Domenica 27 la Roma Canoe Marathon – Pagaiando per l’Ambiente

L’obiettivo della “Roma Canoe Marathon - Pagaiando per l’Ambiente” è contribuire in maniera determinante a valorizzare e far conoscere il Tevere e le sue bellezze, un patrimonio cittadino e della storia del nostro Paese.

Domenica 27 la Roma Canoe Marathon – Pagaiando per l’Ambiente

Domenica 27 ottobre il Tevere sarà il palcoscenico naturale della prima edizione della “Roma Canoe Marathon – Pagaiando per l’Ambiente”, un evento che chiamerà a raccolta sul fiume della capitale tutti gli amanti degli sport della pagaia. Agonisti e amatori a bordo di canoe, kayak, sup, dragon boat, gommoni da Rafting, con qualsiasi tipo d’imbarcazione singola o mulitposto a propulsione a remi e pagaia, solcheranno gran parte del tratto urbano del fiume, passando sotto ben 11 ponti comprese le rapide di Ponte Milvio.

L’obiettivo della “Roma Canoe Marathon – Pagaiando per l’Ambiente” è contribuire in maniera determinante a valorizzare e far conoscere il Tevere e le sue bellezze, un patrimonio cittadino e della storia del nostro Paese, enfatizzando nel contempo i valori sociali, ambientali, storici e sportivi. Sviluppare così una maggiore consapevolezza per il rispetto dell’ambiente e delle acque, una vocazione “green” che è peculiare nella vita di ogni canoista, attraverso un evento totalmente Plastic Free che ha ricevuto il patrocinio del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, Regione Lazio, WWF Italia e Marevivo. Ad ogni partecipante sarà infatti consegnata una borraccia in alluminio per scoraggiare l’uso delle plastiche monouso.

Il primo risultato significativo, grazie all’intervento della Regione Lazio, è stata la pulizia delle banchine e degli argini del tratto di fiume compreso tra il Ponte della Musica e l’Isola Tiberina, circa 5,5 km di sponde tornate a risplendere per accogliere sportivi e spettatori della gara.

Un messaggio ambientale, sociale e sportivo che la Federazione Italiana Canoa Kayak ha deciso di promuovere con il sostegno e la partecipazione di molte associazioni ed aziende che si sono riconosciute nei valori che questa manifestazione incarna. Enel Green Power, azienda leader nel campo delle energie rinnovabili, ha spostato il progetto “griffando” i pettorali di gara e le borracce. AllWave, tra i più importanti costruttori nell’universo della pagaia, ha messo in palio una canoa “Vanguard Scuola” che sarà assegnata con una lotteria ad una delle società partecipanti. Sarà presente anche l’associazione Pagaie Rosa Onlus, composta da tutte donne operate di tumore al seno, la cui finalità principale è proprio quella di migliorare la qualità della vita di coloro che sono affette da carcinoma mammario.

Domenica scenderà in acqua anche il “panda” come primo passo della campagna #LiberiAmoifiumi lanciata dal WWF per promuovere azioni che liberino i nostri corsi d’acqua da inquinamento, a partire dalla plastica, e sbarramenti dannosi. Il 41% dei fiumi italiani è purtroppo ben al disotto del buono stato ecologico. Due gommoni da rafting con a bordo un team di volontari e staff WWF, insieme al Panda mascotte, parteciperanno alla gara ‘amatori’ mentre il direttore generale WWF Italia, Gaetano Benedetto, accompagnerà l’equipaggio dell’imbarcazione istituzionale. All’arrivo un team volontari distribuirà materiale informativo su plastica e fiumi nello stand WWF. Si inaugura così la collaborazione tra WWF e Federazione sancito mercoledì dalla firma di un Protocollo d’intesa.

Credito fotografico: Elena Mancini/Elenistique 

Abbonati qui a Express VPN, ottieni il 30% di sconto

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.