Coppa del Mondo Canottaggio a Lucerna: l’ItaLa Mura è tornata!

Coppa del Mondo Canottaggio a Lucerna: l’ItaLa Mura è tornata!
vincitrici della medaglia d'oro a Lucerna

Milani e Sancassani vincitrici della medaglia d’oro a Lucerna

Cinque medaglie, 1 oro, 3 argenti, 1 bronzo, è il bottino ottenuto dall’Italia al termine delle finali della terza e ultima prova di Coppa del Mondo a Lucerna (era un decennio che nelle barche olimpiche a Lucerna l’Italia non andava così bene). La mano di Giuseppe La Mura si vede, a distanza di solo pochi mesi dal suo ritorno, sulla scia del successo di Giuseppe Abbagnale alla presidente di una delle Federazioni che più hanno deluso in occasione delle Olimpiadi di Londra 2012.
È stata una prova di Coppa del Mondo a cui hanno preso parte le più forti nazioni del mondo – ha detto un La Mura visibilmente soddisfatto -. Questo per l’Italia è stato un test molto valido in vista del prossimo impegno mondiale. Posso anche affermare che la squadra era ben preparata ed è arrivata in condizioni ottimali alle finali. Vincere 5 medaglie su sei barche olimpiche in finale è un exploit veramente rilevante”.
La medaglia d’oro è quella storica del doppio pesi leggeri femminile di Laura Milani e Elisabetta Sancassani (Fiamme Gialle), che era la barca favorita dai pronostici e, quindi, da battere. Le due azzurre non hanno solo vinto, ma hanno anche dimostrato tutta la loro eleganza e la loro bravura nel gestire lo stress in gara dovuto ad una partenza non sempre brillante che le contraddistingue. Sul finale l’Italia ha messo in fila gli USA, argento, e la Nuova Zelanda, bronzo.
La prima delle tre medaglie d’argento è stata vinta dal due senza senior di Marco Di Costanzo (Fiamme Oro) e Matteo Castaldo (RYCC Savoia), che si sono piegati solo ai campioni olimpici neozelandesi Eric Murray, Hamish Bond. Due ragazzi che hanno continuato a dimostrare il loro valore partecipando agli Europei 2013, dove si sono piazzati ai piedi del podio (4°), e vincendo l’oro ai recenti Giochi del Mediterraneo di Mersin (Turchia). Una barca sulla quale l’Italia può contare in vista dei mondiali coreani.
La seconda medaglia d’argento è arrivata dal doppio senior di Romano Battisti e Francesco Fossi (Fiamme Gialle) che, dopo le eliminatorie, erano apparsi stanchi e pesanti. Oggi invece si sono presi una bella rivincita dopo essere passati attraverso il recupero. Solo la Nuova Zelanda è riuscita a fare meglio, ma lo scontro è solo rimandato al mondiale di fine agosto.
L’ultimo sigillo d’argento è arrivato dal doppio pesi leggeri di Andrea Micheletti (C Gavirate) e Pietro Ruta (Marina Militare). Una barca esplosiva che è riuscita a respingere tutti gli attacchi degli avversari in una gara senza esclusione di colpi e dove fino alla fine il risultato è rimasto incerto ad eccezione della prima posizione saldamente in mano alla barca francese dei campioni europei Stany Delayre, Jeremie Azou che, comunque, hanno dovuto tirare fin sul traguardo per contenere il ritorno degli azzurri.
La medaglia di bronzo è arrivata, invece, dal quattro senza senior di Matteo Lodo, Paolo Perino, Mario Paonessa, Giuseppe Vicino (Fiamme Gialle). Una barca messa in piedi in solo due settimane dopo prove interminabili svolte a Piediluco, che ha dimostrato come l’Italia può combattere, se ben preparata, anche con i “mostri sacri” di questa specialità come Stati Uniti e Australia. Il lavoro da fare è ancora tanto ma questo è comunque un buon inizio e una base su cui poter lavorare ancora.
Alle cinque medaglie va aggiunto anche il quarto posto del quattro di coppia femminile di Laura Schiavone (CC Irno), Giada Colombo (SC Tritium), Sara Magnaghi (SC Moltrasio) e Gaia Palma (Sisport Fiat) nella finale vinta dalla Germania, con Polonia e Australia seconda e terza.

