Campionati del Mondo Marathon 2014 a Kulhavy e Langvad

Campionati del Mondo Marathon 2014 a Kulhavy e Langvad
Mondiali Marathon il tweet di Tony Longo

Mondiali Marathon: il tweet di Tony Longo

Il percorso di 95 km, composto da due circuiti di 74 km e 21 km, di Pietermaritzburg in Sud Africa ha celebrato i Campionati del Mondo Marathon al ceco Jaroslav Kulhavy, classe 1985 già medaglia d’oro nel cross country ai mondiali del 2011 e alle Olimpiadi di Londra, migliorando il suo secondo posto conquistato nella rassegna iridata Marathon del 2011. Kulhavy si è imposto sull’austriaco Alban Lakata, iridato nella disciplina nel 2010, e argento all’arrivo e sullo svizzero Christoph Sauser, campione del mondo uscente che, nonostante i problemi meccanici, è stato poi capace di un miracoloso recupero conquistando il bronzo.
Tra le donne, che hanno corso sul percorso leggermente più corto di 74 km, subito davanti le favorite: la danese Annika Langvad e la tedesca Sabine Spitz (43 anni a dicembre). Alla danese Langvad il titolo iridato e argento alla tedesca Spitz. A sorpresa invece il 3^ gradino del podio è stato conquistato dalla ceca Teresa Huricova che porta così a due le medaglie vinte dalla Repubblica Ceca. Huricova ha avuto la meglio sulle due svizzere Suss e Kleinhans, nel finale di gara.
Giornata poco fortunata per gli azzurri guidati dal CT Pallhuber. Il migliore è stato Tony Longo, bellunese classe 1984, che conquista il 14^ posto, seguito da Jonny Cattaneo, 24^.
Evidente la delusione di Tony Longo che aveva come obiettivo l’ingresso nella Top Ten. L’azzurro commenta così la sua corsa sul suo profilo Twitter: @tonylongo “Un po’ deluso dal mio Mondiale, alla fine 14esimo, l’obiettivo era la top ten. Percorso massacrante, un xc da 95km.” e ancora @tonylongo “ho cercato di onorare la maglia azzurra. grazie a tutto lo staff e compagni”.
Gli altri azzurri in gara: 33^ Luca Ronchi; 35^ Daniele Mensi; 36^ Johannes Schweiggl; 43^ Juri Ragnoli. Mentre, Damiano Ferraro, caduto durante una ricognizione del percorso riportando una lussazione al gomito sinistro, ha preso comunque il via ma si è ritirato a metà gara. Samuele Porro ha rotto il manubrio ed è stato costretto a ritirarsi.

Lascia il tuo commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.