Cronache Universiade: l’Italia solo sesta nell’hockey

Cronache Universiade: l’Italia solo sesta nell’hockey
L'Italia dell'Hockey chiude al sesto posto nel torneo della Winter Universiade Trentino 2013

Una fase della partita tra l’Italia e la Lettonia (foto Pattis)

CURLING: ORO PER RUSSIA
E SVEZIA – E’ la Russia a vincere la medaglia d’oro al torneo femminile di curling della XXVI Winter Universiade Trentino 2013 a Baselga di Pinè.
Nel match di venerdì la  squadra russa composta da Margarita Fomina, Ekaterina Galkina, Viktoriia Moiseeva, Alexandra Saitova, Anna Sidorova, ed allenata dallo svizzero Thomas Lips si è imposta per 8-4 sulla Corea (Gim Un Chi, Kim Ji Sun, Lee Seul Bee, Um Min Ji). La Russia è andata subito avanti, ma ha subito il pareggio al quarto end (2-2). A quel punto però la Russia ha accelerato ulteriormente, mettendo a segno un parziale di 6-1 e lasciando solo l’ultimo punto alla Corea che si ritirava al nono end.
“E’ davvero un ottimo risultato, una medaglia attesa ma sempre difficile da ottenere – spiega la skip Margarita Fomina 25enne di Mosca iscritta alla Russian State University of Physical Education, Sport, Youth and Tourism – abbiamo giocato bene ogni partita e alla fine è arrivato il successo. Ora speriamo di fare bene alle Olimpiadi di Sochi, ma le Universiadi Invernali sono state un’occasione importante per crescere e aumentare il nostro spirito di squadra, un evento dove abbiamo conosciuto atleti di tanti Paesi, culture e lingue diverse”.
Grazie al successo per 9-5 contro la Gran Bretagna nella finale del pomerggio, la Svezia ha conquistato la medaglia d’oro nel torneo maschile.
Nell’incontro disputato a Baselga di Pinè, la squadra svedese, composta da Markus Eriksson, Oskar Eriksson, Kristian Lindstroem e Christoffer Sundgren si è portata al comando (8-2 al settimo end) e ha poi potuto controllare, subendo solo una parziale rimonta della Gran Bretagna (terza nel round robin con 6 vittorie e 3 sconfitte) che ha condotto al 9-5 finale.
Lo skip svedese Oskar Eriksson, 22enne studente dell’Università di Karlstad ha così commentato la partita decisiva: “Una medaglia che voglio dedicare alla Svezia ed ai tifosi che ci hanno accompagnato anche oggi in questo palazzetto. Siamo una squadra giovane che sta cercando di fare esperienza anche a livello internazionale. Questa è stata la nostra prima vittoria in un torneo di alto livello, speriamo di continuare così, ma nel frattempo vogliamo gustarci fino in fondo questa splendida medaglia d’oro”.

BIATHLON: NELLE MASS START VITTORIE PER PIDRUCHNYI (UKR) E LANDOVA (CZE) – L’ucraino Dmytro Pidruchnyi e la ceca Jitka Landova hanno vinto venerdì mattina a Lago di Tesero le mass start di Biathlon alla XXVI Winter Universiade Trentino 2013. Sul podio della gara maschile sono saliti anche il ceco Tomas Krupcik ed il russo Dmitrii Elkhin mentre in campo femminile l’argento è andato alla polacca Weronika Nowakowska-Ziemniak (poker di medaglie per lei a Trentino 2013) ed il bronzo all’ucraina Irina Varvynets.
RISULTATO MASCHILE http://winteruniversiade2013.sportresult.com/fisu/en/-60/Root/ViewPdf/BTM715101_C73E_1.0.pdf
RISULTATO FEMMINILE http://winteruniversiade2013.sportresult.com/fisu/en/-60/Root/ViewPdf/BTW712101_C73E_1.0.pdf

NEL FONDO COMANDA ANCORA LA RUSSIA – La russa Oxana Usatova ha vinto a Lago di Tesero l’ultima medaglia d’oro in palio nel fondo femminile. La venticinquenne siberiana, studentessa dell’Università di Omsk ha completato i 15km in tecnica classica in 42:50.4, superando nel finale le due norvegesi Marte Monrad-Hansen, seconda a +3.6, ed Astrid Oeyre Slind che si è messa al collo il bronzo con un distacco di 4.6 secondi.
Per l’Usatova si tratta del secondo oro a Trentino 2013, dopo il successo nella sprint – sempre a tecnica classica – disputata sabato 14 dicembre scorso.
RISULTATI: http://winteruniversiade2013.sportresult.com/fisu/en/-60/Root/ViewPdf/CCW715101_C73E_1.0.pdf

