Campionato del Mondo CISM: Lodde, Croce e Giansanti iridati in divisa

Campionato del Mondo CISM: Lodde, Croce e Giansanti iridati in divisa
Luigi Lodde in azione a Londra

Luigi Lodde in azione a Londra

DOHA (QAT) – Il 2° Campionato del Mondo del CISM (Coordinamento Internazionale dello Sport Militare) conferma l’Italia come leader assoluto del Tiro a volo, anche in ambito militare. Il verdetto delle pedane del Lusail Shooting Complex di Doha è inequivocabile. Quattro medaglie d’oro con rispettivi titoli iridati, un argento e un bronzo collocano la nostra nazione sulla vetta del medagliere della manifestazione che ha richiamato in Qatar 75 atleti provenienti da 10 nazioni.
Procedendo con ordine, il risultato più positivo è arrivato dalla Fossa Olimpica. A salire sul gradino più alto del podio è stato Massimo Croce. Classe 1964 di Guidonia (RM) portacolori dell’Aeronautica Militare Italiana, Croce ha chiuso le cinque serie di qualificazione a quota 120/125, pari merito con il connazionale Daniele Resca, Carabiniere di Pieve di Cento (BO) ed il kuwaitiano Fehaid Aldeehani, tutti e tre ad un piattello di distanza dal migliore in pedana, il kuwaitiano Marzouq Al Waalan primo con 121.
Grazie al punteggio di 11/15 ed uno shoot-off vincente sul collega Resca, l’aviere ha affrontato Al Deehani nel medal match per l’oro. Nello scontro diretto Croce è stato quasi perfetto. Con un solo errore, commesso nel settimo turno di tiro, ha regolato il due volte bronzo olimpico (Sydney 2000 e Londra 2012) con 14 a 12 laureandosi Campione del Mondo Militare.
Sul podio anche Daniele Resca. Il ventisettenne carabiniere emiliano è approdato sul terzo gradino battendo Saleem AL Nasseri (OMA). Per lui un solo zero sul primo piattello, poi più nulla fino alla fine e con un nettissimo 14 a 9 ha chiuso la questione.
Fuori dalla finale per un solo piattello Ferdinando Rossi di Montefalco. Il tiratore della Marina Militare Italiana, autore di un buon 118/125, ha comunque contribuito in maniera importante al risultato a squadre che ha visto l’Italia salire sul gradino più alto con il totale di  358/375, davanti a Kuwait e Qatar, rispettivamente al secondo e terzo posto con 352 e 346.
Anche in ambito femminile il titolo iridato è stato appannaggio di militare italiano. In questo caso la protagonista è stata Romina Giansanti, tiratrice romana del Gruppo Sportivo dell’Esercito Italiano, che è stata la migliore di tutte e tre le fasi della competizione. Con 70/75 si è imposta in qualificazione, con 13/15 in semifinale e con 10/15 nel medal match con la kuwaitiana Sarah Al Hawal che le ha regalato l’oro.
Passando allo Skeet, nella classifica maschile il risultato individuale ricalca quello della Fossa Olimpica. Luigi Agostino Lodde, trentatreenne di Ozieri (SS) in forza al Gruppo Sportivo dell’Esercito, è il nuovo Campione del Mondo dei tiratori in divisa. Già quinto classificato ai Giochi Olimpici di Londra 2012, il militare sardo ha condotto una gara in salita. Inciampato in un problematico 22/25 nella prima serie delle qualificazioni, è riuscito ad approdare alla semifinale con il totale di 118/125. Nella serie decisiva per la lotta alle medaglie ha centrato un quasi perfetto 15/16 che gli ha regalato il medal match per l’oro contro il qatarino Saeed Abusharib. Nessuno scampo per quest’ultimo nello scontro diretto in cui Lodde ha sfoderato tutta la sua maestria chiudendo con un perfetto e inequivocabile 16/16.
Ad un passo dalla semifinale gli altri due portacolori dell’Esercito Italiano impegnati nella competizione: Emanuele Fuso di Spello (PG) si è fermato in settima posizione con  116/125, mentre Valerio Andreoni di Palombina Nuova (AN) si è attestato in dodicesima con 115. Con il totale di 349/375 i tre si sono aggiudicati la piazza d’onore nel podio per nazioni, tra due compagini formate dai padroni di casa qatarini, primi e terzi con 352 e 346. Solo quarta Simona Scocchetti nella classifica femminile. La Vice Campionessa del Mondo 2013, anche lei in forza al Gruppo Sportivo dell’Esercito, è approdata al medal match per bronzo contro la qatarina Reem Al-Sharshani ma non ha trovato il giusto ritmo. Il risultato finale è 15 a 9 che la ferma ad un passo dalla medaglia.
“E’ stata una esperienza assolutamente positiva – spiega il C.V. Domenico La Faia della Marina Militare, Capo della missione – Il risultato tecnico non ha bisogno di commenti. Abbiamo letteralmente ribaltato quello del primo mondiale, celebrato in Italia, in cui i militari kuwaitiani la fecero da padroni. Da sottolineare è anche l’ottima sinergia che si è creata all’interno della squadra italiana anche grazie al lavoro dell’allenatore Diego Gasperini (Esercito), che ha amalgamato le singolarità creando un’atmosfera vincente”. Dopo una pausa nel 2014 l’attività internazionale del Tiro a Volo militare riprenderà con le Olimpiadi in Korea nel 2015  e con la terza edizione dei Mondiali Militari nel 2016.

RISULTATI
Fossa Olimpica Maschile: 1° Massimo CROCE (ITA) 120/125 – 11/15 (+2) – 14/15; 2° Fehaid ALDEEHANI (KUW) 120 – 12 – 12; 3° Daniele RESCA (ITA) 120 – 11 (+1) – 14; 9° Ferdinando ROSSI (ITA).
Squadra Maschile: 1ª ITALIA 358/375; 2ª KUWAIT 352; 3ª QATAR 346.
Femminile: 1ª Romina GIANSANTI (ITA) 70/75 – 13/15 – 10/15; 2ª Sarah AL HAWAL (KUW) 64 – 11 – 8; 3ª Nawal AL-KHALAF (QAT) 65 – 10 – 11 (+1).

Skeet Maschile: 1° Luigi LODDE (ITA) 118/125 – 15/16 – 16/16; 2° Saeed ABUSHARIB (QAT) 121 – 15 – 13; 3° Mohammed AL-KUWARI (QAT) 119 – 14 – 14 (+4); 7° Emanuele FUSO (ITA) 116; 12° Valerio ANDREONI (ITA) 115.
Squadra Maschile: 1ª QATAR 352/375; 2ª ITALIA 349; 3ª QATAR 346.
Femminile: 1ª Isarapa IMPRASERTSUK (THA) 67/75 – 13/16 – 12/16; 2ª Sarah MOHAMMED (QAT) 69 – 12 (+2) – 10; 3ª Reem AL-SHARSHANI (QAT) 62 – 12 (+1) – 15; 4ª Simona SCOCCHETTI (ITA) 68 – 10 (+2) – 9.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.