Coppa del Mondo Speed, con un 4° posto a Xiamen Fossali è sul podio

In Cina, il modenese sfiora il podio nella gara a tempo ma il quarto posto gli permette di conquistare il 3° posto nella challange. Ghisolfi è 7° nella Lead.

Coppa del Mondo Speed, con un 4° posto a Xiamen Fossali è sul podio

Tappa emozionante a Xiamen, in Cina, per la Coppa del Mondo Lead e Speed, dove la spedizione azzurra va vicinissima ad una medaglia con Ludovico Fossali, quarto nella Speed, e vede Stefano Ghisolfi entrare in Finale e concludere settimo nella Lead.

Il climber modenese va davvero vicino al bronzo nella gara a tempo, cedendo la medaglia all’ucraino Kostiantyn Pavlenko nella finalina. Prestazione che lo conferma comunque al terzo posto generale dietro al russo Vladislav Deulin e all’iraniano dal nome impronunciabile Alipourshenazandifar. Il russo, grazie al successo in Cina, porta a casa anche la Coppa del Mondo 2017, mentre per l’azzurro la consolazione di salire sul podio della stessa, al primo anno nella categoria maggiore. Sugli scudi anche la prestazione dell’azzurro Leonardo Gontero, ottavo.

Tra le donne, la Speed va alla francese Anouck Jaubert, che supera in Finale l’indiana Aries Susanti Rahayu, con la russa Anna Tsyganova a chiudere il podio e la nostra Elisabetta Dalla Brida la più in alto in classifica tra le italiane, sedicesima.

Nella Lead maschile, Stefano Ghisolfi non approfitta del tutto dello scivolone di Romain Desgranges, fuori dalla Finale al 23simo posto, e chiude settimo senza bissare la medaglia di Wujang ma recuperando qualche punto in classifica generale al francese. La gara va al giapponese Keiichiro Korenaga che supera il connazionale Tomoa Narasaki, Argento, e il cinese YuFei Pan, Bronzo.

In ottimo della classifica generale di Coppa del Mondo, con ancora una prova da disputare, le distanze per il successo finali si assottigliano: tra il francese, leader della stessa, e il piemontese ci sono adesso 78 punti di scarto. Da disputare ancora la prova di Kranij, in Slovena, a metà novembre. Tutto è ancora da decidere anche se un altro scivolone come quello di questo fine settimana da parte di Desgranges appare difficile.

Sul versante femminile, ancora una buona prestazione della belga Anak Verhoeven che supera la statunitense Ashima Shiraishi, con l’attuale n.1 nel ranking generale, la slovena Janja Garnbret, che si accontenta della terza piazza.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.