HOCKEY: L’ITALIA CHIUDE SESTA – Tre reti di Martin Baran e una di Radovan Cutt regalano alla Slovacchia il quinto posto nel torneo maschile di hockey alla Winter Universiade Trentino 2013. A farne le spese l’Italia di Fabio Polloni sconfitta 4-2 nella finalina di consolazione disputata allo stadio del ghiaccio di Cavalese, in Val di Fiemme. Una gara giocata comunque a buoni ritmi, nonostante non ci fossero medaglie in palio. Gli azzurri hanno forse sfruttato poco il gioco in power play lasciando spesso l’iniziativa agli slovacchi, bravi a rilanciare la manovra offensiva e ad occupare tutti gli spazi in campo nell’arco delle tre frazioni. Nota di merito, comunque, a Gianluca Vallini, portiere azzurro originario di Canazei, spesso determinante nel neutralizzare azioni d’attacco avversarie. Oltretutto, sul finale, il numero 1 classe ’93 ha anche parato il rigore di Peter Boltun. Gli azzurri hanno tentato il tutto per tutto giocando, senza portiere nei minuti finali; ma questo ha creato le condizioni per il quarto gol slovacco.
Sarà Canada-Kazakistan la finale di hockey maschile. Dopo la vittoria dei canadesi contro la Russia, infatti, i kazaki hanno avuto la meglio sugli Stati Uniti con un inequivocabile 5 a 1. Serata da dimenticare per il goalie statunitense Wyatt Waselenchuk, mentre i ragazzi di coach Plyuchshev hanno sempre tenuto in mano il pallino del gioco, sapendo anche reagire al goal di Murphy che nel terzo periodo aveva provato a lanciare la rimonta americana. Domani alle 10.30 al via la finale per il bronzo, tra Russia e USA, alle 14.30 di scena il big match per la conquista della medaglia d’oro.
Risultati di oggi
Semifinali:
Russia-Canada 1-2 (0-1, 0-0, 1-1): http://winteruniversiade2013.sportresult.com/fisu/en/-60/Root/ViewPdf/IHM400201_C74_3.0.pdf
Kazakistan-Stati Uniti 5-1 (1-0, 1-0, 3-1): http://winteruniversiade2013.sportresult.com/fisu/en/-60/Root/ViewPdf/IHM400202_C74_3.0.pdf

Finale 5°/6° posto:
Italia-Slovacchia 2-4 (1-1, 1-1, 0-2): http://winteruniversiade2013.sportresult.com/fisu/en/-60/Root/ViewPdf/IHM400103_C74_3.0.pdf

Finale 7°/8° posto:
Lettonia-Repubblica Ceca 1-8 (0-1, 0-3, 1-4): http://winteruniversiade2013.sportresult.com/fisu/en/-60/Root/ViewPdf/IHM400104_C74_3.0.pdf

È il Canada ad aggiudicarsi il torneo femminile con un secco 5 a 0 sulla Russia. Quella ottenuta allo Stadio del Ghiaccio di Pergine, la formazione nordamericana ha conquistato la terza vittoria consecutiva alle Universiadi. La squadra allenata da Howie James Draper parte subito forte e nel primo drittel realizza la loro prima rete al quattordicesimo minuto di gioco grazie all’azione di Jessica Pinkerton. Le russe, però, non rendono loro la vita facile e cercano continuamente di rientrare in partita. Nel secondo periodo, grazie ad una mischia sotto porta, le canadesi allungano con le marcature di Smith e Clement Heydra. Nel finale del terzo periodo arrivano anche il gol di Brooker e la seconda realizzazione di giornata per Smith. Il Canada continua così la sua striscia positiva: nemmeno una sconfitta da quando l’hockey femminile è stato inserito nel programma delle Universiadi.
Nel pomeriggio, sempre a Pergine, si è invece disputata la finale per il terzo posto: a vincerla sono stati gli Stati Uniti, che hanno sconfitto per 3 a 1 il Giappone. A 17’03” del primo periodo le statunitensi approfittano di un doppio poweplay per passare in vantaggio con Monica Korzon, ma allo scadere (19:49) il Giappone trova la via del pareggio con Rio Sakamoto. Il secondo periodo non modifica il risultato e bisogna quindi passare al terzo tempo per registrare l’accelerata delle americane, che allungano prima con Katelyn Augustine (2:30) e chiudono quindi i conti con Hayley Williams (19:57).

