Campionato italiano Under 23 e Ragazzi Canottaggio a Piediluco: i vincitori delle batterie


PIEDILUCO, 22 settembre 2012 – Il sole e buone condizioni del lago di Piediluco accompagnano le prime quarantasette regate riservate alle qualificazioni dei Campionati Italiani Ragazzi ed Under 23. 

Un posto in finale, a disposizione nelle batterie di questa mattina, per le singoliste Under 23 a Piediluco. Giada Colombo (Can. Tritium), due volte d’argento nel doppio e nell’otto agli Europei di Varese, realizza il miglior tempo precedendo Alessandra Patelli (Sile Treviso) e Gaia Palma (Sisport Fiat), sue compagne d’avventura nella prima storica medaglia dell’Ammiraglia femminile a livello assoluto. Chiara Ondoli (De Bastiani Angera), campionessa d’Europa e bronzo nell’otto Junior, vince la seconda batteria davanti a Gaia Marzari (Can. Lario) ed Irene Vannucci (VVF Tomei), campionessa italiana nella categoria Esordienti. 

Come da programma, nel singolo maschile, è il campione mondiale universitario (vicecampione mondiale Under 23) Francesco Cardaioli a siglare il miglior tempo di tutte le batterie: 7’43”74 precedendo il ternano Marco Ferracci (Lavoratori Terni). Nella prima batteria Mario Cuomo (Can. Irno Salerno), bronzo nel 2011 ai Mondiali Junior in quattro con, precede Manuel Igneri (Can. Pontedera) mentre Tiziano Evangelisti (Can. Civitavecchia), fresco campione mondiale Junior in quattro di coppia, ha la meglio su Alessandro Aiello (CC Napoli), campione d’Italia nel singolo Esordienti. Fiamme Gialle e Reale Società Canottieri Cerea protagoniste nel doppio Under 23. Bernardo Miccoli e Gabriele Cagna costringono a una prova supplementare per l’accesso in finale Michele Manzoli e Lorenzo Chiodelli Palazzoli, i ragazzi della Canottieri Baldesio. Miccoli, Cagna e Manzoli, insieme a Matteo Baluganti, sono stati protagonisti in Lituania sfiorando il titolo mondiale nel quattro di coppia. I torinesi Luca Lovisolo e Guido Gravina, rispettivamente campioni mondiali nell’otto Junior e nel quattro senza Under 23, superano il CUS Pavia di Giuseppe Alberti e Gian Luca Como. 

Tra le Under 23, nella categoria Pesi Leggeri, Denise Zacco (Sportiva Murcarolo) manda ai recuperi Elena Coletti (Lavoratori Terni). Entrambe sono reduci dalla rassegna iridata di Trakai, seconde nel quattro di coppia Pesi Leggeri. Più facile il compito di Eleonora Trivella (VVF Billi), anche lei due mesi fa sul quadruplo argentato, capace di regolare la concorrenza di Elisa Arcara (Can. Lecco). La Coletti si riscatta prontamente nel doppio insieme a Federica Pala: qui i recuperi toccano al Murcarolo (Denise Zacco, Serena Cicerchia). Promossa anche la Canottieri Lario (Emilia Lotti, Marta Giacchero). Capitolo singolo Pesi Leggeri. Catello Amarante (Marina Militare) è il miglior singolista della mattinata: 7’57”34. Poi tocca a Matteo Mulas (Lavoratori Terni), campione mondiale nel quattro di coppia Under 23 e recentemente forgiato dall’esperienza europea di Varese in doppio. Vittorie anche per Andrea Micheletti (Can. Gavirate), singolista azzurro a Trakai, e per Paolo Ghidini (Can. Sebino). Gli azzurri Simone Molteni ed Andrea Fois, titolari nel doppio PL a Trakai, vincono la prova di qualificazione del doppio Pesi Leggeri con il miglior tempo davanti alla Baldesio (Lorenzo Cortesi, Edoardo Margheri) ed alla Tirrenia Todaro (Leone Barbaro, Giorgio Dal Pra). Nell’altra batteria affermazione per la Canottieri Sampierdarenesi (Edoardo Marchetti, Matteo Quattrone).

Missione compiuta per Francesco Cardaioli anche nel quattro di coppia insieme a Luca Tardivo, Davide Stefanile e Mattia Amatruda. Canottieri Padova in finale, stesso discorso per la Canottieri Baldesio che fa segnare anche il miglior tempo (6’29”66). Buon riscontro, per il tecnico cremonese Giancarlo Romagnoli, anche nel quattro di coppia Pesi Leggeri con Lorenzo Cortesi, Lorenzo Dessi, Ivan Lagutin e Davide Pedrazzani. Avanti anche la Canottieri Gavirate (Marco Tomasello, Alexis Binda, Davide Magni, Andrea Festa). 

Passando alla categoria Ragazzi, nessuna sorpresa nel singolo femminile, dove alle semifinali di domattina accedono le prime due singoliste. Alessandra Apone (Elpis) ed Arianna Noseda (Lario), Francesca Fava (Bissolati Cremona) e Alessia Rabasca (Tritium), Arianna Mazzoni (Viareggio) ed Alessia Palombi (Marina Militare Sabaudia), Paola Piazzolla (LNI Barletta) e Alice Sansa (Can. Timavo), Claudia Destefani (Fiamme Gialle) e Lisamarie Ferretti (Arolo), Bianca Laura Pelloni (Speranza Pra’) e Valentina Iseppi (D’Annunzio): queste le dodici atlete che non passeranno dai recuperi potendo così riposare qualche ora in più rispetto alle avversarie. Solo un posto, in semifinale, per i singolisti prima dei recuperi: lo conquistano Giacomo Gentili (Bissolati Cremona), Alessandro Brizi (Lavoratori Terni), Giovanni Ficarra (CC Peloro), Daniele Leggeri (Can. Tremezzina), Eugeniu Zabolotnii (CUS Torino), Pierpaolo Venora (CC Jonica), Riccardo Coan (Can. Lario) e Riccardo La Versa (Diadora).
Nel doppio successi, come da programma, per Canottieri Tremezzina (Lorenzo Fontana, Pietro Venini) e Canottieri Viareggio (Lorenzo Fornaciari, Alberto Dini). Bellissima sfida, nella prima batteria, tra Monopoli 2005 (Felice Marasciulo, Cosimo Fiume) e CC Aniene (Giulio Fedeli, Eugenio Finizzi): vittoria per i pugliesi per 62 centesimi, avanti entrambi. Sorrisi anche per Marina Militare Sabaudia (Daniele Lepore, Raffaele Giulivo), CC Jonica (Gabriele Grimaldi, Pietro Limoli), Reale Società Canottieri Cerea (Pietro Cappelli, Amedeo Feneziani). Nel doppio Ragazze, invece, non hanno problemi Canottieri Lario (Giorgia Marzari, Giada Bettio) e Padova Canottaggio (Angela De Lucchi, Maria Cabassa).

Canottieri Firenze favorita nel due senza: passano, in scioltezza, Neri Muccini e Leonardo Pietracaprina, padroni assoluti di questa specialità nelle gare nazionali. In finale anche Padova Canottaggio di Pierluigi Cibin e Luca Danese. Nel quattro di coppia Ragazzi, calano subito l’asso il Rowing Club Genovese (Stefano Benveduti, Stefano Bersani, Michele Rebuffo, Lorenzo Keyes) e Canottieri Gavirate (Davide Maffiola, Federico Sterzi, Andrea Rovera, Paolo Sardella) e vanno così direttamente in finale.

Speciale Campionati Italiani Under 23 e Ragazzi

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.