) contro una delle tre squadre dell’altro mini girone (Serbia, Repubblica Dominicana e Filippine).

Il torneo inizierà regolarmente domani con il match tra Serbia e Repubblica Dominicana (20.15, diretta Sky Sport). Finale in calendario domenica 4 luglio alle 20.30.

I 12 Azzurri

#0 Marco Spissu (1995, 184, P, Banco di Sardegna Sassari)
#1 Niccolò Mannion (2001, 188, P/G, Golden State Warriors – NBA)
#7 Stefano Tonut (1993, 194, G, Umana Reyer Venezia)
#9 Nicolò Melli (1991, 206, A, Dallas Mavericks – NBA)
#13 Simone Fontecchio (1995, 203, A, Alba Berlino – Germania)
#16 Amedeo Tessitori (1994, 208, C, Segafredo Virtus Bologna)
#17 Giampaolo Ricci (1991, 202, A, Segafredo Virtus Bologna)
#23 Awudu Abass (1993, 198, G, Segafredo Virtus Bologna)
#24 Riccardo Moraschini (1991, 194, G, A|X Armani Exchange Milano)
#31 Michele Vitali (1991, 196, G, Brose Bamberg – Germania)
#33 Achille Polonara (1991, 205, A, TD System Baskonia Vitoria-Gasteiz – Spagna)
#54 Alessandro Pajola (1999, 194, P, Segafredo Virtus Bologna)

Sport24h.it nasce dall’idea che ogni disciplina sportiva è portatrice di un sistema di valori, emozioni e linguaggio unici. Contrariamente alla narrazione imperante: non esistono i fatti separati dalle opinioni (in questo ci sentiamo un po’ eretici). La realtà è sempre, inevitabilmente, interpretata dalla sensibilità di chi la racconta.

Commenta