Finale 1°/2° posto:
Canada-Russia 5-0 (1-0, 2-0, 2-0)
: http://winteruniversiade2013.sportresult.com/fisu/en/-60/Root/ViewPdf/IHW400101_C74_3.0.pdf

Finale 3°/4° posto:
Stati Uniti-Giappone 3-1 (1-1, 0-0, 2-0):

SHORT TRACK: LA COREA E UNGHERIA – Corea e Ungheria conquistano l’oro nelle staffette alla Winter Universiade Trentino 2013 sotto gli occhi attenti del presidente della Fisu Claude-Louis Gallien. Tutti attendevano la Cina nella prova sui 3000 metri femminile, invece, la compagine asiatica ha dovuto alzare bandiera bianca a causa di una caduta. L’oro se lo aggiudica così la Corea, brava a gestire la testa della corsa dopo l’uscita di scena delle avversarie più accreditate. Argento a sorpresa per la Russia, in posizione passiva per tutta la gara, ma lesta a sfruttare gli errori delle rivali. Un po’ di disappunto per l’Ungheria, in lotta con la Corea fino ai giri finali, quando Andrea Keszler si è sbilanciata, mancando l’ultimo cambio e trovandosi così costretta a concludere lei, stremata, la gara.
L’Ungheria però si prende una clamorosa rivincita nella gara maschile sui 5000 metri. Con un ultimo giro impressionante, Viktor Knoch supera il canadese Patrick Duffy e resiste al suo tentativo di rimonta, beffandolo al fotofinish e conquistando l’oro. Il bronzo se lo aggiudica, invece, la Russia. Nella finale B la Corea si prende la rivincita per l’eliminazione di ieri a causa di una caduta e sbriciola il record delle Universiadi: 6:40.748 contro il 6:51.506 realizzato ieri nella semifinale dal Canada.
Classifica staffetta femminile: http://winteruniversiade2013.sportresult.com//HIDE/en/-60/Root/ViewPdf/STW430100_C73B_1.0.pdf
Classifica staffetta maschile: http://winteruniversiade2013.sportresult.com//HIDE/en/-60/Root/ViewPdf/STM450100_C73B_1.0.pdf

SALTO: BIEGUN VINCE  – Il polacco Krzysztof Biegun ha vinto la medaglia d’oro di salto con gli sci sul trampolino HS134 di Predazzo nella XXVI Winter Universiade Trentino 2013. Il diciannovenne studente di Scienze Motorie all’Università di Katovice, vincitore della prima gara di Coppa del Mondo della stagione a fine novembre a Kliegenthal, ha fatto segnare il miglior punteggio in entrambe le sessioni, chiudendo in vetta alla classifica con 278.6 punti per superare il finlandese Sami Niemi (267.4) ed il giapponese Junshiro Kobayashi (259.2).
Biegun ha così completato con tre medaglie l’esperienza alla XXVI Winter Universiade Trentino 2013: prima del trionfo odierno il polacco aveva chiuso al secondo posto la prova inaugurale sull’HS106 (alle spalle di Niemi, oggi secondo) per poi trainare la sua nazionale al titolo universitario nella prova a squadre. Stesso bottino, ma appena meno prezioso per Niemi che oltre all’argento odierno ha raccolto l’oro nell’individuale sull’HS106 e l’argento nella prova mista a squadre.
I RISULTATI:
http://winteruniversiade2013.sportresult.com/fisu/en/-60/Root/ViewPdf/SJM090102_C73C3_1.0.pdf

SLALOM: LA SERBA IGNJATOVIC VINCE  – La serba Nevena Ignjatovic ha vinto con il tempo di 1:38.42 lo slalom femminile della XXVI Winter Universiade Trentino 2013. La 22enne studentessa dell’Università di Belgrado ha preceduto di 36 centesimi la svizzera Margaux Givel e di 56 la ceca Martina Dubovska.
Sulla pista Alloch di Pozza di Fassa, la serba ha saputo confermare la leadership provvisoria guadagnata nel corso della prima manche, mantenendo parte del vantaggio accumulato e resistendo al perentorio ritorno della 22enne Givel, autrice del miglior tempo nella seconda discesa dopo l’ottavo posto di metà gara.
A completare il podio ci ha quindi pensato la 21enne Martina Dubovska, a sua volta protagonista di una rimonta che le ha consentito di risalire dal sesto al terzo posto finale.
RISULTATI SLALOM http://winteruniversiade2013.sportresult.com/fisu/en/-60/Root/ViewPdf/ASW020102_C73C_1.0.pdf
RISULTATI COMBINATA http://winteruniversiade2013.sportresult.com/fisu/en/-60/Root/ViewPdf/ASW105A01_C73A_1.0.pdf
http://winteruniversiade2013.sportresult.com/fisu/en/-60/Root/ViewPdf/IHW400102_C74_3.0.pdf

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.