Straordinario Giovanni De Gennaro nella prima prova di coppa del mondo di canoa slalom in corso a Praga, in Repubblica Ceca. Sulle acque del fiume Vltava l’azzurro ha conquistato la medaglia d’argento nel K1 fermando il cronometro sul tempo di 90.87, a soli 45 centesimi dalla vetta. In finale il carabiniere bresciano è stato praticamente perfetto, destreggiandosi tra le porte del difficile canale ceco con grande sicurezza e rapidità. Meglio del 28enne di Roncadelle solo il campione di casa Jiri Prskavec, bronzo a Rio 2016, che ha chiuso con il tempo di 90.42; terzo posto per il francese Mathieu Biazizzo in 92.01.

Una prestazione di grande livello quella dell’azzurro, fresco della medaglia d’argento conquistata agli Europei di Ivrea lo scorso maggio, soprattutto in chiave olimpica visto che in finale a Praga c’erano tutti i migliori atleti della specialità. “Sono davvero soddisfatto per questa medaglia, sono felice anche se è mancato davvero poco per l’oro”, ha commentato De Gennaro. “E’ stata una gara davvero difficile e sono molto soddisfatto di aver confermato le mie potenzialità con questo argento. La strada è quella giusta per continuare a preparare le Olimpiadi al meglio”.

Marcello Beda (CC Bologna) invece si è fermato in semifinale con il 19° tempo in 96.76 con due secondi di penalità per un tocco alla sesta porta. Domani invece scenderanno in acqua per le semifinali gli specialisti della canoa canadese: il primo degli azzurri al cancelletto di partenza sarà Paolo Ceccon (Carabinieri) alle 10.11, poi Raffaello Ivaldi (Marina Militare) alle 10.41 e Roberto Colazingari (Carabinieri) alle 10.45. Tutti e tre cercheranno di entrare nei primi dieci per guadagnarsi un posto nella finale in programma alle 12.10. Dopo Praga gli azzurri faranno rotta su Markkleeberg in Germania per la seconda tappa di coppa del mondo dal 18 al 20 giugno.

LIVE RESULTS

LIVE STREAMING

Sport24h.it nasce dall’idea che ogni disciplina sportiva è portatrice di un sistema di valori, emozioni e linguaggio unici. Contrariamente alla narrazione imperante: non esistono i fatti separati dalle opinioni (in questo ci sentiamo un po’ eretici). La realtà è sempre, inevitabilmente, interpretata dalla sensibilità di chi la racconta.

Commenta