Campionati Europei pista U23 e Jrs: vola l’inseguimento femminile

Campionati Europei pista U23 e Jrs: vola l’inseguimento femminile
Le azzurre juniores sul podio dell'inseguimento a squadre ai Campionati Europei 2013

Le azzurre juniores sul podio dell’inseguimento a squadre ai Campionati Europei 2013

Sono in svolgimento ad Anadia, in Portogallo, i Campionati Europei Pista U23 e Jrs. L’Italia sta interpretando il ruolo di grande protagonista, con la conquista, nei primi due giorni di gara, di una medaglia d’oro e due di bronzo, tutte provenienti dall’inseguimento.
All’apertura della rassegna continentale, infatti, le inseguitrici U23 hanno conquistato il primo bronzo della giornata. “L’esordio per questa categoria dell’inseguimento a squadre ci ha permesso di completare un lavoro che portiamo avanti da tempo – ha detto Edoardo Salvoldi, visibilmente soddisfatto –. Peccato per il bronzo di Michela Maltese. Nella finale per il 3_4° posto ha realizzato il miglior tempo sulla distanza. Poteva lottare per l’oro…
In effetti, dopo il bronzo dell’inseguimento a squadre, è arrivato anche il terzo posto dell’azzurra Maltese, capace anche di realizzare la migliore prestazione degli Europei nell’inseguimento individuale donne. Un rammarico che però nulla toglie alla consapevolezza della crescita complessiva del settore dell’inseguimento femminile, confermato anche dall’oro vinto dal quartetto juniores il giorno seguente (mercoledì 11). Le azzurrine hanno segnato il miglior tempo nelle qualificazione (4’43″144) e nella finale. Così le azzurrine junior Arianna Fidanza, Michela Maltese, Maria Vittoria Sperotto, Francesca Pattaro hanno centrato l’obiettivo regalando all’Italia la prima medaglia d’oro. Le azzurre hanno fermato la lancetta dell’orologio ai 4’40″109 contro i 4’42” 767 della Russia, argento. Bronzo al Belgio in 4.41.866.
Protagonista della gara ancora una volta Michela Maltese, bresciana al secondo anno nella categoria, alla seconda medaglia in questa rassegna: “Dopo un inverno passato ad allenarsi, siamo partite con la consapevolezza di fare bene. Nei primi dieci giri il nostro grande punto di riferimento è stato il CT Salvoldi. Poi la sintonia del gruppo e il ritmo condiviso ha fatto crescere la consapevolezza di poter giocare il tutto per tutto. E’ infatti arrivato l’oro. Abbiamo corso come una grande squadra, con la S maiuscola“.
Emozionato e soddisfatto il CT Salvoldi: “Non mi aspettavo un livello così alto in questa categoria dal punto di vista cronometrico viste le nazioni che sono andate a podio – dice il CT – Per me è stata una bella emozione perchè questo gruppo così giovane ha davvero una grande sintonia. A volte si valuta il lavoro di preparazione che si svolge solo a prodotto finito quando in realtà molte sono le differenze, oggettive, tra noi e le altre nazioni. La Russia, per esempio, ha la fortuna di avere un numero elevato di atlete. Anche per questo, l’oro conquistato oggi ha un valore in più“.

RIEPILOGO MEDAGLIE AZZURRE
Inseguimento a Squadre Donne Junior – Medaglia d’Oro ( Arianna Fidanza, Michela Maltese, Maria Vittoria Sperotto, Francesca Pattaro).
Inseguimento a squadre Donne u23- Medaglia di Bronzo (Elena Cecchini, Beatrice Bartelloni, Maria Giulia Confalonieri e Chiara Vannucci – nella finale Giulia Donato ha sostituito Vannucci)
Inseguimento individuale donne Junior – Medaglia di Bronzo – Michela Maltese

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.