Coppa del Mondo IFSC: a Xining Ghisolfi è bronzo nel Lead

Coppa del Mondo IFSC: a Xining Ghisolfi è bronzo nel Lead

Stefano Ghisolfi in azione nella prova di Coppa del Mondo Lead a Xining

“Siamo molto soddisfatti. Sapevamo che andare in Cina e in Oriente avrebbe potuto essere una grande occasione per noi. Stefano ha fatto una gara splendida, a conferma della sua crescita costante. Dispiace per Jenny che, a causa di un dolore a un dito non ha fatto delle qualifiche brillanti. Questo gli ha impedito di arrivare in finale. Buona anche la prova di Gontero, si sa la speed è un po’ particolare ma il tempo nelle qualifiche è stato veramente buono.”
Con queste parole il tecnico della nazionale Marco Ronchi ha salutato finalmente un podio italiano in Coppa del Mondo, quello conquistato da Stefano Ghisolfi a Xining, in Cina, nella prima delle tre tappe che caratterizzano la trasferta asiatica in questo fine stagione.
Con il podio conquistato in una prova Lead, la stagione delle Nazionali di Arrampicata vira decisamente verso il segno positivo, rispetto ai deludenti risultati di un recente passato. Infatti il piazzamento di Ghisolfi deve essere sommato al successo di Leonardo Gontero nella prova di Coppa del Mondo Speed di Arco. Erano anni che l’arrampicata italiana non riusciva a piazzare due atleti ai vertici, anche se solo di una prova, del challenge internazionale. E’ ancora presto per i bilanci, ma appare evidente che il movimento si trova alle prese con due atleti di valore, ancora giovani e in grado di assicurare competitività anche in un prossimo futuro. Ghisolfi e Gontero sono entrambi del 1993 (19 anni) e nel panorama internazionale hanno pochi pari età in grado di competere con loro. Più netto questo dominio per quanto riguarda Ghisolfi, che quest’anno ha deciso di puntare decisamente sulla Coppa del Mondo, partecipando alle prove di Coppa Europa Giovanile solo in ottica di preparazione. Nell’elenco degli avversari con i quali quest’anno si è trovato a competere, il solo Skofic, raramente giunto avanti lui in Coppa, è della sua età. In Cina l’atleta delle Fiamme Oro ha completato quel processo di crescita che quest’anno l’aveva già portato in finale a Briancon. Alle sue spalle gente del calirbo di Schubert, fresco campione del mondo, o “vecchie volpi” come Ramon Puigblanque che, detto per inciso, è capitato proprio in una giornata storta, terminando 19°. Ha vinto il canadese McColl, uno che di gare ne sbaglia poche, abile a fornire un rendimento costante per tutta la stagione e in questo caso a non lasciarsi condizionare dal freddo e dall’altitudine.
Tra le donne Jenny Lavarda ha mostrato netti progressi rispetto alle ultime apparizioni in Coppa del Mondo. In semifinale ha arrampicato con determinazione, chiudendo alla 26 presa, la stessa di altre atlete che però sono passate in finale solo per un miglior piazzamento in qualificazione. Per la vicentina un decimo posto tutto sommato buono anche se resta tanto rammarico.
Poteva essere un fine settimana trionfale se Leonardo Gontero avesse mantenuto fede alle aspettative della vigilia dopo una prova di qualificazione al fulmicotone (4 tempo assoluto e un 6”26 che varrebbe, se omologato, il record italiano). Invece il piemontese è uscito subito negli scontri diretti. Per lui un 12° posto che sa tanto di amaro.
risultati completi

I podi
Speed Uomini:
1 KOKORIN Stanislav RUS
2 VAITCEKHOVSK. Evgenii RUS
3 ABDRAKHMANOV Sergey RUS

Speed Donne:
1 BRUCKNER Esther FRA
2 ROPEK Edyta POL
3 KRASAVINA Maria RUS

Lead Uomini:
1 MCCOLL Sean CAN
2 VERHOEVEN Jorg NED
3 GHISOLFI Stefano ITA

Lead Donne:
1 ERNST Johanna AUT
2 MARKOVIC Mina SLO
3 KIM Jain KOR

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.