Coppa Italia Pallanuoto paralimpica a Busto Arsizio

Busto Arsizio scalda i motori della piscina Sartori Manara per la Coppa Italia di Pallanuoto Paralimpica.

0

Dopo il grande successo riscontrato con il Campionato Italiano di Serie A di Pallanuoto Paralimpica,  a Federazione Italiana Nuoto Paralimpico in collaborazione con la Società Asd Waterpolo Ability si rimette in gioco organizzando in questo weekend le Final Four presso la Piscina Sartori Manara a Busto Arsizio (VA).

Le squadre che si sfideranno saranno appunto quattro: la padrona di casa Waterpolo Ability, la Ssd Lazio Nuoto, Campione d’Italia 2021, la Rari Nantes Florentia e l’Asd Centro Sportivo Portici CSP.

“Nonostante le difficoltà incontrate e superate negli anni, questa straordinaria e avvincente disciplina che è la pallanuoto paralimpica sta compiendo delle piccole magie. Dopo il grande successo ottenuto nella prima edizione del Campionato di Serie A andato in onda a giugno, – afferma il Referente Nazionale Mario Giugliano – ci apprestiamo a vivere un’altra grande emozione, la Coppa Italia. Saranno quattro le Squadre che si daranno battaglia per aggiudicarsi l’ambito e titolo. Sarà una due giorni di sport ed emozioni, parlo di emozioni perché oltre a quelle che ci regaleranno i nostri atleti, dedicheremo una fetta della giornata di domenica al Memorial del nostro Roberto Melissano, consigliere Finp e fautore della pallanuoto, uomo e sportivo che non dimenticheremo mai”.

Il Programma

Sabato 16 ottobre alle ore 16.00 Semifinale 1: S.S. Lazio nuoto ssd – Rari Nantes Florentia

Sabato 16 ottobre alle ore 17.30 Semifinale 2: Waterpolo Ability – Centro Sportivo Portici Csp

Domenica 17 ottobre ore 10.00 Perdente SF1 – Perdente SF2

Domenica 17 ottobre ore 11.30 Vincente SF1 – Vincente SF2

Sport24h.it nasce dall’idea che ogni disciplina sportiva è portatrice di un sistema di valori, emozioni e linguaggio unici. Contrariamente alla narrazione imperante: non esistono i fatti separati dalle opinioni (in questo ci sentiamo un po’ eretici). La realtà è sempre, inevitabilmente, interpretata dalla sensibilità di chi la racconta.

Commenta