Cicilia Panato vince la Coppa del Mondo 2018 nel C1

Grazie al doppio oro conquistato lo scorso weekend a Banja Luka (I e II tappa) e alle ulteriori due medaglie, rispettivamente una d’oro nella classica e una di bronzo nella sprint, messe al collo questo fine settimana nella III e IV prova di Celje

Cicilia Panato vince la Coppa del Mondo 2018 nel C1

L’ultimo atto di Coppa del Mondo, nelle acque slovene di Celje, si conclude ancora una volta con una soddisfazione azzurra. Cecilia Panato vince il prestigioso trofeo di Coppa Del Mondo nel C1 femminile per questo 2018, grazie al doppio oro conquistato lo scorso weekend a Banja Luka (I e II tappa) e alle ulteriori due medaglie, rispettivamente una d’oro nella classica e una di bronzo nella sprint, messe al collo questo fine settimana nella III e IV prova di Celje. Un doppio successo che, dopo la vittoria del mondiale, la conferma a soli sedici anni la migliore pagatrice al mondo di specialità. L’italiana è prima del ranking con 193 punti, davanti alla Repubblica Ceca di Anezka Paloudova (185) e alla slovacca Katrina Kopunva (161). Una canoa in rosa che porta all’Italia anche il terzo posto di Mathilde Rosa nel ranking del K1 femminile (159), terza subito dietro alla svizzera Melanie Mathys (181) e alla ceca Anezka Paloudova (166).
Trasferta, quella di Celje, che ha regalato un ulteriore oro a Cecilia Panato nella prova classica del C1 andata in scena venerdì pomeriggio. La pagaiatrice di Pescantina è stata abile a segnare il crono di 15:42.14, a +12.48 dalla Paloudova, argento in 15:54.62. Un po’ meno fortunata la prova sprint di sabato sera, dove invece è stata la ceca Paloudova a prendersi la meritata rivincita vincendo in 42.51; prova dove Cecilia si è dovuta accontentare del bronzo in 42.81, a 11 centesimi dall’argento andato alla ceca Satkova (42.70).
“Direi che questa Coppa è andata più che bene!”, ha commentato Cecilia nel post gara. “E stata dura ma ce l’ho fatta e devo ammettere che volevo a tutti costi riconfermarmi come vincitrice. Sono soddisfatta di aver portato a casa tre ori ed un bronzo, ma sopratutto di essere sempre testa a testa con le big ceche. Dopo mesi e mesi di costanza e sacrificio, i risultati sono arrivati e questo mi rende fiera di me stessa e mi motiva sempre di più. Un grazie – continua – credo di doverlo a tutti: dai miei compagni di squadra, ai tecnici, in questo caso particolarmente a Luca Cardinali e Robert Pontarollo, alla mia famiglia, a mia sorella Alice e in ultimo, ma il più importante, a papà Vladi Panato, entrambi sono riusciti a raggiungermi il giorno della finale e ne sono stata davvero felice. Un grazie anche a mia mamma che purtroppo non sempre riesce a venire a vedere le mie imprese sull’acqua ma è connessa sui social pronta a tifare! Ora si torna in acqua – conclude – ad allenarsi con la prua della mia canoa rossa puntata verso l’Europeo di inizio agosto.”
Nessuna ulteriore medaglia dagli altri azzurri, veloci ma non abbastanza da conquistare il podio. Mathilde Rosa nel K1 femminile è quinta nella prova classica (14:55.99) e ottava (37.40) nella sprint. Nel K1 maschile il migliore della prova lunga è Francesco Ciotoli, diciassettesimo in 13:52.10, mentre nella sprint ad accedere in finale e chiudere tredicesimo è Leonardo Pontarollo in 32.18.Cala così il sipario sulla canoa discesa, che ritroveremo per l’ultimo appuntamento internazionale del 2018 dal 2 al 5 agosto a Skopje in Macedonia, con i Campionati Europei Junior.

Risultati completi: https://www.canoeicf.com/wildwater-canoeing-world-cup/celje-2018/rankings-results

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.