Si conclude con due medaglie d’Argento la prima parte della trasferta Africana per gli Azzurri. Nelle due finali di ieri al Botswana International a Gaborone gli Azzurri sono stati fermati dai loro avversari accumulando comunque punti importanti per il ranking internazionale.

Rosario Maddaloni è stato superato dal Messicano Luis Ramon Garrido che ha chiuso in due set (21-12; 21-17) mentre le due Azzurre Silvia Garino e Lisa Iversen sono state stoppate dalle Sudafricane Michelle Butler-Emmett e Jennifer Fry.

Le prima medaglia di Bronzo è arrivata con Kevin Strobl e Silvia Garino nel doppio misto, con gli Azzurri che sono giunti fino in semifinale dove sono stati poi superati con un doppio 21-13 dai Sudafricani Andries Malan e Jennifer Fry. La seconda medaglia di Bronzo è arrivata invece nel doppio maschile dove la corsa di Lukas Osele e Kevin Strobl è stata interrotta soltanto dagli Indiani Adarsh Kumar e Jagadish Yavar che si sono imposti in due set (21-9; 21-17) nella semifinale.

Adesso il Team Italia lascerà il Botswana per trasferirsi in Zambia dove scenderanno in campo Fabio Caponio, Silvia Garino, Lisa Iversen e Rosario Maddaloni per andare alla conquista di altre medaglie e preziosi punti per il ranking.

Conclusa nel frattempo a Praga in Repubblica Ceca l’avventura degli Azzurrini agli Europei Under 17 con Martina Corsini e Enrico Baroni che sono stati fermati ai sedicesimi di finale.

Baroni è andato ad un passo dallo storico successo cedendo all’avvarsario, l’Estone Hans Kristjan Pilve, entrambi set ai vantaggi (23-21; 22-20) ma lottando sempre alla pari. Più complicato il match di Martina Corsini che è stata superata in due set (21-15; 21-6) dalla testa di serie numero 15 del seeding, la Turca Naime Yilmaz. Buona esperienza peri due Azzurrini che si cumula con il decimo posto dei Campionati Europei Under 17 a sqaudra della scorsa settimana.

Sport24h.it nasce dall’idea che ogni disciplina sportiva è portatrice di un sistema di valori, emozioni e linguaggio unici. Contrariamente alla narrazione imperante: non esistono i fatti separati dalle opinioni (in questo ci sentiamo un po’ eretici). La realtà è sempre, inevitabilmente, interpretata dalla sensibilità di chi la racconta.