Le acque spagnole di Sabero si tingono d’argento per l’Italia. Nella giornata conclusiva dei Campionati Europei di canoa discesa arriva un’altra medaglia nelle gare sprint dopo i due ori conquistati nella classica.

Protagonista ancora un volta Cecilia Panato che rimetteva in gioco il titolo continentale conquistato nel 2019. L’azzurra del Canoa Club Pescantina si conferma tre le migliori atlete a livello internazionale nel C1, dopo l’oro conquistato mercoledì nella discesa classica. Oggi sui rapidi 350 metri del percorso spagnolo ha chiuso con il tempo di 48.31 che vale la medaglia d’argento a soli due decimi dalla vetta. Il titolo europeo va alla francese Elsa Gaubert che in 48.12 precede l’azzurra e la connazionale Helene Raguenes, bronzo in 48.88.

Nella finale del K1 Mathilde Rosa non riesce a bissare il successo del 2019. La pagaiatrice del CUS Pavia, neo campionessa europea nella classica, deve accontentarsi dell’ottavo tempo in 44.52. Settimo posto per la Panato in 44.15, mente il titolo continentale è andato alla francese Pauline Freslon.

Nella canadese monoposto Tommaso Mapelli (Cassano d’Adda) e Giacomo Bianchetti (Palazzolo sull’Oglio) chiuso la finale, rispettivamente al settimo (44.03) e ottavo posto (44.12). Medaglia d’oro al francese Quentin Dazeur (42.06).  I due azzurri si sono poi piazzati al sesto posto (42.91) nella finale del C2 vita ancora della coppia francese Dazeur-Santamaria. Nella kayak maschile finiscono nelle retrovie invece i due azzurri: Andrea Bernardi (CUS Pavia) è 12° in 39.84, Giacomo Abbiati (Canottieri  Adda) chiude in fondo al gruppo con il 15° posto in 41.50. Titolo europeo al belga Richard Maxime (37.28).

Nelle gare a squadre quinto posto nella C1 maschile (51.47) con Mapelli, Bianchetti e Scapini. Decimo posto per il team dei kayak formato da Ciotoli, Abbiati e Bernardi (49.88). Tutti e sei gli azzurri si sono misurati nella gara a squadre del C2 chiudendo al 5° posto in 51.70. ì

Risultati: https://bit.ly/3g3764B

Sport24h.it nasce dall’idea che ogni disciplina sportiva è portatrice di un sistema di valori, emozioni e linguaggio unici. Contrariamente alla narrazione imperante: non esistono i fatti separati dalle opinioni (in questo ci sentiamo un po’ eretici). La realtà è sempre, inevitabilmente, interpretata dalla sensibilità di chi la racconta.

Commenta