Doping, l’incidenza nei singoli sport: i dati in Italia del 2019

Un'analisi sul fenomeno del doping alla luce dei dati pubblicati da NADO Italia per quanto riguarda il 2019 e la serie storica dei controlli realizzati dal Ministero della Salute.

Doping, l’incidenza nei singoli sport: i dati in Italia del 2019

La condanna di Iannone a quattro anni ha riacceso i riflettori sul doping nello sport, anche in questo periodo in cui siamo abituati a parlare di altri tipi di positività.

Ricordiamo che periodicamente gli enti preposti al controllo sia in Italia che all’estero aggiornano i dati, cercando di fornire una fotografia del fenomeno che coinvolge tutte le discipline, nessuna esclusa.

Gli ultimi dati per quanto riguarda lo sport italiano sono quelli del 2019 forniti da Nado Italia, l’organizzazione nazionale antidoping derivazione funzionale della Agenzia Mondiale Antidoping (World Anti-Doping Agency WADA) (qui i dati e le serie storiche).

Abbiamo quindi ritenuto opportuno aggiornare quanto già pubblicato lo scorso anno da Sport24h in uno degli articoli ancora oggi più letti (Doping: la statistica degli sport “maledetti”) che fa riferimento ai dati NADO del 2017

Abbiamo anche pensato di analizzare gli ultimi dati forniti dal ministero della salute, che si riferisce ai controlli realizzati nel 2018 ed in particolare di pubblicare ed elaborare in percentuale decrescente per positività la serie storica dal 2003 al 2018.

Prima di addentrarci nella sintesi, vale la pena ricordare che i controlli antidoping in Italia vengono svolti dai soggetti citati Nado e Ministero delle Salute, con quest’ultimo che ormai sta pian piano diminuendo gli interventi.

Inoltre si ricorda che il controllo a cui è risultato positivo Iannone (GP della Malesia) non rientra nelle statistiche citate, perché svolto all’estero.

Partiamo dal report 2019 di Nado Italia. Nel 2019 sono stati realizzati 9022 controlli; 5136 in competizioni e 3886 fuori competizioni.

Sono stati trovati 119 “esiti avversi” (ovvero positivi), di cui 19 autorizzati in quanto rientranti in prescrizioni mediche dichiarate prima della gara. Sono state inoltre rilevate 110 mancate comunicazioni di spostamenti, che hanno generato controlli mancati. La percentuale media positivi/controlli è di circa 1,3%.

Di seguito il dettaglio

i dati sono riportati nel Rapporto NADO 2019

Se non trovate qualche sport è perché, a fronte di controlli, non sono stati rilevati casi. Lì dove è presente il termine “non noto” è perché l’ente non ha dichiarato quanti controlli sono stati realizzati ed è quindi impossibile calcolare la percentuale di positività.

Senza entrare nel dettaglio degli sport “maledetti” (come li abbiamo definiti con un’espressione forse troppo forte ma che ha riscosso un grande successo) questa tabella a nostro avviso merita di essere comparata con quella estrapolata dal rapporto del Ministero della Salute sui controlli 2018 (qui il report completo).

La tabella mostra i controlli realizzati dall’agenzia dal 2003 al 2018 e i positivi per ogni singolo sport o federazione.

Cosa ci dicono queste due tabelle nel loro insieme?

L’elemento forse più evidente riguarda lo sport non “strutturato”, che generalmente ha una percentuale di positivi maggiore rispetto a quello gestito dalle Federazioni e quindi legato all’attività agonistica di alto livello. Per capirci, il mondo amatoriale, spesso organizzato dagli enti di promozione sportiva, è quello nel quale insiste con maggior evidenza la piaga del doping. La seconda tabella in questo senso è emblematica.

Il secondo elemento riguarda quelle discipline presenti nella parte altra di entrambe le tabelle. Se la prima tabella fotografa la situazione del 2019, la seconda fornisce uno spaccato degli ultimi 15 anni.

E’ bene ricordarlo: a livello di singoli valori, le due tabelle non possono essere sovrapposte, essendo controlli realizzati da enti diversi. Ma a livello di percentuale controlli/positivi i valori riescono a dare un’idea abbastanza esatta delle discipline nelle quali il fenomeno incide con maggiore evidenza.

Jules Elysard

Lascia il tuo commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.