LE FINALI A

DOPPIO PESI LEGGERI FEMMINILE: 1. Italia (Laura Milani, Elisabetta Sancassani-Fiamme Gialle) 6.52.41, 2. USA (Kristin Hedstrom, Kathleen Bertko) 6.55.36, 3. Nuova Zelanda (Julia Edward, Lucy Strack) 6.57.31, 4. Gran Bretagna (Kathryn Twyman, Imogen Walsh) 6.57.40, 5. Olanda (Elisabeth Woerner, Maaike Head) 6.59.77, 6. Germania1 (Lena Mueller, Anja Noske) 7.00.62
DUE SENZA SENIOR: 1. Nuova Zelanda (Eric Murray, Hamish Bond) 6.21.28, 2. Italia1 (Marco Di Costanzo-Fiamme Oro, Matteo Castaldo-RYCC Savoia) 6.26.44, 3. Spagna (Alexander Sigurbjonsson Benet, Pau Vela Maggi) 6.28.90, 4. Sud Africa1 (Shaun Keeling, Lawrence Brittain) 6.31.17, 5. Francia1 (Germain Chardin, Dorian Mortelette) 6.31.58, 6. Serbia (Nenad Bedik, Nikola Stojic) 6.39.39
DOPPIO SENIOR: 1. Nuova Zelanda (Michael Arms, Robert Manson), Gran Bretagna (Eric Knittel, Stephan Krueger) 6.09.84, 2. Italia (Romano Battisti, Francesco Fossi-Fiamme Gialle) 6.10.95, 3° Germania (Eric Knittel, Stephan Krueger) 6.11.16, 4. Lituania (Mindaugas Griskonis, Saulius Ritter) 6.11.16, 5. Norvegia Jakob Hoff Nils, Kjetil Borch) 6.17.19, 6. Gran Bretagna (Bill Lucas, Matt Langridge) 6.23.67
DOPPIO PESI LEGGERI: 1. Francia (Stany Delayre, Jeremie Azou), Grecia (Eleftherios Konsolas, Spyridon Giannaros) 6.13.54, 2. Italia (Andrea Micheletti-Canottieri Gavirate, Pietro Ruta-Marina Militare) 6.15.83, 3. Gran Bretagna (Richard Chambers, Peter Chambers) 6.16.18, 4. Olanda (Vincent Muda, Tycho Muda) 6.20.35, 4. Polonia (Artur Mikolajczewski, Mariusz Stanczuk) 6.21.16, 6. Grecia (Eleftherios Konsolas, Spyridon Giannaros) 6.27.61
QUATTRO SENZA SENIOR:
1. USA (Grant James, Seth Weil, Henrik Rummel, Michael Gennaro) 5.50.78, 2. Australia (William Lockwood, Alexander Lloyd, Spencer Turrin, Joshua Dunkley-Smith) 5.51.63, 3. Italia (Matteo Lodo, Paolo Perino, Mario Paonessa, Giuseppe Vicino-Fiamme Gialle) 5.51.70, 4. Olanda (Boaz Meylink, Kaj Hendriks, Mechiel Versluis, Robert Luecken) 5.54.98. 5. Bielorussia (Vadzim Lialin, Dzianis Mihal, Stanislau Shcharbachenia, Aliaksandr Kazubouski) 5.56.79, 6. Germania (Toni Seifert, Felix Wimberger, Malte Jakschik, Max Planer) 6.00.33
QUATTRO DI COPPIA FEMMINILE: 1. Germania (Annekatrin Thiele, Carina Baer, Julia Richter, Britta Oppelt) 6.118.97, 2. Polonia (Sylwia Lewandowska, Joanna Leszczynska, Magdalena Fularczyk, Natalia Madaj) 6.20.93, 3. Australia (Rebekah Hooper, Jessica Hall, Madeleine Edmunds, Olympia Aldersey) 6.22.73, 4. Italia (Laura Schiavone-Cc Irno, Giada Colombo-Sc Tritium, Sara Magnaghi-Sc Moltrasio, Gaia Palma-Sisport Fiat) 6.29.34, 5. Bielorussia (Katsiaryna Shliupskaya, Hanna Nakhayeva, Tatsiana Kukhta, Anastasiya Fadzeyenka) 6.33.07, 6. USA (Esther Lofgren, Kara Kohler, Zsuzsanna Francia, Adrienne Martelli) 7.41.35 (remo rotto)

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.