ROMA, 12 maggio 2021 – Sono già nove le barche azzurre qualificate per i Giochi di Tokyo 2021, ma la nazionale del Direttore Tecnico Cattaneo prova ad aumentare le carte olimpiche presentando a Lucerna, da sabato 15 a lunedì 17, il doppio e l’otto senior maschile e il quattro senza senior femminile.

Tre barche hanno concretamente la possibilità di lottare per strappare i pass olimpici nonostante abbiano subito uno stop della preparazione inatteso, e completamente risolto, per alcuni casi di covid-19.

In questi giorni la Direzione Tecnica formalizza la composizione degli equipaggi azzurri che scenderanno in acqua sul bacino elvetico del Rotsee. Tutte e tre le barche, una volta agguantata la finale, dovranno piazzarsi tra le prime due posizioni nella propria specialità.

Alla regata di Lucerna sono iscritte complessivamente 50 nazioni per un totale di 163 equipaggi e 419 atleti. Il programma gare prevede per sabato mattina le batterie eliminatorie con inizio alle ore 10.00, mentre il pomeriggio, dalle 16.00, sarà dedicato ai primi recuperi. Domenica mattina, dalle 10.00, il via a quarti, semifinali e ultimi recuperi, mentre lunedì sarà la giornata conclusiva con tutte le finalissime a partire dalle ore 10.00. Di seguito le formazioni azzurre in gara:

DOPPIO SENIOR MASCHILE: Luca Chiumento, Nicolò Carucci

OTTO SENIOR MASCHILE: Mario Paonessa, Alfonso Scalzone, Salvatore Monfrecola, Davide Mumolo, Matteo Sandrelli, Cesare Gabbia, Vincenzo Abbagnale, Leonardo Pietra Caprina, Gaetano Iannuzzi-timoniere

QUATTRO SENZA SENIOR FEMMINILE: Chiara Ondoli, Alessandra Patelli, Kiri Tontodonati, Aisha Rocek

RISERVE: Emanuele Gaetani Liseo, Luca Parlato, Niels Torre

Speciale Final Olympic Qualification Regatta – Lucerna

Sport24h.it nasce dall’idea che ogni disciplina sportiva è portatrice di un sistema di valori, emozioni e linguaggio unici. Contrariamente alla narrazione imperante: non esistono i fatti separati dalle opinioni (in questo ci sentiamo un po’ eretici). La realtà è sempre, inevitabilmente, interpretata dalla sensibilità di chi la racconta.

Commenta