Coppa del Mondo pista, l’Italia brinda con Inseguimento a squadre e Madison

Medaglia di bronzo nel Madison femminile, mentre l'Americana maschile conclude in testa la challenge UCI.

Coppa del Mondo pista, l’Italia brinda con Inseguimento a squadre e Madison

La quarta e ultima prova di Coppa del Mondo Pista 2017 ospitata a Los Angeles regala all’Italia lo splendido bronzo di Maria Giulia Confalonieri e Rachele Barbieri nel Madison femminile. Al termine di una gara entusiasmante l’oro è andato alle australiane Amy Cure e Alexandra Manly con 20 punti, uno più della Nuova Zelanda (Michaela Drummond e Racquel Sheath), argento con 19 punti, e due più delle azzurre, terze con 18 punti.

La classifica è stata decisa dall’ultimo sprint con punteggio doppio. Prima della volata finale erano in testa le francesi Laurie Berthon e Coralie Demay con 16 punti, seguite dalle italiane e dalle australiane con 14 punti. Ma sono state le neozelandesi con un colpo d’ala ad aggiudicarsi il bottino dei 10 punti assegnato dall’ultimo sprint balzando sul secondo gradino del podio. Le australiane, seconde, hanno preso i sei punti della vittoria. Le azzurre, terze, con i quattro punti hanno difeso il bronzo lasciando fuori del podio le francesi. Quinta la Gran Bretagna (Eleanor Dickinson – Elinor Barker), che vince la classifica finale di Coppa. “E’ un SuperBronzo” il commento più che soddisfatto del CT Salvoldi. E ancora: “Dobbiamo lavorare ancora tanto sul recupero e sul cambio, ma oggi sono molto contento così”.

In seguito Rachele Barbieri sfiora anche il podio dello scratch donne. L’azzurra paga probabilmente il grande sforzo compiuto nel madison quando si lascia scappare l’ucraina Tetyana Klimchenko e la canadese Jasmin Duehring, che guadagnano il giro per giocarsi poi la vittoria nello sprint a due. Vince l’ucraina, argento alla canadese, bronzo alla britannica Elinor Barker che anticipa Rachele nella volata delle inseguitrici. “Un altro bel risultato, ottenuto poi a meno di 15 minuti dalla fine della gara Madison. Rachele ha saputo tenere bene la posizione nello sprint finale” l’analisi del commissario tecnico. Da segnalare l’ottavo posto della indomabile Laura Basso con la maglia del Cycling Team Friuli. La classifica finale di Coppa premia la russa Evgeniya Romanyuta.

Molto pregevole il sesto posto di Francesca Pattaro nell’inseguimento individuale donne con il tempo di 3’38”968. La giovane di Este (compie 22 anni il 12 marzo) sfiora per due secondi la finale 3°-4° posto. L’oro va alla statunitense Chloe Dygert, regina di Coppa, argento all’australiana Ashlee Ankudinoff, bronzo alla neozelandese Jaime Nielsen.

La giornata si conclude con un altro alloro per la Nazionale azzurra. Questa volta sono protagonisti gli uomini, perché l’Italia si aggiudica la Coppa del Madison maschile con 1365 punti, frutto della regolarità dei risultati ottenuti nelle quattro prove. Oggi Carloalberto Giordani e Francesco Castegnaro non sono andati oltre il 12° posto, ma il successo finale va condiviso da tutto il gruppo guidato dal Ct Villa e sarà senza dubbio di stimolo in vista dei mondiali.

L’ultima gara va alla coppia irlandese Felix English- Mark Downey che precede con 57 punti la Danimarca (Julius Johansen – Casper Pedersen), argento con 45 punti, e la Nuova Zelanda (Campbell Stewart e Thomas Sexton), bronzo con 44 punti.

Ancora un oro per la tedesca Kristina Vogel, che domina la finale della velocità individuale donne contro l’ucraina Liubov Basova, bronzo alla russa Anastasiia Voinova (Gazprom), quarta l’ucraina Olena Starikova, che si aggiudica la classifica di Coppa.

Nel Keirin uomini vince a sorpresa il colombiano Fabian Hernando Puerta Zapata davanti al canadese Hugo Barrette e a Shah Firdaus Sahrom Muhammad (Isn) – La Coppa premia il ceco Tomas Babek.

Infine la Velocità a squadre uomini vede prevalere i neozelandesi Ethan Mitchell , Sam Webster ed EdwardDawkins sui tedeschi Erik Balzer, Max Niederlag ed Eric Engler, ma la Germania vince la classifica finale di Coppa. Bronzo alla Polonia (Maciej Bielecki, Mateusz Rudyk, Krzysztof Maksel) .

(da federciclismo.it) 

 

Lascia un commento

La tua email non apparirà

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.