EBK High School Cup, 16 squadre romane per lanciare il 3×3

Saranno sedici le scuole coinvolte nel torneo con gli istituti che, nella prima fase, verranno divisi in quattro gironi, basati sul criterio della zona di appartenenza, con gare di andata e ritorno da disputarsi presso le palestre delle scuole stesse.

EBK High School Cup, 16 squadre romane per lanciare il 3×3

In palio c’è un campo regolamentare 3×3. Andrà alla scuola che vincerà, a fine anno scolastico, la EBK High School Cup, il primo campionato 3×3 di pallacanestro riservato a sedici istituti superiori romani che si affronteranno con la formula dei concentramenti e poi dei playoff.

Il progetto, presentato nell’Aula Magna del Centro di Preparazione Olimpica “Giulio Onesti” di Roma, è stato ideato dalla Leonis Eurobasket Roma, la società la cui prima squadra milita nel campionato di serie A2. EBK High School Cup che ha ricevuto il patrocinio del Comitato Regionale Lazio della FIP, oltre che della Regione Lazio e del Comune di Roma.

L’iniziativa, ideata e organizzata da Eurobasket Roma ha lo scopo di portare tra i banchi di scuola i principi di lealtà sportiva attraverso lo stimolo di una competizione che possa promuovere la pallacanestro nelle scuole e fungere da veicolo per aggregare gli studenti della nostra città sia dal punto di vista sportivo, sia dal punto di vista organizzativo.

Saranno sedici le scuole coinvolte nel torneo con gli istituti che, nella prima fase, verranno divisi in quattro gironi, basati sul criterio della zona di appartenenza, con gare di andata e ritorno da disputarsi presso le palestre delle scuole stesse. Le prime due qualificate di ogni girone disputeranno i playoff con gare ad eliminazione diretta da giocarsi al nuovo Palazzo dello Sport durante l’intervallo delle gare ufficiali di campionato dell’Eurobasket Roma, fino ad eleggere l’istituto vincitore della prima High School Cup della Capitale. 

“Siamo convinti che il nostro progetto faccia bene a tutto il movimento, al basket romano e alla nostra squadra perché crediamo nel basket come elemento di comunicazione ed immagine” ha affermato in apertura il vicepresidente dell’Eurobasket Emilio Gisondi. “Perché abbiamo proposto questo progetto? Beh, siamo partiti dalla considerazione – ha spiegato il responsabile marketing della Leonis Eurobasket Antonio Mangiola – che non tutte le scuole hanno un campo regolamentare, che le squadre di 4 giocatori sono più facili da formare in una classe e poi il 3×3 è una disciplina olimpica.”

“I Giochi Olimpici sono la manifestazione più importante – ha ricordato il presidente FIP Giovanni Petrucci -. Parteciparvi è il sogno che coltiviamo. Il progetto EBK High School Cup è un investimento importante, ci permette di entrare e dialogare con le scuole.

Sabato prossimo – ha concluso il presidente Petrucci – sarò a Ferentino, in provincia di Frosinone a vedere la partita di serie A2 della Leonis Eurobasket. Ci vado perché voglio mostrare affetto ad una squadra romana che deve emigrare per giocare in casa. Non è giusto, non è serio, non è corretto. Al Palazzetto dello Sport i lavori non sono ancora iniziati con conseguenze anche per la Virtus Roma. Lo sport è socialmente importante e non si può andare avanti così. Nella città di Roma, nella capitale d’Italia c’è tutto: il Papa, il Presidente della Repubblica, il Parlamento, ma non c’è il basket: non è possibile!”

“Il 3×3 ci ha porta dalle strade ai Giochi Olimpici – ha detto il responsabile FIBA 3×3 Alex Sanchez – per cui è importante che si parta dalla scuola. L’Italia ha vinto la World Cup femminile e sicuramente è una delle Nazioni che può essere protagonista ai Giochi Olimpici.”

Per info https://www.ebkroma.it/

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.