Ultima chiamata per i Giochi Olimpici di Tokyo per gli atleti della canoa velocità. Giovedì 20 e venerdì 21 maggio sulle acque di Barnaul, in Russia, andranno in scena le qualificazioni mondiali per le barche singole. Gli atleti di tutto il mondo che non hanno ancora ottenuto il pass a cinque cerchi gareggeranno per conquistare l’unico posto ancora disponibile nelle discipline del K1 1000 metri, C1 1000, K1 200 per gli uomini, K1 200, K1 500 e C1 200 per le donne.

Nelle due precedenti finestre di qualificazione la nazionale italiana guidata dal direttore tecnico Oreste Perri ha già ottenuto tre carte olimpiche: nel 2019, ai Mondiali di Szeged, nel K1 200 metri con Manfredi Rizza (Aeronautica Militare) e nel K2 1000 con Samuele Burgo e Luca Beccaro (Fiamme Gialle), mentre Francesca Genzo (Fiamme Azzurre) ha ottenuto il pass nel K1 200 metri la scorsa settimana nelle qualificazioni europee che si sono tenute sempre sul bacino ungherese.

Da domani invece andranno a caccia dei pass mancanti Carlo Tacchini (Fiamme Oro) nel C1 1000, Andrea Schera nel K1 1000 metri e Agata Fantini (Marina Militare) nel K1 500. Tutti e tre gli azzurri scenderanno in acqua dalle ore 14.00 di giovedì per affrontare le batterie e le semifinali delle diverse discipline, mentre le finali sono in programma venerdì. Soltanto il vincitore di ogni gara avrà accesso ai Giochi, i pass totali in palio saranno infatti soltanto sei.

Nel weekend – 22 e 23 maggio – il campo di gara russo sarà anche teatro delle seconda tappa di Coppa del Mondo. Tacchini gareggerà sempre nella canadese monoposto nelle due prove sui 500 e 5000 metri, doppio impegno anche per Schera nel K1 500 e 5000, mentre la Fantini si misurerà solo sulla lunga distanza del K1 5000 metri.

INFO E RISULTATI

Sport24h.it nasce dall’idea che ogni disciplina sportiva è portatrice di un sistema di valori, emozioni e linguaggio unici. Contrariamente alla narrazione imperante: non esistono i fatti separati dalle opinioni (in questo ci sentiamo un po’ eretici). La realtà è sempre, inevitabilmente, interpretata dalla sensibilità di chi la racconta.

Commenta