Double Trap: Marco Innocenti centra l’argento e il pass olimpico

Al Ain (UAE) – Il conto delle Carte Olimpiche per Rio 2016 già in possesso dell’Italia sale a sette. A meritarsi l’ultima è stato Marco Innocenti vincendo la medaglia d’argento nella gara di Double Trap della 2ª Prova di Coppa del Mondo. Trentasei anni, toscano di Montemurlo (PO),  vanta una lunga carriera di successi, iniziata nel 1992. Insieme ai tanti allori presenti nel suo palmares, di cui l’ultimo è il bronzo europeo centrato a Sarlospustza (HUN) lo scorso anno, ci sono anche due partecipazioni olimpiche, Sydeny 2000 e Atene. In questa gara si è battuto da campione, meritandosi l’accesso alla semifinale con lo score di 141/150 e approdando al gold match ed al Pass olimpico con un perfetto 30/30. Nel duello finale, quello per l’oro e l’argento, ha affrontato il medico russo Vasily Mosin, medaglia di bronzo ai Giochi di Londra 2012, insidiandolo piattello dopo piattello. Purtroppo, a causa di uno zero del nostro  nel tredicesimo turno di tiro, Mosin ha conquistato l’assalto finale meritandosi il primo posto con il punteggio di 26 a 25.
Sono molto contento ed onorato di aver contribuito all’avventura olimpica italiana – ha spiegato Innocenti a fine gara –. Questo era l’obiettivo che volevo raggiungere ed averlo concretizzato nella prima uscita della stagione mi conferma la qualità del lavoro che ho intrapreso. Ringrazio il CT Mirco Cenci e la Federazione che mi hanno sostenuto e dedico la Carta a tutti quelli che mi vogliono bene”.
Eccellente anche la prestazione di Davide Gasparini, marchigiano in forza al Gruppo Sportivo dell’Esercito, a cui gli Emirati Arabi portano senz’altro fortuna. Dopo i bronzi centrati nel 2013, uno in Coppa del Mondo proprio su queste pedane ed uno nella Finale di Coppa nella vicina Abu Dbabi, il venticinquenne di Gabicce ha confermato il piazzamento anche in questa occasione. Dopo il 142 delle qualificazioni ed il 25 nella semifinale, Gasparini ha affrontato l’americano Derek Haldeman nello scontro diretto per il terzo posto, vincendo comodamente con il punteggio di 27 a 23.
Niente semifinale per Daniele Di Spigno, terzo azzurro in gara. Il poliziotto di Terracina ha centrato il perfetto 30/30 solo nel finale, ma i quattro 26 concretizzati nelle prime serie lo hanno relegato in dodicesima posizione con lo score finale di 136.
Grazie al pass olimpico di Innocenti e a quello di Antonino Barillà (Marina Militare), Vice Campione del Mondo a Granada 2014, il Direttore Tecnico Mirco Cenci chiude il conto con la qualificazione Olimpica per Rio e può affrontare il resto della stagione con nuova tranquillità “In realtà, più che chiudere un conto, si apre una nuova avventura, quella che ci porterà in Brasile. Indubbiamente ci siamo tolti un bel peso, soprattutto perché il risultato non era assolutamente scontato. E’ stata una Coppa del Mondo difficile, in cui erano presenti i migliori tiratori del Mondo. Aver piazzato due italiani in semifinale ed aver conquistato due medaglie è un risultato eccezionale. Posso dirmi soddisfatto di tutti. Oltre a Marco (Innocenti, ndr) e Davide (Gasparini, ndr), anche Daniele (Di Spigno, ndr) è stato bravo. Purtroppo ha iniziato male con un 26 e ci ha messo un po’ ad entrare in gara, ma il 30 finale dimostra che c’è. Voglio ringraziare molto la Federazione che ci ha permesso di venire qui un mese e mezzo fa per preparare la gara. E’ stato un grande sforzo economico ed organizzativo che, però,  ha dato i suoi frutti”.

 RISULTATI

Double Trap
Finale: Vasily MOSIN (RUS) 143/150 – 28/30 – 26/30; 2° Marco INNOCENTI (ITA) 141 – 30 – 25; 3° Davide GASPARINI (ITA) 142 – 25 – 27; 4° Derek HLADEMAN (USA) 140 (+2); 5° James WILLET (AUS) 142 – 23; Hubert Andrzej OLEJINIK (CZE) 140 (+2) – 21; 15° Daniele DI SPIGNO 136.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.