Luca Mazzone, in occasione della premiazione a Merano, leader di Coppa Paraciclismo per gli MH1
Luca Mazzone, in occasione della premiazione a Merano, leader di Coppa Paraciclismo per gli MH1

Segovia come Merano ci consegnano un settore del paraciclismo ancora più vincente, se mai questo sia possibile. A Mario Valentini mancava un MH1 di valore e alla fine l’ha trovato. Luca Mazzone è stato uno dei maggiori protagonisti di queste prime due prove di Coppa del Mondo che hanno visto conquistare nel complesso circa 30 medaglie e la conferma di 5 maglie di leader. Luca ha conquistato il secondo posto nella prova a cronometro ed ha vinto la gara in linea, confermandosi anche leader della propria categoria; leadership che aveva conquistato nella prova di Merano.
Plurimedagliati della spedizione Alex Zanardi e Francesca Fenocchio, che tornano in Italia con tre ori a testa, grazie ai successi a cronometro, nella staffetta e nell’individuale su strada. Segue, in questa speciale classifica interna ad un gruppo di paratleti che rappresentano il vanto del movimento paralimpico italiano, Vittorio Podestà, vincitore di 2 medaglie d’oro (strada e staffetta) e un argento (cronometro).
Grazie a questi risultati Alex Zanardi, Francesca Fenocchio, Luca Mazzone e la coppia Emanuele Bersini-Riccardo Panizza (Tandem – B) mantengono  la maglia di leader di Coppa del Mondo UCI nella propria categoria.

PROVE IN LINEA 16/06
1^ – Michele Pittacolo (MC4)
1^ – Andrea Taralo (MC5)
1^ – Team Relay (Francesca Fenocchio, Vittorio Podestà  e Alex Zanardi)
1^ – Luca Mazzone (MH1)
1^ – Alex Zanardi (MH4)
1^ – Vittorio Podestà (MH2)
1^ – Francesca Fenocchio (WH2)
2^ – Claudia Schuler (WH2)
3^ – Luca e Ivano Pizzi – Tandem B

PROVE A CRONOMETRO 14/06
1^ – Alex Zanardi (MH4) in 32:09.70
1^ – Francesca Fenocchio (WH2) in 19:45.90
2^ – Luca Mazzone (MH1)
2^ – Vittorio Podestà (MH2)
2^ – Claudia Schuler (WH2)
2^ – Andrea Tarlao (MC5)

Sport24h.it nasce dall’idea che ogni disciplina sportiva è portatrice di un sistema di valori, emozioni e linguaggio unici. Contrariamente alla narrazione imperante: non esistono i fatti separati dalle opinioni (in questo ci sentiamo un po’ eretici). La realtà è sempre, inevitabilmente, interpretata dalla sensibilità di chi la racconta.