Classifica FIDE: Caruana sesto con 2782 punti Elo

Classifica FIDE: Caruana sesto con 2782 punti Elo

Mondiale di scacchi, Carlsen, AnandLa Federazione Internazionale degli Scacchi (FIDE) ha diramato la nuova graduatoria mondiale a punti al primo gennaio. Fabiano Caruana si conferma nella ‘top ten’, al sesto posto con un punteggio di 2782, davanti all’ormai ex campione del mondo Anand, che potrebbe in futuro realizzare un grande regalo al giocatore italo statunitense, rinunciando a partecipare al torneo dei candidati che deciderà lo sfidante di Carlsen nel 2015. In caso di rinuncia dell’indiano, infatti, proprio Caruana entrerebbe nel torneo, come prima riserva.
Per quanto riguarda la classifica elo, Carlsen mantiene saldamente il primo posto; lui e Aronian sono i soli con un punteggio superiore ai 2800, un ‘muro’ finora superato da pochi giocatori. Da segnalare il notevole il balzo dello statunitense Nakamura che occupa il terzo posto. Dal terzo al sesto posto i giocatori sono racchiusi nello spazio di soli 7 punti. Scende Anand che ora è nono. Dal punto di vista geopolitico, almeno stando alle nazionalità dei primi giocatori al mondo, gli scacchi si confermano ancora come sport a forte propensione “sovietica”. Tra i primi 14 troviamo infatti 4 russi, un bulgaro, un armeno e un azero, tutti provenienti dall’ex blocco dell’est (ma andrebbe anche aggiunto l’israeliano Gelfand). A difendere i colori occidentali solo il campione del mondo Carlsen, Nakamura (statunitense ma di chiare origine nipponiche), Caruana e Adams. Da segnalare anche la presenza del cubano Dominguez, retaggio della scuola inaugurata da Capablanca.

GRADUATORIA MONDIALE AL 1 GENNAIO 2014
Carlsen (Nor) 2872;
Aronian (Arm) 2812;
Nakamura (USA) 2789;
Kramnik (Rus) 2787;
Topalov (Bul) 2785;
Caruana (Ita) 2782;
Grischuk (Rus) e Gelfand (Isr) 2777;
Anand (Ind) 2773;
Karjakin (Rus) 2759;
Svidler (Rus) 2758;
Mamedyarov (Aze) 2757;
Adams (Eng) e Dominguez (Cub) 2754.

TORNEO DI WIJK AAN ZEE – Caruana tornerà in gara a metà gennaio nel grande torneo di Wijk aan Zee in Olanda, che inaugura l’anno scacchistico. Fabiano punta a un risultato di prestigio e in particolare a conquistare i punti che nella graduatoria internazionale gli permettano di superare il ‘muro’ dei 2800.
Il tradizionale torneo di Wijk aan Zee, sebbene patrocinato dalla Tata (maggior produttore mondiale di automobili), vede quest’anno una edizione al risparmio con soli due tornei ad invito contro i tradizionali tre.
Nel gruppo principale oltre a Fabiano Caruana, ci sono altri 11 giocatori: Aronian, Nakamura, Gelfand, Karjakin, il cubano Dominguez, il tedesco Naiditsch, So delle Filippine, l’indiano Hariskrishna, l’ungherese Rapport e gli olandesi Giri e Van Wely.
Non ci sarà solo Caruana a difendere i colori italiani: infatti nel secondo torneo ad inviti, denominato Challengers, giocherà Sabino Brunello (che è il numero 5 del tabellone) che lo scorso anno aveva vinto il Gruppo C, questa volta non organizzato. In questo gruppo ci sono complessivamente 14 giocatori tra i quali  la sola giocatrice invitata quest’anno, Anna Muzychuk. Completano il campo di gara i polacchi Wojtaszek e Duda, il georgiano Jobava, i cinesi Yu Yangyi, Zhao Xue, Saric (Croazia), Troff (USA) e gli olandesi Timman, Reinderman, Bok, Goudrian e Van Delft.
Si gioca dall’11 al 26 gennaio. Sito per i risultati e le partite in diretta www.tatasteelchess.com

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.