Il campione polacco Jan-Krzysztof Duda ha battuto il russo Sergey Karjakin e vinto la Coppa del Mondo di scacchi 2021. I due erano approdati alla finale di questo lungo ed estenuante torneo superando rispettivamente il Campione del Mondo Magnus Carlsen e il russo GM Vladimir Fedoseev.

Il famoso giocatore di hockey russo Sergei Tolchinsky, attaccante del club Avangard KHL, ha fatto la prima mossa simbolica nel gioco della partita finale tra Jan-Krzysztof Duda (2738) Sergey Karjakin (2757).

Apertura di donna e Karjakin ha ripetuto la solida linea di Semi-Tarrasch Queen’s Gambit che ha usato con successo contro Fedoseev in semifinale. Ma Duda aveva già affrontato questa difesa anche nella sua partita contro Alexander Grischuk negli ottaviu di finale.

La mossa del polacco 12. Bxf6 è una novità secondo i motori. Dopo alcuni scambi, il gran maestro polacco ha ottenuto un piccolo vantaggio nel finale: non molto, ma abbastanza per pressare l’avversario. Karjakin, a corto di tempo e sotto pressione alla fine ha commesso l’errore fatale (26…Na5?) che l’ha costretto alla resa.

Nel match per il terzo posto, Magnus Carlsen (2847) ha vinto contro Vladimir Fedoseev (2696). La partita si è giocata lungo la linea della Caro-Kan, scelta strana ma solida del russo dopo aver perso la partita di semifinale il giorno precedente.

Carlsen è stato decisamente colto di sorpresa e ha impiegato cinque minuti interi prima di decidere di giocare la variante Advance con la linea aggressiva 4.c4, che secondo il database Fedoseev non aveva mai affrontato prima. Ben presto la posizione è uscita dalla teoria e quando Carlsen ha puntato sull’aggressivo 13. Qg4 attaccando il pedone in g7, Fedoseev ha commesso un grosso errore difensivo.

Adesso l’attenzione degli appassionati si sposterà sulle Olimpiadi on line di Scacchi che cominceranno il 13 agosto (qui)

Photo: FIDE/David Llada

Sport24h.it nasce dall’idea che ogni disciplina sportiva è portatrice di un sistema di valori, emozioni e linguaggio unici. Contrariamente alla narrazione imperante: non esistono i fatti separati dalle opinioni (in questo ci sentiamo un po’ eretici). La realtà è sempre, inevitabilmente, interpretata dalla sensibilità di chi la racconta.

Commenta