Castel Sant’Angelo racconta la Ginnastica nelle Notti d’Estate

Il mausoleo di Adriano ha fatto da cornice, martedì sera, all'evento Notti di Sport a Castel Sant'Angelo, kermesse organizzata dal Comitato Regionale Lazio del CONI che si svolgerà ogni martedì dal 7 luglio al 1 settembre.

Castel Sant’Angelo racconta la Ginnastica nelle Notti d’Estate

Fortezza, castello, sede papale, tribunale, carcere, museo e infine – per una notte – teatro di Ginnastica e spettacolo. Il mausoleo di Adriano ha fatto da cornice, martedì sera, all’evento Notti di Sport a Castel Sant’Angelo, kermesse organizzata dal Comitato Regionale Lazio del CONI che si svolgerà ogni martedì dal 7 luglio al 1 settembre. 

Ad inaugurare la magica estate capitolina è stata proprio la Federazione Ginnastica d’Italia che insieme al CR Lazio FGI ha condotto la serata tra rappresentazioni, testimonianze ed esibizioni di una delle discipline più antiche della storia umana.

Sul palco è salita l’eccellenza della ginnastica romana: Marco Lodadio viene insignito della medaglia di bronzo al valore atletico del CONI, mentre Andrea Russo e Lorenzo Galli – sempre più protagonisti sui palcoscenici che contano – ricevono, direttamente dalle mani del Presidente Federale Riccardo Agabio, la targa per meriti sportivi.

Stessa onorificenza anche per Elisa Santoni (Aeronautica). l’ex capitano della Squadra Nazionale di Ritmica si è raccontata alla platea della piazzetta Alessandro VI, ripercorrendo la sua vita di atleta: dai primi passi sulla pedana della Polimnia alle tre olimpiadi con la maglia azzurra; dall’argento di Atene 2004 al bronzo di Londra 2012, passando per Pechino 2008. 

Emozionante pure l’antologia dedicata all’Aerobica se consideriamo le ultime novità che hanno coinvolto la sezione. Invitata sul podio, Sara Natella insieme ai tecnici Giovanni Marsella e Gigliola Carosi, ha ricordato il 20° anniversario di affiliazione alla Federazione Internazionale e il recente trionfo ai Giochi Europei di Baku, firmato dalla coppia Donati / Castoldi. Riprendendo le parole del prof. Riccardo Agabio, che nelle vesti di Presidente tecnico alla fine degli anni 90′ non solo introdusse la specialità del gruppo in europa ma fece dell’Aerobica una vera e propria disciplina al pari delle altri sezioni, la Carosi ha ribadito l’importanza di poter annoverare un giorno questo sport tra le discipline olimpiche.

Nel parterrè dedicato alle autorità erano presenti, oltre al massimo dirigente della Ginnastica italiana, Gherardo Tecchi, Consigliere Nazionale e referente per la sezione Femminile, Pier Luigi Miranda, Consigliere Federale, Roberto Pentrella, Segretario Generale della Federazione, Paolo Pasqualoni, numero uno del CR locale FGI, Antonia Paparelli, Presidente onorario dello stesso comitato, Luisa Righetti, referente nazionale di giuria di Ginnastica Aerobica e il Presidente del CONI Lazio Riccardo Viola accompagnato da alcuni membri del Consiglio Regionale. 

Lascia il tuo commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.