Campionato del Mondo canoa discesa, gran finale dell’Italia

Campionato del Mondo canoa discesa, gran finale dell’Italia
Costanza Bonaccorsi, Beatrice Grasso, Viola Risso bronze medal K1 Sprint Team!

Costanza Bonaccorsi, Beatrice Grasso, Viola Risso bronzo nel K1

Magica Valtellina per l’Italia della canoa discesa che nell’ultima giornata del Campionato del Mondo canoa discesa conquista altre tre medaglie. Alla fine della rassegna, che era cominciata in sordina per i nostri colori, il gruppo azzurro può considerarsi soddisfatto, grazie soprattutto ai 2 titoli mondiali conquistati dalla Carbognin ieri e dalla Bonaccorsi oggi, dimostrando ancora una volta che, comparando anche i risultati provenienti dagli altri settori della canoa, che il remo azzurro è soprattutto donna.
A parte l’oro della Bonaccorsi nel K1 femminile, questa giornata di chiusura regala anche il bronzo di Mariano Bifano, Davide Maccagnan e Pierpaolo Bonato nel K1 maschile a squadre e nuovamente Costanza Bonaccorsi, assieme a Beatrice Grasso e Viola Risso con il bronzo nel K1 femminile.
Soddisfazione ovviamente anche per tutto lo staff azzurro capitanato dal Presidente FICK Luciano Buonfiglio, dal Team Leader Alessandro Rognone, dal commissario tecnico Pontarollo e dai tecnici Alessandro Berton, Luca Cardinali e Vladi Panato.
Già scritto della Bonaccorsi (leggi qui), la seconda medaglia la conquistano Mariano Bifano (Marina Militare), Pierpaolo Bonato (Forestale) e Davide Maccagnan (Valbrenta Team) con il bronzo nel K1 a squadre. L’oro va alla Slovenia di Znidarcic, Debeljak e Urankar (42.740) davanti alla Repubblica Ceca di Hala, Mruzek e Slovak (43.050) e all’Italia che chiude in 43.230 scalzando dal podio la Francia (quarta alla fine e e terza dopo la prima manche). Decisiva l’ottima seconda run degli azzurri che sono riusciti a rimontare dal quinto posto al termine della prima al terzo ottenuto grazie alla veloce azione nella seconda run di finale.
Nella seconda manche abbiamo cambiato strategia rispetto alla prima – fa sapere Mariano Bifano – la scelta di andare sulla stessa linea con il primo ed il secondo di noi ci ha permessi di non incappare in contatti e incroci a metà percorso. E’stata una strategia azzeccata che abbiamo messo a punto parlandoci tra la prima e la seconda manche”.
Nella seconda e decisiva prova di finale è stato Davide Maccagnan a tirare gli azzurri in prima posizione con Pierpaolo Bonato a fare da collante al centro e Mariano Bifano, con una linea più spostata a sinistra rispetto ai due compagni di squadra, a chiudere con lo sprint conclusivo una discesa che vale il bronzo: “E’ stata una seconda manche pulita, tranquilla e senza alcuna tensione come invece mi era accaduto in precedenza – commenta Pierpaolo Bonato – è un parziale riscatto rispetto ai risultati che ho ottenuto nelle gare individuali. Sono soddisfatto e questa medaglia mi ripaga del lavoro fatto fino ad ora. Adesso però non ci fermiamo e continuiamo a lavorare per migliorare”.
Sprizza entusiasmo da tutti i pori Davide Maccagnan, pagaiatore del Valbrenta Team che dopo un anno di stop ha deciso di tornare con una scelta premiata oggi dalla medaglia iridata: “Sono felicissimo e se il vento non si fosse alzato in maniera contraria durante la nostra discesa avremmo potuto fare ancora meglio. Ma va benissimo così, è stata una gara dura, intensa e spettacolare. E il bronzo va alla grande”.
La chiusura in bellezza la regalano al pubblico della Valtellina le pagaiatrici azzurre del kayak che mettono al collo la medaglia di bronzo nel K1. L’oro va alla Germania di Fuesser, Overbeck e Stoeberl in 49.890; argento alla Francia con Le Corvaisier, Hostens e Malaterre in 50.220; bronzo all’Italia in 50.230 con Bonaccorsi, Risso e Grasso.
La terza medaglia conquistata dalle donne della canoa discesa in questa rassegna iridata dopo quelle messe al collo da Chiara Carbognin nel C1 femminile e dalla stessa Costanza Bonaccorsi nel K1 femminile.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.