Coppa del Mondo Lead – Per Laura Rogora 1^ successo a Briançon

La 19enne romana conquista la sua prima vittoria in Coppa del Mondo nella gara che ha segnato la riapertura della stagione internazionale dopo il blocco per Covid-19

Coppa del Mondo Lead – Per Laura Rogora 1^ successo a Briançon

La Coppa del Mondo di Arrampicata Sportiva riparte da Briançon e lo fa nel segno di Laura Rogora, la 19enne romana che rappresenta senza ombra di dubbio la nota più lieta dell’arrampicata post covid.

Laura, dopo essersi conquistata le pagine di tutti giornali qualche settimana fa scalando in ambiente outdoor un 9b (seconda donna al mondo), adesso si mette al collo il primo successo in una prova di Coppa del Mondo Lead, riportando l’Italia femminile a livelli che non si vedevano da tempo.

Nella prima prova francese, che ha segnato anche ritorno in grande stile, tra gli uomini, di Adam Ondra, Laura ha battuto addirittura “sua maestà” Janja Garnbret, campionessa del mondo in carica e grande dominatrice della passata stagione nella Difficoltà.

La giovane atleta italiana è salita in cima alla via con calma e sicurezza, tagliando 32 secondi prima dello scadere del tempo ed esplodendo in un urlo di gioia. Bene anche le altre azzurre in gara: Giorgia Tesio ha chiuso all’8° posto (un risultato che solo lo scorso anno sarebbe stato considerato un successo per il movimento sportivo italiano), Claudia Ghisolfi 15^, Ilaria Scolaris (figlia del presidente IFSC e tornata in azzurro dopo tanto tempo) 23^ e Silvia Cassol 33^.

Tra gli uomini, come ricordato in apertura, show di Adam Ondra, l’unico in grado di chiudere al top in finale Il fuoriclasse ceco ha compensato la sua assenza alla competizione dello scorso anno a Briançon regalando al pubblico francese una prestazione spettacolare. Una prestazione che gli ha consegnato la 23a medaglia d’oro ai Mondiali della sua straordinaria carriera.

Sul secondo gradino del podio, lo sloveno Domen Skofic, 26 anni, ha conquistato l’argento a 41.0, mentre l’austriaco Jakob Schubert (29) ha ottenuto il bronzo a 38.0+.

Meno bene gli azzurri. Il migliore è stato Marcello Bombardi, 15°, il giovane Filip Schenk ha chiuso al 21° posto, Davide Marco Colombo  26°, Francesco Vettorata 28° e Ludovico Fossali 42°.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.