Osijek (CRO) –  Anche il terzo giorno di gare al Pampas Shooting Range di Osijek si chiude con la colonna sonora dell’Inno di Mameli. A vincere l’oro sono stati Tammaro Cassandro, Gabriele Rossetti e Domenico Simeone che hanno dominato la classifica a Squadre Maschili con un ottimo 510/525 nelle lunghissime qualificazioni e un netto 6 a 4 inferto al team della Repubblica Ceca nel medal match per la vetta del podio.

Buona anche la prestazione della squadra femminile che ha meritato il secondo gradino del podio. Diana Bacosi, Chiara Cainero e Chiara Di Marziantonio si sono presentate nel medal match per l’oro con lo score di 480/525, il secondo miglior punteggio delle qualificazioni, ed hanno affrontato nel duello finale il team della Russia formato da Natalia Vinogradova, Zilia Baytyrshina e Nadezda Konovalova. Le due squadre si sono spese al cento per cento, sfidando anche un sole particolarmente cocente, dando vita ad un confronto molto teso ed appassionante. Alla fine hanno avuto la meglio le russe, prime sul podio con il punteggio di 7 a 3.

Domenica lo Skeet affronterà l’ultimo capitolo di questa Coppa del Mondo con la gara del Mixed Team. In pedana ci saranno le coppie formate da Diana Bacosi e Gabriele Rossetti e da Chiara Cainero e Tammaro Cassandro. Dopo le tre serie di qualificazione i migliori quattro teams si sfideranno nel medal matches a partire dalle 15.00.

RISULTATI

Skeet Squadre Maschili: 1^ ITA (Tammaro CASSANDRO-Domenico SIMEONE-Gabriele ROSSETTI) 510/525 – 6; 2^ CZE (Jakub TOMECEK-Tomas NYDRLE-Daniel KORCAK) 505 – 4; 3^ GER (Sven KORTE-Vincent HAAGA-Tilo SCHREIER) 504 – 6;4^ GRE (Nikolaos MAVROMMATIS-Efthimios MITAS-Ioannis GKOGKOLAKIS) 496 (+10) – 2.

Skeet Squadre Femminili: 1^ RUS (Natalia VINOGRADOVA-Zilia BAYTYRSHINA-Nadezda KONOVALOVA) 486/525; 2^ ITA (Diana BACOSI-Chiara CAINERO-Chiara DI MARZIANTONIO) 480/525; 3^ CZE (Barbora SUMOVA-Martina SKALICKA-Anna SINDERALOVA) 473 – 6; 4^ FRA (Noemi BATTAULT-Coline Christene HEURTEBZE-Lea RICHARD) 472 – 0;

Sport24h.it nasce dall’idea che ogni disciplina sportiva è portatrice di un sistema di valori, emozioni e linguaggio unici. Contrariamente alla narrazione imperante: non esistono i fatti separati dalle opinioni (in questo ci sentiamo un po’ eretici). La realtà è sempre, inevitabilmente, interpretata dalla sensibilità di chi la racconta.

Commenta