Ciao Felice! Con Gimondi scompare un pezzo della nostra storia

E' scomparso improvvisamente, a 76 anni, Felice Gimondi, forse il più grande ciclista italiano dopo Coppi: l'uomo che ha contrastato Merckx.

Ciao Felice! Con Gimondi scompare un pezzo della nostra storia

Una tragica notizia ha sconvolto oggi il ciclismo italiano e mondiale: è scomparso Felice Gimondi. Gimondi ha avuto un malore nelle acque di Giardini Naxos, in Sicilia, dove era in vacanza con la moglie Tiziana. Vani tutti i soccorsi, il campione bergamasco è morto nel tardo pomeriggio.

Con Felice Gimondi – ha ricordato il Presidente della FCI Renato Di Rocco, appena venuto a conoscenza della notizia – scompare non solo uno dei più grandi ciclisti della storia del nostro sport, in grado di vincere grandi Giri, un Mondiale e importanti classiche in linea e di contrastare, lui solo, il “cannibale” Eddie Merckx; se ne va anche una personalità dalle spiccate doti umane, un dirigente instancabile e competente, un amico. Un grande uomo che ha contrassegnato un’epoca. Il ciclismo italiano piange la scomparsa di uno dei simboli della propria storia e si stringe commossa attorno alla sua famiglia, alla moglie Tiziana, alle figlie Norma e Federica.

Ho dato disposizione affinché tutte le Nazionali in giro per il mondo, di tutte le discipline, gareggeranno con un segno di lutto e che si rispetti un minuto di silenzio in tutte le gare del fine settimana in Italia.”.

Nato a Sedrina (Bergamo) il 29 settembre 1942, professionista dal 1965 al 1979, ha conquistato per tre volte il Giro d’Italia (nel 1967, 1969 e 1976, con nove podi totali conquistati: un record tuttora imbattuto), una volta il Tour de France (1965) quando aveva solo 23 anni, e la Vuelta (nel 1968). E’ stato infatti uno dei sette corridori capaci di vincere tutte le tre grandi corse a tappe. Ha contrastato, negli anni d’oro del ciclismo mondiale, un campione del calibro di Eddy Merckx, vincendo importanti gare in linea, dal campionato del mondo su strada alla Parigi-Roubaix, dalla Milano-Sanremo al Giro di Lombardia, che ha dominato per due volte.

E’ stato, soprattutto, il simbolo di un’epoca, a cavallo degli anni ’70, per una generazione che è cresciuta nutrendosi delle sue imprese e della sua pacatezza. Un campione che avrebbe potuto vincere molto più di quello che ha vinto se non avesse trovato sulla sua strada un certo Eddy Merckx che, appresa la notizia della sua scomparsa, non è riuscito a trattenere la commozione (qui).

L’importanza è il peso del grande campione si misurano anche dalla reazione dei social network. In poche ore, una volta diffusasi la notizia, la rete si è riempita di ricordi e condoglianze da parte di personaggi famosi e, soprattutto, di un grande numero di persone normali che non hanno potuto fare a meno di ricordare il ruolo che Gimondi ha ricoperto nella storia personale di ognuno.

Il ciclismo mondiale e lo sport italiano da oggi sono un po’ più soli.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.