Canoa Slalom e Maratona, l’Italia s’è desta

Canoa Slalom e Maratona, l’Italia s’è desta

COPPA DEL MONDO CANOA SLALOM – Vola sulle acque di Tacen Andrea Romeo. Il marinaio di Cordenons conquista una straordinaria medaglia d’argento nella seconda prova di Coppa del Mondo in terra slovena e lo fa con autorità e precisione.
L’azzurro è ottimo in qualifica e in semifinale ferma il cronometro sul 100.88 a 3.19 dal primo posto e in decima posizione. E’lui l’ultimo dei qualificati con il primo degli esclusi che rimane a sette centesimi dalla finalissima, centrata invece dal pagaiatore di Cordenons che in finale parte quindi per primo. Il suo 97.32 è un chiaro segnale a tutti gli altri avversari che, uno dopo l’altro, gli finiscono dietro. Solo il tedesco Fabian Doerfler (campione mondiale nel 2005 e vincitore del titolo mondiale a squadre nel 2007 e nel 2010) riesce a stare davanti all’azzurro con un vantaggio di appena venti centesimi conquistando l’oro; il resto dei finalisti finisce invece alle spalle di Andrea Romeo che conquista l’argento davanti al tedesco Sebastian Schubert, staccato di 1.19 dall’azzurro e portacolori della Marina Militare. Si erano fermati invece in semifinale gli altri italiani con Giovanni de Gennaro in 24esima posizione, Matthias Weger in 29esima e Daniele Molmenti in 36esima posizione con una prestazione appesantita da due salti di porta (e conseguenti 100 secondi di penalità).
Nel C1 maschile solo podio sfiorato per l’Italia con il bolognese della Marina Militare Stefano Cipressi che al traguardo è inizialmente terzo. Mezz’ora dopo però la giuria accoglie un ricorso presentato dalla Slovenia, togliendo un tocco di palina a Luka Bozic che scalza così dalla terza posizione l’azzurro relegato in quarta piazza, ai piedi del podio. L’oro va allo sloveno Benjamin Savsek (104.94) davanti allo slovacco Michal Martikan. Terza posizione come detto per lo sloveno Luka Bozic davanti a Stefano Cipressi che per sette centesimi è costretto ad accontentarsi della quarta posizione. Si ferma invece in semifinale Roberto Colazingari che non riesce ad andare oltre al 16esimo posto.
Azzurri fuori dal podio nelle prove a squadre. Ottavo posto nel C1 con l’oro che va all’Australia davanti a Francia e Repubblica Ceca; nel K1 maschile troppi tocchi di palina (tre) fanno scivolare gli azzurri al quinto posto nella prova vinta dalla Germania davanti a Francia e Polonia.
Risultati live al sito www.123result.com

Campionato Europeo Canoa Maratona Cicali

Stefania Cicali

CAMPIONATO EUROPEO CANOA MARATONA – Seconda giornata di gare a Piestany, nelle acque del fiume Vah, dove l’Italia conferma la sua leadership aggiungendo al medagliere di ieri un’ulteriore medaglia di bronzo, conquistata da Stefania Cicali nel K1 senior femminile. Sale quindi a tre il numero di medaglie “in rosa” al collo azzurro, conquistate in tutte le gare singole femminili: dopo il titolo europeo di Elisabetta Maffioli nel K1 junior e il bronzo conquistato da Susanna Cicali nel K1 under 23. Tre medaglie al femminile che in una disciplina agonisticamente difficile dimostrano che tenacia, motivazione e duro lavoro portano a grandi risultati.
Stefania Cicali chiude quindi la gara di 26,2 Km tagliando il traguardo con il tempo di 02:03:15.526. L’oro va all’ungherese Csay (02:02:14.005), seconda l’inglese Broughton (02:02:39.606).
Stefania ha condotto la gara sempre nel gruppo di testa, per la parte centrale di gara ha tirato le compagne in scia tenendosi in prima posizione, scivola poi in terza a causa di un inconveniente all’ultimo trasbordo dove imbarca un po’ di acqua ed è costretta a svuotare la canoa perdendo qualche secondo e lasciando l’oro alla storica avversaria ungherese, una donna da record che vanta dodici titoli da campionessa mondiale di specialità. L’atleta delle Fiamme Azzurre, nata e cresciuta nelle acque dell’Arno, non è nuova ai successi della specialità, già medaglia d’argento al mondiale di Roma nel 2012 in barca singola conferma la sua leadership europea e prepara già il mondiale americano in programma a Oklahoma City (USA), 26-28 settembre 2014. Nella stessa gara Anna Alberti non porta a termine il percorso. Non finisce la gara nemmeno l’equipaggio del K2 junior formato da Simone Carando e Demis Pagliarini; leader della loro gara sono i diciassettenni ungheresi Gyorgyjakab e Piller.
Nel K1 uomini Matteo Graziani chiude in ottava posizione mentre non conclude la prova Francesco Balsamo. L’oro va allo spagnolo Ivan Alonso davanti al portoghese Josè Ramalho e al norvegese Mathias Hamar.
Risultati live e streaming al sito

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.