Calasetta – In testa dal primo fino all’ultimo giorno. E’ un titolo mondiale costruito con regolarità e tenacia, quello che – nelle acque di Calasetta – conquistano Manuel De Felice e Josef Krasowki, rispettivamente neocampioni Under 17 e Under 13 della classe O’pen Skiff di vela. Un campionato vissuto fino in fondo, da loro così come dai 203 avversari di entrambe le classi (131 Under 17 e 74 Under 13), giunti in Sardegna da sei nazioni: ben quattordici, le regate compiute nell’arco di quattro giornate effettive, in perenne lotta con il vento da maestrale.

Per ottimizzare il più possibile l’ultima uscita della competizione, il comitato ha privilegiato il campo di regata di Cussorgia e dato inizio al confronto a metà mattina. Il vento ha soffiato teso e regolare, agevolando il completamento del programma di gare.

La flotta Under 17, che fino al giorno prima aveva disputato dodici regate, ha dovuto compierne solo due per chiudere la serie prevista dal bando di regata.

Più impegnativo il finale degli Under 13: frenati dalle raffiche di venerdì, hanno recuperato le due prove perse, portandone a termine ben quattro e arrivando così anche loro al traguardo di quattordici.

Under 17. Un podio tutto italiano, per i regatanti più esperti della flotta. Dopo aver ipotecato il titolo, il leader della Gold Fleet, Manuel De Felice (CN Monte di Procida) ha esercitato una manche di controllo, chiudendo la partita con 23 punti e un vantaggio pesante su Leonardo Nonnis (Lega Navale Italiana Sulcis, 57 punti).

Sul terzo gradino del podio Alessandro Guernieri (Circolo Velico Ondabuena Taranto, 64 punti) che, a parità di punti con Alessia Tiano (CN Monte di Procida), è stato avvantaggiato dai migliori risultati parziali ottenuti durante tutto il campionato.

Nella Silver Fleet, si conferma al primo posto il francese Mateo Brun (CV Castelnaudary). Nel serratissimo confronto tra i suoi inseguitori, l’ha spuntata per pochi punti il compagno di squadra George Come. Terza piazza per il cagliaritano Samuele De La Ville (Lega Navale Italiana Cagliari), autore di una fase finale in continua ascesa.

Under 13. La durissima serie finale non ha incrinato la concentrazione del polacco Josef Krasowski (Sail & Ski Klub Warszawa) che, con altri piazzamenti da primato, ha confezionato il suo primo titolo mondiale con 14 punti.

Seconda posizione confermata per Matteo Attolico (Lega Navale Italiana Procida, 49), mentre l’ultima prova è stata decisiva per consegnare la medaglia di bronzo alla polacca Daria Pedowska (Olsztynski Klub Zeglarski, 61), che per due punti ha beffato Juan De Nardo (CN Monte di Procida, 63).

“Ho vissuto questa giornata con serenità, le condizioni erano simili a quelle precedenti e dovevo solo stare attento a non commettere errori”, il commento di Manuel De Felice, campione mondiale Under 17, che in carriera ha anche la vittoria del circuito Eurochallenge nel 2018 e 2019 e il secondo posto al campionato europeo 2019, “nell’ultima prova mi sono rilassato e goduto il momento, è stato un bellissimo campionato con vento perfetto”

“E’ il mio primo titolo internazionale, e conquistato così lontano da casa, sono davvero felice”, ha detto Josef Krasowski, vincitore del titolo Under 13, “è stata una settimana fantastica, ho vinto dieci prove e avuto un pizzico di fortuna, ringrazio il mio coach e la mia famiglia che mi hanno permesso di essere qui”

“Questa edizione del campionato si chiude con l’intera serie completata da parte di tutte e tre le flotte”, ha sottolineato Guido Sirolli, presidente della classe internazionale O’pen Skiff, “merito del comitato di regata e di tutti i partecipanti, protagonisti di un’edizione che ritengo la migliore, nella storia della classe. Tra i risultati, è sicuramente di grande rilievo il podio interamente italiano nell’Under 17. Complimenti anche al giovanissimo Krasowsi, vincitore tra gli Under 13, che ha vinto dieci regate su quattordici”.

jozef krakowski

Le classifiche complete e gli aggiornamenti sull’evento sono pubblicati sul sito https://worlds2021.openskiff.org/

Foto credit: Martina Orsini

Sport24h.it nasce dall’idea che ogni disciplina sportiva è portatrice di un sistema di valori, emozioni e linguaggio unici. Contrariamente alla narrazione imperante: non esistono i fatti separati dalle opinioni (in questo ci sentiamo un po’ eretici). La realtà è sempre, inevitabilmente, interpretata dalla sensibilità di chi la racconta.

Commenta